The Drift – Money Drawings (Temporary Residence, 2008)

Parlando di questi The Drift possiamo aprire su tutta una serie di considerazioni più o meno interessanti a seconda di chi legge. La Temporary Residence per quei pochi che non lo ricordassero, era una piccola label di culto che ha sparato una serie di uscite memorabili in tempi in cui il post-rock melodico furoreggiava e riusciva simultaneamente a conquistare sia un pubblico di radical fighetti (in cui mi auto includo) che i "diehard believers" dell'emo-core convertiti ad una musica in preminenza strumentale, se un nome vale ancora qualcosa Cerberus Shoal, Tarentel hanno dato il loro meglio qui. Il successo dell'etichetta non è finito, anzi direi che con gruppi come Mono ed Explosion In The Sky sia salito un po' alle stelle, anche se in tutta onestà per quel che mi riguarda ha segnato un impoverimento del raccolto. Quello dei The Drift direi che è un buon disco, in altri tempi avremmo parlato senza timore di post-rock strumentale in cui la voce molto spesso è affidata alla tromba (e sia chiaro questo non trasforma il disco in un disco jazz), visto il taglio più o meno costante dell'etichetta se si fa esclusione di qualche episodio, la melodia come è facile intuire la fa da padrona. Visto quest'ultimo indizio come potrete facilmente intuire nonostante tromba e formazione rock, siamo distanti da Hoover e June of 44, al più, alla lontana, molto lontana, parlerei semmai degli Abilene senza voce quando suonano più melodici (anche se non così belli, ma non è semplice d'altro canto), potremmo anche richiamare in campo quegli stessi Cerberus Shoal che abbiamo menzionato a inizio recensione e che forse sono stati dimenticati in un nano secondo dopo la loro graduale svolta kraut-freak-prog. Rispetto a questi ultimi i The Drift, oltre ad arrivare sul bersaglio leggermente in ritardo, sviluppano sì delle ottime melodie ma sembrano mancare sempre di quel retrogusto morriconiano, filmico che faceva dei Shoal un gruppo a tratti degno del miglior Sergio Leone. Ho parlato di post-rock ma per andare ancora più nello specifico parliamo di quella parte del genere che ha le sue radici ben piantate non nel retroterra Touch & Go o negli Slint ma più nell'emo-core, che poi la sua culla a volte sia sempre stata a Louisville o altrove non cambia il risultato. I The Drift non sono per nulla privi di suggestioni e di buon gusto, anzi si fanno ascoltare molto bene, mantengono alta la qualità media del catalogo dell'etichetta e non tradiscono la traiettoria imboccata anni fa dalla Temporary Residence. Il punto nevralgico delle varie considerazione sta però in quell' "anni fa", poi le mode vanno e vengono, ma l'impressione per ora resta.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bachi Da Pietra – Insect Tracks (Wallace/Boring Machines/Bronson, 2010)

Tempo di disco dal vivo per i Bachi Da Pietra dopo tre album in quattro anni e un'attenzione crescente da…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

3eem - Echoes (White Label, 2011)

Di nuovo i 3eem, chi l’avrebbe mai detto? Onestamente disperavamo di ascoltare un seguito a Third Segment, vista l’assenza dalle…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Gabriele Lunati - Nico, Bussando Alle Porte Del Buio (Stampa…

La bionda chanteuse dei Velvet Underground nella loro incarnazione più magica: un'eroina (di nome, di fatto e forse di più),…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

Luminance Ratio/Oren Ambarchi – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

La serie di 7" split dei Luminance Ratio, arrivata alla seconda uscita, imbarca un altro pezzo da novanta, l'australiano Oren…

02 Apr 2013 Reviews

Read more

Crystal Plumage - Night Conference (Sincope, 2012)

Probabile omaggio a Dario Argento il nome di questo duo formato dal francese Benjamin L. Aman (Glue Pour, Lucie Huck…

27 Feb 2013 Reviews

Read more

Joy As A Toy – Dead As A Dodo (Cheap…

"Freely inspired by Dario Argento's movies" è quanto si apprende sfogliando il booklet del cd dei belgi Joy As A…

16 Jul 2012 Reviews

Read more

Silvia Tarozzi & Deborah Walker - Canti Di Guerra, Di…

Lo sfregamento degli archetti sulle corde a tratti ricorda un piccolo insetto, un tafano fastidioso che non riusciamo a levarci…

11 Jul 2022 Reviews

Read more

Orfanado – Iter (Sound Of Cobra, 2011)

Piccoli noiser cambiano pelle, almeno temporaneamente, in questo progetto che coinvolge gente impegnata anche con In Zaire, Lago Morto, G.I.…

23 Dec 2011 Reviews

Read more

Dmonstrations - Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l'ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con…

06 Dec 2006 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Cria Cuervos - Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi…

23 Dec 2009 Reviews

Read more

My Disco - 22/10/10 Polyester Records (Melbourne)

Difficile penetrare nei meandri della musica indipendente locale, ma per fortuna chiaccherando veniamo a sapere dal bassista dei My Disco…

18 Sep 2010 Live

Read more

Camusi - S/T (Setola Di Maiale, 2007)

Credo che molti di voi conoscano Stefano Giust e Madame P e se così non fosse li inquadreremo dicendo che…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Eremite - All Things Merge Into One (Taxi Driver, 2014)

Questo è l'album che i Mastodon hanno perso per strada: seguendo infatti un filo cronologico ascensionale avrebbe dovuto seguire Leviathan…

11 Nov 2014 Reviews

Read more

Hall Of Mirrors - Reflections On Black (Silentes, 2007)

Credo che sia la prima volta che su Sodapop venga recensito un lavoro di Andrea Marutti e/o di Giuseppe Verticchio,…

30 Aug 2007 Reviews

Read more

Luca Santini & Paolo Sanna - Elementi (Setola di…

È un piacere ritrovare il percussionista Paolo Sanna, stavolta in coppia con Luca Santini, su un’etichetta che per una certa…

18 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top