AA.VV. – Rumori Sacri (End Of Kali-Yuga, 2011)

A fronte degli ormai numerosi testi e documentari che si preoccupano di storicizzare l’epopea dell’hardcore italiano degli anni ‘80 e ’90, con codazzo di reunion inutili e molto spesso imbarazzanti, la scena industriale si è sempre dimostra molto parca, in materia. A tutt’oggi la bibliografia annovera solo l’appendice di Paolo Bandera al Manuale Di Cultura Industriale edito dalla Shake e alcuni paragrafi nel recente Industrial [R]evolution di Giovanni Rossi.
È quindi il benvenuto questo volume dell’esordiente casa editrice End Of Kali-Yuga, che raccoglie le storie di quattro formazioni nostrane, scelte non so bene con che logica (una prefazione un po’ più esaustiva di quella presente si sarebbe fatta preferire), ma tutte certamente significative, ordinandole in una grafica pulita e corredandole di immagini spesso rare od inedite. Si inizia con Aldo Chimenti che, col suo stile magniloquente, ripercorre la storia dei romani Ain Soph, sviscerando ogni possibile significato e riferimento contenuto nella musica, nei testi e nelle grafiche. Se nella biografia dei Death In June questo metodo mi era parso pedante e spesso irritante, qui ha invece una grande utilità, avendo l’opera del gruppo significati così oscuri da dover per forza essere spiegati al profano che ci si voglia avvicinare. È poi la volta di Devis Granziera che rispolvera uno dei gruppi dimenticati di quegli anni, i veronesi Rosemary’s Baby, unici associati italiani al Temple Of Psychick Youth. Tipico esempio di figli della provincia che sanno crescere e svilupparsi facendosi forza del proprio isolamento fino a varcare i confini nazionali, la storia del gruppo scaligero è la più interessante di quelle qui presentate, sia per la qualità della scrittura, sia perché permette di luce su una formazione che, a causa della brevità della carriera e della difficile reperibilità dei dischi (ma una ristampa no?) era fino ad ora rimasta viva solo nei ricordi di chi c’era. Il terzo capitolo sottolinea una certa disomogeneità del volume, essendo una specie di autobiografia dei Sigillum S, scritta da Paolo Bandera. Dagli altri contributi si differenzia anche per la forma, poichè l’autore sceglie di affrontare la carriera del gruppo anno per anno, in una sorta di diario che prende il più delle volte la forma di auto-recensioni. Una lettura già per questo non scorrevolissima, appesantita da un tono eccessivamente autocelebrativo e dalla mancanza di un editing fatto come si deve, che lascia per strada qualche errore e diverse, fastidiose ripetizioni. In ultimo è il capitolo su Atrax Morgue a cura di Alessandro Papa, che rievoca con sguardo preciso e al contempo affettuoso, la vicenda di Marco Corbelli e della sua creatura. Con scelta felice, l’autore non indugia troppo sulle uscite discografiche, ma preferisce tratteggiare la figura di Corbelli e la sua vicenda umana, dando risalto a un percorso in cui vita ed arte, dagli esordi fino al tragico epilogo, appaiono strettamente legate. Tirando le somme, Rumori Sacri è un volume che, pur scontando qualche errore di inesperienza, va a riempire un vuoto editoriale, almeno parzialmente. È auspicabile che altri seguano l’esempio, per far sì che uno degli ambito musicali meno etichettabili e più creativi che il nostro paese abbia generato, possa avere la possibilità di farsi conoscere e, perché no, riflettere su sè stesso.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon…

03 Oct 2016 Reviews

Read more

Satanismo Calibro 9 – 20/01/2017 Circolo Colony (Brescia)

È giusto precisare subito una cosa: la serata a cui ho assistito e che ha visto la partecipazione dei Satanismo…

25 Jan 2017 Live

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Valerio Cosi – Plays Popol Vuh (Dreamsheep, 2014)

Non si può dire che Valerio Cosi non ami il rischio: a misurarsi in maniera così scoperta con dei mostri…

02 Dec 2014 Reviews

Read more

Fausto Balbo - Login (Afe/Snowdonia, 2012)

Dopo che negli ultimi anni ha pubblicato un live assieme agli St.Ride e un disco con Andrea Marutti, Fausto Balbo…

30 Jan 2013 Reviews

Read more

Rock And The City - Pop Goes The world

Come sta il Pop oggi: comatoso o vivo e vegeto? Proviamo a cercare di capire che accade, ponendo più domande che…

22 Jul 2006 Articles

Read more

Picore - Assyrian Vertigo (Jarring Effects, 2012)

Concettuale e ostico, il sestetto francese Picore si immerge con l'album Assyrian Vertigo in una sorta di delirio in…

03 May 2012 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Don Turbolento - Spend The Night On The Floor (Autoprodotto,…

Ricordo di aver visto dal vivo i Don Turbolento una sera d'inverno in una taverna-scantinato. All'interno c'era una festa di…

24 Aug 2007 Reviews

Read more

Riga - Escapism (Chew-Z, 2011)

Ero curioso di sentire questo disco dei Riga e non mi ha lasciato con l'amaro in bocca. C'erano varie ragioni…

07 May 2011 Reviews

Read more

Gopota – Human Demo Version (Silent Method, 2017)

Preso singolarmente Human Demo Version è un disco death-industrial adatto a fanatici freak noise o a neofiti che vogliano affrontare…

17 Jan 2018 Reviews

Read more

The Paper Chase + Nicker Hill Orchestra + Entrofobesse -…

Questa sera, davanti all'ingresso del Kroen, sosta uno strano figuro, postura ingobbita, andamento ciondolante, parlata non locale. Non ci sono…

17 Nov 2009 Live

Read more

Nadja + Whitehorse + Ivens + MV - 15/10/10 The…

Arriviamo giusto in tempo all'ultima data disponibile nel continente australiano per vedere i Nadja, che hanno accompagnato i Dead Meadow…

12 Sep 2010 Live

Read more

Mingle – Ephemeral (Kvitnu, 2017)

Per Andrea Gastaldello/Mingle il termine “iperattività” semplicemente non ha significato, la serie di frequenti uscite che hanno caratterizzato gli ultimi…

27 Sep 2017 Reviews

Read more

Des Moines - Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il…

14 Nov 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top