Meerkat – Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie e segue i cd Nefelodhis, di Sparkle In Grey e Maurizio Bianchi, ed Erimos, a nome MB, Hue e Fhievel. Meerkat è sostanzialmente un collettivo di musicisti formato da Adriano Zanni, Matteo Uggeri, Luca Sigurtà, Luca Bergero, Davide Valecchi, Andrea Ferraris, Fabio Selvafiorita, Paolo Ippoliti, Laura Lovreglio e Andrea Marutti (che oltre a rivestire il ruolo di musicista si occupa anche del mastering del disco). Maurizio Bianchi stavolta non è del giro, ma sue sono comunque le note di copertina, vero e proprio manifesto programmatico del contenuto del cd. I sette brani presenti in Kapnos, concettualmente molto simili ed omogenei, sono sostanzialmente delle concise suite ambientali della lunghezza standardizzata di poco più di sei minuti, costruite su sovrapposizioni di drone, field recordings e manipolazioni elettroniche. A dispetto delle premesse devo dire che la fruizione del disco non si presenta affatto pesante, anzi, le melodie, benché lunghe, dilatate e minimali, sono spesso ben presenti. La scelta dei suoni da parte dei musicisti pare infatti prediligere frequenze calde e non invadenti, suoni granulari e rotondi, talvolta carichi di solennità, e raramente si sconfina verso qualcosa di più pesante, come nel caso di Six, di Andrea Marutti e Hue, brano vicino per attitudine a certo dark ambient, forse il passaggio più inquietante e oscuro del progetto. Non avendo avuto modo di sentire Nefelodhis ed Erimos, i capitoli precedenti della quadrilogia, non posso sbilanciarmi in confronti, anche se immagino che la sostanza sia la stessa, e neppure giudicare l’opera nel suo complesso, essendo stata pensata come una quadrilogia. Quello che posso dire è che di per sé Kapnos è un disco ambient particolarmente riuscito, capace di provocare un misto di sensazioni nella testa di chi ascolta, dalla narcosi, all’inquietudine, al rilassamento più completo. E se non per questi, per quali altri motivi si dovrebbe ascoltare ambient?

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi ‎– We Can Be Everywhere (Final Muzik, 2014)

Altra uscita per Gianluca Becuzzi dopo lo split con Simon Balestrazzi sul singles club Final Muzik, ancora una volta non…

20 Nov 2014 Reviews

Read more

Magik With Tears e Lisca Records: nuove etichette per nuovi…

Giovani label... e vecchie conoscenze. Non che si tratti di un fenomeno solo italiano, ma resta che a volte scava…

13 May 2011 Articles

Read more

The Cubical - Arise Conglomerate (Halfpenny/Cargo, 2012)

Gustosa terza uscita per questo quintetto di Liverpool sempre pù scollato dalle asperità punx 'n' roll degli esordi in favore…

04 Apr 2013 Reviews

Read more

Pow-Wow - House Sounds (Luce Sia, 2018)

Ancora una volta l'etichetta svizzera riesce a stupirci ripescando dai meandri del tempo un  demo del 1988 dei Pow-Wow, oscura…

20 Oct 2018 Reviews

Read more

Duozero - Esperanto (Small Voices, 2006)

Strano il potere dell’autosuggestione: forse quanto sto per scrivere è dettato dal fatto che per una stramba associazione leggere che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Meteor – Anemici/Sangue Dalle Rape (Bosco/Sanguedischi/In Limine/Incisioni Rupestri, 2010)

Quattro pezzi in quattro minuti e diciotto secondi: i Meteor sono un gruppo col dono della sintesi oltre a quello,…

20 Jul 2010 Reviews

Read more

Owun - Le Fantôme De Gustav (Autoprodotto, 2012)

La band francese degli Owun si forma nei novanta e dopo tre dischi si scioglie nel 2002, per tornare ora…

19 Apr 2012 Reviews

Read more

NOFest! 2010 - 18-20/06/10 Spazio 211 (Torino)

Se c'era un festival italiano che quest'anno, anche solo sulla carta, meritava di essere visto, era sicuramente la seconda edizione…

27 May 2010 Live

Read more

Lucy Mina - Can You Hear The Steps? (Asbestos Digit,…

Chi si nasconde dietro l'enigma di Lucy Mina? Un illustre sconosciuto oppure qualcuno più noto del panorama indipendente nostrano? La…

09 Feb 2018 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

Dejligt - Feed The Dog (Matteite, 2007)

Non credo alle combinazioni, però ho appena comperato Tower/Microphone (bello e interessante, tralaltro) di Teho Teardo e contemporaneamente ho scoperto…

11 Feb 2007 Reviews

Read more

Ronin – 14/02/10 Arci Dallò (Castiglione Delle Stiviere – MN)

Per pochi gruppi, credo, il suonare dal vivo è necessario come per i Ronin. Necessario per testare e sviluppare i…

26 Feb 2010 Live

Read more

Inutili - Unforgettable Lost And Unreleased (Aagoo, 2014)

Con non scusabile ritardo torno ad occuparmi degli Inutili dopo il 12" Music To Watch The Clouds On a Sunny…

30 Sep 2015 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Carla Dal Forno - Top Of The Pops (Autoprodotto, 2018)

Ci risiamo, è sempre evidente quando senti una canzone di Carla Dal Forno. Idee chiare e gestione intelligente di pochi…

21 Oct 2018 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top