Bertoni/Boccardi/Mongardi – Litio (Boring Machines, 2016)

È interessante leggere il percorso di Alberto Boccardi dagli esordi in solitaria fino ai più collaborativi progetti odierni, soprattutto perché il risultato difficilmente coincide con ciò che ci si aspetterebbe sulla carta. Prendete Litio: nasce dall’esperienza che il nostro ha con Antonio Bertoni (Tongs, Pequod) e Paolo Mongardi (Zeus, Fulkanelli, Fuzz Orchestra) durante il tour di Fingers, che già aveva ospitato i due in fase di registrazione. L’affiatamento era stato notevole e la conseguenza è stata un doveroso allargamento della ragione sociale e una riduzione dell’organico, dalla pletora di collaboratori di quell’album allo scarno terzetto pseudo-rock per batteria, contrabbasso ed elettronica di questo. In realtà siamo piuttosto distanti dalle sonorità di Fingers così come da ogni altra uscita della pur eclettica Boring Machines trattandosi di un disco dove l’improvvisazione ha un ruolo di primo piano ed è accostabile alle uscire di Setola Di Maiale meno orientate al jazz (Massa Sonora Concentrata, il duo Santini/Sanna). Se lo catalogassimo sotto qualche filiazione dell’ambient nessuno avrebbe di che scandalizzarsi, ma certo la filosofia che sottintende al progetto è ben diversa: la definizione regge solo se la si interpreta quasi etimologicamente come musica che costruisce ambienti. Appurato questo devo ammettere che spiegare come suoni Litio non è impresa semplice; sicuramente non come la somma delle sue parti. Mongardi è il motore, in senso proprio e figurato, tanto che laddove le percussioni non sono così in evidenza troviamo il brano meno memorabile del lotto (Red Stone Floating). Bertoni è la sorpresa, usa il contrabbasso in modo spesso poco convenzionale e compie un lavoro di cucitura oscuro ed essenziale alla riuscita del disco. Boccardi è il fantasista, può piazzarti un ritmo sintetico o una texture ambientale, una melodia come un suono poco addomesticato. I tre giocano a memoria e nessuno dei brani – tutti piuttosto fisici e diretti – vi darà punti di riferimento, dalla quiete prima della tempesta evocata dai soundscape carichi di elettricità di Vento Solare, che sul finale diventa un dub straniante, ai miraggi trance indotti dai dalle percussioni telluriche e dai bordoni infiniti di Chimera. La citata Red Stone Floating marca una pausa con un ambient sottilmente ritmico e sporco, ma l’energia è conservata per dar linfa a Reconfigure Matter_Energy_Space_Time (titolo che ben si addice a descrivere l’intero lavoro) dove umano e sintetico si avvinghiano in complicati intrecci ritmici che dando vita a una techno di nervi e muscoli che finisce, dopo un breve intermezzo di quiete, in un cupo amplesso noise che trova pace solo nella fine. Forse Litio vi richiederà qualche ascolto perché possiate apprezzarlo nella sua totalità, ma ne varrà la pena e quando lo avrete compreso pienamente capirete che è solo l’inizio: questo è materiale che dal vivo promette di essere una bomba.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Dio Contro Il Diavolo (Trovarobato, 2008)

Benchè con clamoroso ritardo, finalmente mi accingo a recensire quello che, ancora ad oggi, resta l'ultima fatica del piacentino…

26 Jul 2010 Reviews

Read more

Movie Star Junkies - Son Of The Dust (Outside Inside,…

Mi piacerebbe parlare di questo nuovo recentissimo album dei Movie Star Junkies, fuori per Outside Inside Records esclusivamente in formato…

18 Apr 2012 Reviews

Read more

Extra - F R Double E (Commune, 2006)

Già membro negli anni novanta dei Drill Team, band alt rock, il californiano J. Mills si diverte con questo progetto…

20 Dec 2007 Reviews

Read more

Prehistoric Pigs - Wormhole Generator (Moonlight, 2012)

Ferroso e macilento sludge nostrano che a passo incartato e moribondo procede per tutta la durata di questo esordio. Ogni…

25 Feb 2013 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Lebenswelt - Metaphysics Of Entropy (Under My Bed, 2019)

C’è stato un tempo in cui “indie” non era una parolaccia che evoca canzonette inutilmente sghembe e cantanti fintamente arguti…

02 Apr 2019 Reviews

Read more

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown" non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile…

04 Jan 2021 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Boring Machines, 2007)

Gruppo che annovera qualche membro degli Yellow Capra, ma differente dal progetto madre la musica si trova in tutt'altro emisfero.…

09 Jan 2008 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Luciano Caruso/Luigi Vitale - Tripterygion (Aut, 2011)

Seconda uscita per la Aut, dopo l'esordio Kongrosian/Sabatin con il secondo disco mi sembra evidente che l'etichetta sottolinei come si…

26 Mar 2011 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - La Stanza Di Swedenborg (Eibon, 2006)

Uno dei gruppi genovesi più "chiaccherati" del momento? Non saprei, non abitando neppure nella Superba dura valutarne la fama in…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Caligine - I 3” (Monstre Par Exces, 2008)

Meglio tardi che mai, ed effettivamente ci ho impiegato un po’ di tempo a recensire questo 3” dei Caligine, sia…

30 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top