Vonneumann – Il De’ Metallo (Ebria, 2009)

Chiude i battenti, ahinoi, la Ebria Records e lo fa lasciando in eredità un disco che, ce ne fosse bisogno, contribuisce ad acuire i rimpianti fra gli appassionati dei suoni più incompromissori. Sarebbe tuttavia ingiusto ricordare il nuovo album dei Vonneumann solo come epitaffio dell'etichetta milanese, essendo la band romana viva e vegeta e capace di regalarci un ottimo lavoro, complesso senza essere eccessivamente cerebrale, e anzi, pur lontano dalla forma canzone canonica, il disco rivela una spiccata attitudine rock.
Il De' Metallo è costruito attorno a un lavoro di basso di prim'ordine, cui si affiancano due chitarre, mai troppo invadenti, batteria e talvolta synth. Solo nell'iniziale Omniitico a farci muovere i primi passi all'interno del disco, sono una tromba suadente e un severo violoncello, ma ci salutano ben presto e le restanti sei tracce sono ad unico appannaggio dei già nominati strumenti, non sempre compresenti. La seguente Zonathan Gisaggio, divisa in due parti, sfoggia un bel basso ruvido e pulsante, a cui si aggrappano mutevoli arpeggi di chitarra e i discontinui battiti delle percussioni, mentre The Late Jeff Koon è un crudele esperimento sulla pelle di due poveri batteristi (ospite è Alessandro Calbucci già con From Hands e Sedia) costretti, ignari l'uno dell'altro, ad ascoltare la stessa improvvisazione chitarristica e dare la propria interpretazione ritmica, poi sovrapposte in fase di editing. La seguente 8uuuu8u, per ripristinare la media, fa a meno delle percussioni ed è ancora il basso ad indicare la strada in mezzo a nebulose quasi ambient. In maniera inusuale per un disco di questo genere e cosa assolutamente pregevole, Il De' Metallo non rimanda solo a sé stesso o a riferimenti comunque di genere, ma sa essere evocativo, soprattutto nella prima parte, dove blues rarefatti e a tratti spigolosi suggeriscono affascinanti atmosfere noir. Poi, nei due ultimi brani, la musica prende forma più stabile, con la relativamente lineare Requiem For Poroppo e con le chitarre gioiosamente avant-tamarre di Methagno Sahgno: alla fine, è arrivato anche il metallo.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Deerhoof - La Isla Bonita (Clapping, 2014)

Nel bene o nel male i Deerhoof li abbiamo amati un po' tutti. O meglio: tutti abbiamo passato un periodo…

12 Feb 2015 Reviews

Read more

Eagle Twin + Atomic Mold – 10/10/2018 Colorificio Kroen (Verona)

A me queste cose commuovono, c’è poco da fare. Vedere uno dei tuoi eroi di gioventù arrivare su un van…

17 Oct 2018 Live

Read more

Mother – S/T (Commando Vanessa, 2019)

C’è in giro una nuova etichetta, nata dall’inesauribile substrato della città di Torino: Commando Vanessa è ambigua fin dal titolo,…

15 Oct 2019 Reviews

Read more

Castanets + Lazarus + Vincenzo Fasano – 17/10/09 arci Kroen…

Nel primo vero giorno freddo della stagione va in scena al Kroen una serata all'insegna del folk, proposto in diverse…

12 Nov 2009 Live

Read more

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

Winfried Ritsch – Woodscratcher (God, 2013)

Bisognerebbe definirla musica concettuale, questa di Winfried Ritsch, se non fosse che il termine "musica" mi pare eccessivo: qualcosa di…

19 Jun 2013 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Space Aliens From Outer Space – Invade (O.F.F., 2013)

Come per ogni oggetto volante non identificato che si rispetti, non so darvi alcuna notizia su questi Space Aliens From…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Pablo Montagne – Solo Immobile (Guitar Works) (Setola Di Maiale,…

Guitar Works di nome e di fatto e visto che Pablo Montagne utilizza sia chitarre acustiche che elettriche le variazioni…

28 Sep 2010 Reviews

Read more

Taras Bul'ba - Secret Chimiques (Wallace,2008)

A volte ci sono dei libretti così strani che a fatica riesci a capire dove infilare il cd, un pò…

17 Apr 2009 Reviews

Read more

Paolo Ippoliti – Vanishing point (Nighthawks Tapes, 2008)

Paolo Ippoliti per inaugurare l'etichetta erede della Kosmik Elk Mind e della S'agita, punta su se stesso e così assembla…

28 Nov 2008 Reviews

Read more

Masked Intruder - M.I. (Fat Wreck, 2014)

Grande conferma per i Masked Intruder, pop-punk band che dalle lande sperdute del Wisconsin approda al secondo disco (su Fat…

04 Jun 2014 Reviews

Read more

Makhno - Leaking Words (Neon Paralleli/Wallace/Brigadsico e altre, 2018)

Non era necessario arrivare al terzo disco per capire che Makhno è una delle esperienze più autenticamente hardcore che potete…

31 May 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top