Wora Wora Washington – Radical Bending (Shyrec, 2012)

E’ dal 2008 che questi tre fanno roba che non riesce a farti stare fermo neanche se vuoi. Definito Power-electro e apprezzato a tutto tondo, non c’è verso che non si riconosca che gli Wora Wora Washington non siano molto in gamba: un gran tiro musicale e attitudine live da vendere (gran biglietto da visita, prima di altre date in cui ho avuto il piacere di vederli, la loro performance al Tago Festival poco prima che uscisse il loro primo album), basso-chitarra-batteria (iper customizzata ad arte), groovebox e synth, roba analogica vintage e digitale super all’ultimo grido. Un mix eccellente che supporta canzoni scritte anche con la collaborazione della music-poetess Giulia Galvan. Se già Techno Lovers del 2009 aveva dato un imprinting ben preciso alla identità della band, Radical Bending – già dalla title track che apre l’album – sancisce la direzione del loro lavoro che è fatto di pezzi altamente energetici e ritmicamente serratissimi – Love It -, vagamente ossessionanti – Dozen Frozen -, potenziali hits, di cui innamorarsi follemente senza sapere neanche bene il perchè, sporcate di techno che non disdegnano di agganciarsi alla new wave più ‘allegra’ e danzereccia – Marbles e LN -, possibile motivo per cui gli WWW (a mio parere uno dei nomi più belli mai sentiti), già dal 2009, girano molto in Germania, paese tradizionalmente ‘attratto’ da certe sonorità. ‘Is a ringing bell, but there is no church around this place’ si sente urlare a più voci ed è proprio vero che, come si legge nella loro bio, il progetto è formato da ‘ tre, ma sembrano in dieci’ e che non si può ascoltare questo disco a volume basso (motivo per cui i miei vicini probabilmente sperano che finisca di scrivere presto questa cosa).
Una curiosità: bambini di 7 anni, sottoposti casualmente all’ascolto del disco in questione, nel giro di pochi secondi, dimostrano altissimo gradimento manifestandolo soprattutto con estrema e gioiosa iperattività. A parte che sembra l’incipit di un bugiardino o una nota di una ricerca di psicologia dello sviluppo, mi sembra un gran bel complimento, no?

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Killed By 9V Batteries – The Crux (Siluh, 2011)

Parlavo proprio del Flex di Vienna nella precedente recensione degli Squaramouche ed ecco che leggo sul flyer che mi è…

12 Jan 2012 Reviews

Read more

Glorytellers + Guapo - 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità…

27 Sep 2008 Live

Read more

Joy As A Toy – Dead As A Dodo (Cheap…

"Freely inspired by Dario Argento's movies" è quanto si apprende sfogliando il booklet del cd dei belgi Joy As A…

16 Jul 2012 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - 09/01/09 Morya (Cellatica - BS)

La neve, caduta abbondante in questo inizio d'anno sul basso Piemonte, ha causato l'annullamento della data dei Bachi Da Pietra…

27 Jan 2009 Live

Read more

Tsigoti – Private Poverty Speaks To The People Of The…

Perchè parlare oggi di un disco uscito nel 2009? Semplicemente per due motivi: da Sodapop non era ancora passato e…

10 Jul 2012 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Kick – Light Figures (Anomic/Dischi Sotterranei/Sour Grapes, 2022)

Eleganza, buon gusto, stile, voce femminile, occhiali neri. Il secondo disco dei Kick, duo con batterista aggiunto (così si evince dalle…

19 Apr 2022 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

The Sinai Divers - Elders (A Lot Of Brians, 2012)

Philippe Henchoz, cantante e chitarrista dei Ventura, negli anni ha registrato canzoni in solitudine tenendole per sé, salvo poi decidere…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Hazardous Waste – El Coche Boogalero (Autoprodotto, 2012)

Se pensavate essere arrivati ai confini del garage rock con Pussy Galore, Piranhas e Hospitals dovrete ricalcolare il percorso. Gli…

24 May 2013 Reviews

Read more

Luca Sigurtà – Grunge (Silken Tofu, 2017)

Se questo disco di Luca Sigurtà sia una svolta verso nuovi orizzonti, l’inizio di un percorso parallelo o un episodio…

28 Feb 2018 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Tiziano Milani - Music As A Second Language (Setola Di…

Vera sorpresa quella di Tiziano Milani, per una serie di casi della vita nel giro di pochi mesi passo dal…

02 Aug 2007 Reviews

Read more

Visti e sentiti: cronaca frammentaria di un’estate in musica

Senza pretese di essere esaustivi, un rapido excursus su quanto ci è capitato davanti agli occhi (e nelle orecchie) in…

14 Sep 2012 Live

Read more

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top