Talibam! – 19/10/12 Carmen Town (Brescia)

“Cagata pazzesca” o “merda d’artista”, questi i due poli fra cui mi immaginavo potesse oscillare la versione 2.0 dei Talibam! arrivano in Italia dal vivo dopo la svolta hip-hop, che dai comunicati letti in rete e dai brevi teaser presenti mi aveva dato la netta sensazione del disperato colpo di coda di un gruppo che da tempo ha esaurito idee e risorse. Tuttavia, un po’ per il blasone del gruppo, un po’ nella speranza di essere smentito, sfrutto la più vicina data del loro tour italiano per andare a verificare di persona.
Nel cuore della movida bresciana non è facile parcheggiare, ma ancora meno facile è penetrare, soprattutto se privi di lanciafiamme, nella massa di gente in tacco 12 e pantaloni alla MC Hammer che affolla le vie del centro storico, bevendo e ciarlando fuori dai locali. Il Carmen Town non fa eccezione, dal punto di vista faunistico, ma almeno il seminterrato è una specie di zona franca, dove viene portata avanti l’eredità di quello che fu il glorioso Morya. Già il palco riserva una talibam_carmen_town_1sorpresa, perchè la strumentazione è la stessa dei Talibam! prima maniera, tastiere e batteria, mentre temevo un’esibizione fatta unicamente di basi e voci: in sé non vuol dire niente, ma anche nella peggiore delle ipotesi ascolteremo un po’ di manodopera di buona qualità. Un punto a favore della cazzoneria lo segna invece l’abbigliamento dei musicisti: Kevin Shea modello dandy andato a male, completo grigio, camicia e Ray Ban, Matt Mottel in mise da coatto totale, t-shirt usurata, cappellino e pantaloni aderenti, con un colore a metà fra una mimetica e un quadro di Pollock. Dopo queste considerazioni è finalmente il momento di lasciar parlare la musica, che al primo impatto rivela una prevedibile influenza dei Beastie Boys, con entrambi i musici nel ruolo di MC, ma che nel corso dell’esibizione se ne allontana, grazie soprattutto al lavoro dietro alle pelli di Shea, che abbinato a delle tastiere quasi prog, crea atmosfere decisamente talibam_carment_town_2sghembe. Per questo non può che venir fuori un hip-hop sui generis che dà il giusto spazio alle rime e poi lascia il posto a stacchi strumentali propri dei vecchi Talibam!, a cavalcate quasi techno, a parentesi decisamente pop. L’autodefinizione di no school, è quanto mai azzeccata. Per tutto il concerto, fra una canzone, una posa grottesca e un breve siparietto, l’attitudine cazzona emerge, ma non arriva mai a prevalere del tutto: si ride, certo, ma a mezza bocca, perchè è evidente che sotto c’è della sostanza, e che la sterzata stilistica, anche se magari dettata da ragioni d’opportunismo, è supportata da una buona dose di idee e valorizzata da una manciata di canzoni (Sweet Leader, Puff Up The Vollume…) di presa immediata. Quello che abbiamo di fronte stasera è gruppo simpaticamente paraculo nel suo non cercare di accontentare tanti palati, ma dotato di personalità e questo è certamente una dote rara. D’altra parte la trasversalità del pubblico presente in sala parla da sé, e oltre agli abituali frequentatori, spiccano alcuni personaggi evidentemente risucchiati dalla movida sovrastante, che tentano anche di ballare una specie di breakdance sui beat contorti della batteria di Shea: i risultati sono quelli che sono, più simili alla Lorella Cuccarini di Vola che non a Ken Swift, ma onore al merito. Se proprio devo peccare di pignoleria, i due difettano un po’ di senso della misura, tirando per le lunghe sul finale, con tre pezzi molto dilatati e prevalentemente strumentali, ma è anche vero che, anche in questi frangenti, danno l’impressione di essere decisamente più in palla e vitali dell’ultima volta che li vedemmo live. Tanto di cappello quindi alla voglia di rimettersi in gioco dei due newyorkesi: almeno dal vivo il progetto funziona alla grande.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Grey History - Lucifer Over Disneyland (Radical Matters, 2010)

La premiata ditta Gianluca Becuzzi - Fabio Orsi continua nella collaborazione, questa volta a nome Grey History e con iconografie…

10 Jul 2010 Reviews

Read more

Southerly - Storyteller And The Gossip Columnist (Arctic Rodeo, 2008)

Succede di riconciliarsi con il post-rock e con il folk: qualche tempo fa ad esempio mi era successo di apprezzare…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

Stearica/Acid Mothers Temple - Invade (Homeopathic, 2010)

Stearica e Acid Mothers Temple hanno fatto un tour assieme (entrambe le band sono uscite con un disco per la…

06 Nov 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Play To BN Chora. Judgement (L.A.F. Org./Jeringas 5cc,…

Disco con racconto accluso, questo Play To BN Chora. Judgement è stato parte della colonna sonora per una mostra-installazione, e…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

La Morte + Valerio Cosi – 27/04/2014 Santa Maria In…

Una notte di freddo e acqua a catinelle che più della fine di aprile pare annunciare l’inizio dell’autunno, l’Adige gonfio,…

16 May 2014 Live

Read more

Climat - Iccopoc Papillon (Autoprodotto, 2016)

Suonare post - math - rock nel 2016? Completamente fuori tempo massimo mi direte! Ma i Climat, con due axeman…

05 Oct 2016 Reviews

Read more

Dubby Dub - Rocknroll Head (Alka, 2011)

 Una testosteronica boy band ferrarese meno muscolare e più dialettica di quanto non sembri ad un primo ascolto, questo sono…

26 Jul 2011 Reviews

Read more

Rollerball - 4 Corners (Wallace, 2014)

Caso strano i Rollerball: seppure in giro da molti anni, con una discografia importante a cui è difficile stare…

12 Mar 2014 Reviews

Read more

Cronaca Nera - Non Consensual Violence (Luce Sia/Old Europa Cafe',…

Oscuro lavoro di power elettronica senza mezzi termini che in questa incarnazione vede tre illustrissimi dell'area grigia italica: il prolifico…

16 Apr 2019 Reviews

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

?Alos - Matrice (Cheap Satanism, 2015)

Stefania Pedretti é l'unica figura femminile davvero interessante del panorama musicale indipendente nostrano. Su questo credo non ci siano dubbi.…

21 May 2015 Reviews

Read more

Blastula – Lingue Di Fuoco (Aimusic/Ambria Jazz, 2012)

Ecco di nuovo il duo voce-batteria messo in piedi da Monica Demuru e Cristiano Calcagnile: fa piacere vedere che simili…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

Above The Tree – Into The Nature EP (Musica Per…

Ho già incontrato Above The Tree, nome dietro il quale si nasconde Marco Bernacchia, un paio di volte in passato,…

19 Sep 2011 Reviews

Read more

Nadja + Whitehorse + Ivens + MV - 15/10/10 The…

Arriviamo giusto in tempo all'ultima data disponibile nel continente australiano per vedere i Nadja, che hanno accompagnato i Dead Meadow…

12 Sep 2010 Live

Read more

Pussy Gillette -s/t (Autoprodotto, 2021)

Austin, Texas. Brent Prager, Masani Negloria, Nathan Calhoun. Lercio rock'n'roll, grasso e con una voce, quella femminile di Masani che non ti…

05 Jan 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top