Vialka – Plus Vite Que La Musique (Vialka, 2007)

Credo fermamente che ci siano, da qualche parte, alcuni punti fermi a cui tutti i musicisti più o meno off tendono con le loro composizioni. E, a volte, questi punti fermi vengono raggiunti come nel caso di questo splendido sesto disco dei Vialka. Il collettivo di lavoratori musicisti composto da Marylise Frecheville e Eric Boros, batteria e basso di base con altri strumenti sopra, esplode qui tutta la sua eccessiva voglia di vivere e di girare il mondo, cercando di alleggerire il peso della cultura americana nel nostro quotidiano con i contributi di sonorità "altre". Una ricerca piuttosto personale che ha permesso loro di trovare il punto fermo dove tutto è perfetto, alla precisa distanza dai generi, originale e funzionale, mai scontato e perfettamente orecchiabile e entusiasmante. Buono per l'ascolto distratto e anche per quello attento: ogni ascoltatore troverà quello che cerca. E' uno di quei cinque stelle su sei che mettevamo sul vecchio sodapop. In queste otto canzoni toccano, equilibrandoli alla perfezione tutti i sentimenti umani e sembrano dare una costante spinta a non perdersi mai nel piangersi addosso. Ci riescono perfettamente, ho già suggerito tra le righe, a trovare una combinazione di est europa, klezmer, prog (oh si smascheriamolo al di là delle sue derive math e concettuali), cori indiani, violini tzigani, operetta che neanche i Dresden Dolls, afrique-anerie e francesismi vari e anche echi, in certe schitarrate, di indierock a la Sleater Kinney. Ho usato apposta citazioni di gruppi poco attinenti ma che vengono solo richiamati alla mia memoria più che altro perchè possano essere di invito ad avvicinarsi al melting pot del duo da chi, in partenza, si sente fin troppo lontano. Provate, per farvi un'idea, a sentirli, c'è un disco già abbastanza indicativo, esaurito fisicamente, in free download sul loro sito, decisamente più grezzo di questo che vi consiglio, invece, di acquistare alla veloce. Insieme ad altri collettivi musicali, anche se ristretti come i Sabot, paiono essere completamente dediti alla loro musica e riescono a ripulirla completamente dagli agenti esterni di moda o altro. In un momento in cui Lightning Bolt e Gogol Bordello fanno strage nei loro relativi ambiti d'appartenenza, i due europei si mettono esattamente in mezzo e si ergono decisamente sopra alla somma dei due gruppi citati. E scusate se è poco.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Comformist – Three Hundred (Africantape, 2010)

Quanto dista St. Louise, nel Missouri, da Louisville, nel Kentucky? In automobile poco più di 260 miglia; a sentire The…

11 Apr 2010 Reviews

Read more

Deerhoof - La Isla Bonita (Clapping, 2014)

Nel bene o nel male i Deerhoof li abbiamo amati un po' tutti. O meglio: tutti abbiamo passato un periodo…

12 Feb 2015 Reviews

Read more

Putiferio - Ateateate (Robotradio, 2008)

Altro gruppo per il quale partivo prevenuto in base al nome e cri**o i**io non è un buon segno! Spero…

05 May 2008 Reviews

Read more

Sister Iodine – Venom (Nashazphone, 2018)

Ho verificato tramite foto e video live reperibili in rete (se vi interessa qui trovate il più recente): i Sister…

05 Apr 2018 Reviews

Read more

Roncea & The Money Tree - S/T ep (Electric Cave/Canalese…

Nicholas Roncea ha pubblicato un paio di anni fa Eight Part One, un album molto bello che, in teoria doveva…

14 Sep 2016 Reviews

Read more

Leg Leg - Manta (Wallace, 2009)

"Ma l'amor mio non muore" e così la Wallace pur sfornando dischi diversi a ripetizione mantiene un suo profilo o…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

31Knots - Talk Like Blood (Own/Polyvinyl, 2005)

La prima cosa che ti dice il fido Google se cerchi 31Knots è: 31 knots = 15.9477778 m/s. La prima…

22 Oct 2006 Reviews

Read more

Myra Lee - 2 (Rejuvenation/La Machoire, 2007)

Sono fermamente convinto che il revival anni novanta, di cui tra poco sicuramente vedremo le prime avvisaglie, sarà molto più…

17 Aug 2007 Reviews

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more

Matmos + M.uto - 15/03/13 Interzona (Verona)

La prima tranche della stagione 2013 di Interzona è ricca di bei nomi: si è iniziato con Jon Spencer, che…

22 Mar 2013 Live

Read more

Downfall Of Gaia - Epos (Shove et al., 2011)

In quest'anno scolastico la Shove ce l'ha messa tutta per arrivare a giugno con il massimo dei voti e per…

12 May 2011 Reviews

Read more

Zanatta/Moretti – Discorsi Votati All’Utilità Pubblica (Madcap Collective/Boring Machines, 2010)

Esce, con un po' di ritardo (doveva essere pubblicato a Pasqua) il secondo capitolo della trilogia Discorsi Votatati Alla Pubblica…

29 Jun 2010 Reviews

Read more

Psyche - The Influence (Final Muzik, 2012)

Nella categoria recensioni minori o per "adepti del Goth" (esiste un gruppo nato dalle mie parti su fb con questo…

13 Jun 2013 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top