Talibam! – 19/10/12 Carmen Town (Brescia)

“Cagata pazzesca” o “merda d’artista”, questi i due poli fra cui mi immaginavo potesse oscillare la versione 2.0 dei Talibam! arrivano in Italia dal vivo dopo la svolta hip-hop, che dai comunicati letti in rete e dai brevi teaser presenti mi aveva dato la netta sensazione del disperato colpo di coda di un gruppo che da tempo ha esaurito idee e risorse. Tuttavia, un po’ per il blasone del gruppo, un po’ nella speranza di essere smentito, sfrutto la più vicina data del loro tour italiano per andare a verificare di persona.
Nel cuore della movida bresciana non è facile parcheggiare, ma ancora meno facile è penetrare, soprattutto se privi di lanciafiamme, nella massa di gente in tacco 12 e pantaloni alla MC Hammer che affolla le vie del centro storico, bevendo e ciarlando fuori dai locali. Il Carmen Town non fa eccezione, dal punto di vista faunistico, ma almeno il seminterrato è una specie di zona franca, dove viene portata avanti l’eredità di quello che fu il glorioso Morya. Già il palco riserva una talibam_carmen_town_1sorpresa, perchè la strumentazione è la stessa dei Talibam! prima maniera, tastiere e batteria, mentre temevo un’esibizione fatta unicamente di basi e voci: in sé non vuol dire niente, ma anche nella peggiore delle ipotesi ascolteremo un po’ di manodopera di buona qualità. Un punto a favore della cazzoneria lo segna invece l’abbigliamento dei musicisti: Kevin Shea modello dandy andato a male, completo grigio, camicia e Ray Ban, Matt Mottel in mise da coatto totale, t-shirt usurata, cappellino e pantaloni aderenti, con un colore a metà fra una mimetica e un quadro di Pollock. Dopo queste considerazioni è finalmente il momento di lasciar parlare la musica, che al primo impatto rivela una prevedibile influenza dei Beastie Boys, con entrambi i musici nel ruolo di MC, ma che nel corso dell’esibizione se ne allontana, grazie soprattutto al lavoro dietro alle pelli di Shea, che abbinato a delle tastiere quasi prog, crea atmosfere decisamente talibam_carment_town_2sghembe. Per questo non può che venir fuori un hip-hop sui generis che dà il giusto spazio alle rime e poi lascia il posto a stacchi strumentali propri dei vecchi Talibam!, a cavalcate quasi techno, a parentesi decisamente pop. L’autodefinizione di no school, è quanto mai azzeccata. Per tutto il concerto, fra una canzone, una posa grottesca e un breve siparietto, l’attitudine cazzona emerge, ma non arriva mai a prevalere del tutto: si ride, certo, ma a mezza bocca, perchè è evidente che sotto c’è della sostanza, e che la sterzata stilistica, anche se magari dettata da ragioni d’opportunismo, è supportata da una buona dose di idee e valorizzata da una manciata di canzoni (Sweet Leader, Puff Up The Vollume…) di presa immediata. Quello che abbiamo di fronte stasera è gruppo simpaticamente paraculo nel suo non cercare di accontentare tanti palati, ma dotato di personalità e questo è certamente una dote rara. D’altra parte la trasversalità del pubblico presente in sala parla da sé, e oltre agli abituali frequentatori, spiccano alcuni personaggi evidentemente risucchiati dalla movida sovrastante, che tentano anche di ballare una specie di breakdance sui beat contorti della batteria di Shea: i risultati sono quelli che sono, più simili alla Lorella Cuccarini di Vola che non a Ken Swift, ma onore al merito. Se proprio devo peccare di pignoleria, i due difettano un po’ di senso della misura, tirando per le lunghe sul finale, con tre pezzi molto dilatati e prevalentemente strumentali, ma è anche vero che, anche in questi frangenti, danno l’impressione di essere decisamente più in palla e vitali dell’ultima volta che li vedemmo live. Tanto di cappello quindi alla voglia di rimettersi in gioco dei due newyorkesi: almeno dal vivo il progetto funziona alla grande.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Don't Mess With Texas - Los Dias De Junio (Moonlee,…

Don’t Mess With Texas, letteralmente "non fare il furbo con il Texas" (pare fosse scritto sui cartelli stradali del simpatico…

10 Dec 2007 Reviews

Read more

Sdang! - Il Giorno Delle Altalene (Autoprodotto, 2015)

Seppur nascendo come side project della band dei fratelli Giuradei, gli Sdang! (Alessandro Pedretti e Nicola Panteghini) superano di gran…

19 Feb 2016 Reviews

Read more

Drieu – La Distruzione (Autoprodotto, 2019)

Strano a dirsi, ma mettendo insieme esponenti del miglior post-HC (Burning Defeat), dello storico HC italico (Crash Box), dell’oi! più…

31 Mar 2020 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Sigillum S - Emptiness Spheres (Luce Sia, 2020)

Rarefatto e speziato ritorno per i tecnopadri dell'area grigia. Power trio a tutti gli effetti quello che incarna le nuove…

02 Feb 2021 Reviews

Read more

Iztok Koren - Lonely Hymns and Pillars of Emptiness (Torto…

Il polistrumentista sloveno (già membro degli avantfolk Sirom) ci proprone questo lavoro rarefatto e malinconico interamente concepito e suonato in…

05 Jul 2021 Reviews

Read more

AA.VV. - The Toysound Of Earsugar (Earsugar Jukebox, 2005)

Come si evince da alcuni miei scritti, che sicuramente non passeranno alla storia, sono un drogato di 7". Ma, nella…

10 Jan 2007 Reviews

Read more

The Strange Flowers - The Grace Of Losers (Autoprodotto, 2011)

Dai che non sono fuori tempo massimo per parlare dell'ultimo disco affidatomi nell'ormai anno scorso. Non lo sono neanche gli…

20 Mar 2012 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Swims - Ep (Distile, 2007)

Altro ottimo esempio di come cambino i tempi e di come l’oceano sia sempre più piccolo, avvicinando i due continenti…

26 Mar 2007 Reviews

Read more

Moka - Hopi (Mokadelic Dream, 2006)

I romani Moka sono in giro dal 2000, dopo un EP, svariate compilation e un album, si fanno notare con…

12 May 2007 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

Trent'anni di Sigillum S: solo una tappa verso l'infinito

Ci sembra parimenti difficile e inutile presentarvi i Sigillum S: difficile perché, in poche righe, è impossibile tratteggiare una carriera…

11 Apr 2016 Interviews

Read more

Luminance Ratio - Reverie (Bocian, 2013)

Dopo avere ben rodato la formazione con le attività sia in studio che dal vivo, il quartetto dei Luminance Ratio…

13 Feb 2014 Reviews

Read more

Six Minute War Madness – Full Fathom Six (Wallace/Santeria, 2010)

Solitamente non ci occupiamo di ristampe, ma se vale la pena fare un'eccezione, è per un disco come questo. Grazie…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti/Stefano Pilia – Frammenti​/​Stand Behind The Men Behind The…

Bella idea quella di far condividere un vinile a due delle figure di punta della chitarra solista italiana di ambito…

07 Aug 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top