since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: blixa bargeld

St.ride – Microstorie (Torto Editions, 2021)

Sorprendente ritorno per i genovesi St.ride, arrivati a quello che potremmo definire l’album definitivo. Un disco accessibile (si fa per dire) e completo, dove per accessibilità si intende comprensione del percorso narrativo e dello sviluppo emotivo. Un distillato di kraut asincrono polverizzato e vaporizzato in eau de toilette all’ammoniaca. Immaginate di scoperchiare la tomba dei…

Read more

Black Lava – Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d’ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso da illustri nomi dell’ underground nostrano e coprodotto dal sempriterno Eraldo Bernocchi. Uno shaker di metallo 2.0: l’heavy metal  che ha scollinato tutto e non si riconosce pù in nulla. Particelle di Immortal come di…

Read more

Teho Teardo – 23/02/2014 Santa Maria In Chiavica (Verona)

È sempre un piacere tornare nella suggestiva cornice di Santa Maria In Chiavica ogni qual volta l’associazione Morse organizzi un evento: un piacere per gli occhi e per le orecchie. Stasera tocca a Teho Teardo presentare Music For Wilder Mann, dall’omonimo disco ispirato all’opera del fotografo Charles Fréger le cui stranianti immagini si succederanno per tutta la durata del concerto sullo schermo sospeso sul proscenio. Ad accompagnare il musicista pordenonese è la violoncellista Martina Bertoni, già nel Modern Institute e ormai sua collaboratrice fissa. …

Read more

Punk ‘n’ Rai (seconda parte)

Chi tra i lettori di Sodapop passa i quarant’anni potrebbe ricordare un servizio andato in onda nel novembre del 1979 sulla breve epopea dei Sex Pistols conclusa con la morte di Sid Vicious. La firma è di Michel Pergolani, giornalista, attore e autore allora residente a Londra. In cinque minuti spaccati di immagini di repertorio, la voce di Pergolani bignamizza Rotten e soci: gli esordi, il concerto sul Tamigi, la band in Brasile con il criminale Ronnie Biggs, la morte di Nancy Spungen e quella di Sid Vicious. Al pubblico del primo pomeriggio si riserva un linguaggio piano e sintetico, con qualche caduta di stile (“gli inizi caratterizzati da risse e stravaganze sadomasochiste…”), ma tutto sommato accettabile se analizzato a posteriori. …

Read more
Back to top