Vasco Brondi – Cosa Racconteremo Di Questi Cazzo Di Anni Zero (Modo Infoshop, 2008)

Fra la fine del secolo appena passato e l'inizio del nuovo abbiamo assistito al ritorno di una multidisciplinarietà a livello artistico che non ha sempre dato risultati disprezzabili. I testi di Vasco Brondi, unitamente al suo stile "punkautoriale" solo parzialmente stemperato nella produzione del recente CD, hanno subito fatto presa sul pubblico indie e oltre, fino al salotto buono della canzone d'autore italica, valendogli una Targa Tenco come miglior opera prima. Inevitabile, a questo punto, l'esordio editoriale.
Non mi è chiaro se Cosa Racconteremo Di Questi Cazzo Di Anni Zero sia l'estensione, per accumulo di parole, dei testi delle canzoni o, viceversa, questi siano la riduzione dei capitoli di questo libro, ma poco importa. Nell'ormai rodato stile dell'autore, citazioni di canzoni altrui si accavallano a nomi di musicisti più o meno affini, fotografie di stanze in disordine si sovrappongono a quelle di quartieri abbandonati a sé stessi, visioni e flash che pescano tutti in quell'immaginario suburbano e surreale che ha fatto la fortuna della musica de Le Luci Della Centrale Elettrica. Il tutto è ordinato (si fa per dire) in brevi periodi, elenchi legati da assonanze o esili associazioni d'idee, in un susseguirsi d'immagini paradossali o surreali, una specie di flusso di coscienza lontano da ogni narratività. Il problema è che quello che nella forma sintetica delle canzoni funziona, certi rimandi, certe frasi ad effetto o metafore evocative, qui si perde nella ridondanza di parole che si susseguono senza soluzione di continuità, perdendo completamente d'efficacia e anzi rischiando una deriva involontariamente grottesca, che conduce in territori tangenti ai peggiori Prozac+ (ammesso che ne siano mai esistiti di "migliori"). E se il disco deve il successo, almeno in parte, al suo porsi contro uno sfondo significativo, quello del cantautorato, da cui lo stile di Brondi risalta per contrasto, qui le frasi fluttuano nel vuoto, senza alcun appiglio a qualcosa che possa avere a che fare con una forma di scrittura, poesia o prosa che sia, ma altrettanto incapaci di costruire una forma stabile ed assumere senso in sé. Un libro per iniziati al culto delle Luci e nessun'altro.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Barons 80 - S/T (Hellbones, 2020)

Fedele ai reconditi quanto primigeni amori della Hellbones ecco un prodotto tanto inaspettato quanto fresco come una sgasata di hot-rod.…

12 Feb 2021 Reviews

Read more

Father Murphy - Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo,…

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell'autore, sarebbe talvolta (se…

23 Apr 2012 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

Khem – The Cross (Old Europa Cafè, 2013)

Ancor più che un collettivo, come essi stessi si definiscono, Khem mi pare essere un’entità dotata di un proprio carattere…

18 Apr 2014 Reviews

Read more

Takka Takka - Migration (Lili Is Pi, 2010)

E' curioso come per certi gruppi si leggano in giro un sacco di cose e poi alla fine ascoltandoli non…

27 Aug 2010 Reviews

Read more

McKenzie - Ep (Black Candy/La Lumaca, 2016)

Per certi versi potremmo definire questi giovani calabresi i Mclusky di casa nostra anche se, musicalmente, non siamo esattamente sulle stesse coordinate…

07 Dec 2016 Reviews

Read more

Kajkyt – II (God, 2013)

Se non sbaglio è la prima volta che, su queste pagine, incontriamo Slobodan Kajkut in carne e ossa, dopo aver…

16 Jan 2014 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.5

Arriva la primavera, ma non è tutta rose e fiori. Abilmente occultata tra innocenti melodie e apparentemente inoffensive canzoni pop,…

28 Feb 2010 Podcasts

Read more

Volcano! - Paperwork (Leaf, 2008)

Per un gruppo come i Volcano! è difficile aspettarsi certezze. Dopo aver mescolato tutte le carte dei generi, senza mai…

23 Sep 2008 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Illachime Quartet - Sales (Zeit/Lizard, 2012)

Tornano gli Illachime Quartet con Sales, disco di remix e rielaborazioni varie da brani estratti dai loro due dischi e…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

The Vaselines - 28/01/12 Bronson (Ravenna)

Reunion. Best of suonati pedissequamente. Ignobili crowdpleaser degni dei peggio leccapiedi del pubblico da letteratura di serie Z. Di solito,…

10 Feb 2012 Live

Read more

Death In June + Fire+Ice + Vurgart – 28/10/11 Carlito’s…

Tour del trentennale, dopo lunga assenza dai palchi, per i Death In June: come non esserci? Sì, anche solo per…

11 Nov 2011 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top