Six Twilights – S/T (Own, 2007)

La Own si consacra all'indie pop, anche se non proprio quello convenzionale che le permetterà la scalata delle classifiche, non i tratta certo di un boccata d’aria fresca, però ben vengano miriadi di etichette con una scuderia del genere rispetto al biliardesimo gruppo clone di Pavement, Mogwai o "quest'anno tira il brit rock e gli Interpol fanno i concerti con le modelle e quindi lo faccio anche io". Ok, lode ai foto-fantocci ben vestiti emuli dei Joy Division per i nobilissimi propositi di cui i fanno promotori, dato che da che mondo è mondo e da che "uochen-uoll è uocchen-uoll", tutto gira così, ma se Teen-Age Lobotomy dev’essere, allora che sia Rocknroll High School cristo sbarrubado!!
I Six Twilights di Portland si collocano perfettamente in linea con l’idea di pop laccato e "fine" dell’etichetta lussemburghese, meno intimo di Bexar Bexar (che ad oggi rimane l'unico che mi sentirei di consigliare) ma meno "rock" di Uzi and Ari (per quanto anche loro non è che lo siano così tanto). Una volta c'era la Kranky e ci fu anche l'indie che da esso prese il volo e ne fece un buon basamento per costruire litanie emo-melodiche, tanto come gruppi come i Mum e Sigur Ros dando aggiustate qua e là ed aggiungendo quel pizzico di personalità in più (anzi facciamo che la cosa della personalità forse valga solo per i secondi) hanno creato un serie di indietronic-poppettoni che si tuffa in drone morbidi e batteria solo "a momenti" (come la felicità nel testo di Carotone). A quest'estetica credo che abbia aggiunto del suo anche Bjork che oltre ad aver fatto delle buone cose e ad aver dato al mondo dischi pop a cui partecipavano tutti gli sciamannati della terra, ha fatto sì che le vocine eteree e le nenie infantili diventassero un "must" del nuovo modo di vendere dischi. C'è qualcosa di sbagliato in tutto ciò?… no way! Per nulla, ad ognuno il suo, per altro i Six Twilights sia che vadano di indie-droning con cantato femminile, sia che si lancino in elettro-folk songs ottengono sempre degli ottimi risultati: il problema è che pur non avendo nessun riferimento specifico particolarmente evidente, finiscono col risultare un po' anonimi. Questo tipo di indie per altro mi convince sempre di più che a volte ci sia una parentela (diretta o no) più stretta con quell'emo-core che iniziò a diventare sempre più indie (l'Art Monk Construction e i Junction… che monumenti!) che con il folk vero e proprio (che inutile ricordarlo in America si trova nel DNA di tutti come il rock). Un disco etereo, ma se questo e Kranky vi fanno immantinente pensar "a li nobil messeri de la 4AD, a la Too Pure etc"… alt!!! …This Is Oregon Not England, tutto è più sereno e rurale invece che uggioso. Il dvd allegato non si discosta da molti altri gruppi extra lusso del circuito che cercano di arricchire la loro musica con delle immagini, quindi mondo onirico morbido, vita di tutti i giorni, viaggi in automobile pasaggi urbani, sogni in rallenty ed effetti di colore dalle tinte tenui e con relax come sub-effetto. La magnitudo sulla scala "ritter-sport" è alta e questo disco ha il gusto più dolce di tutta la cioccolata di cui vi siete strafocati… a volte anche troppo, tanto da risultare quasi stucchevole. Disco formalmente degno, ma più per chi è fan dell'emo-indie-tronica (un giorno mi perdonerete per la sovrabbondanza di 'sti termini del kaiser)… e della cioccolata (e non parlo di quella pakistana).

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kollaps - Until The Day I Die (Cold Spring, 2022)

Il disco inizia con i suoni di quella che pare una sofferente suppurazione. C’è del tormento, dello scarto ed una…

21 Jul 2022 Reviews

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

Ovo/Rocchetti - Split 7" (Wallace/Holiday, 2009)

Più che di "clash of the titans" parlerei di "riunione di condominio" visto che Rocchetti si è trovato non solo…

15 May 2009 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Mon Electric Bijou - Terror At The Gates (Delta Poison…

Un'insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou…

20 Aug 2012 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Ultravixen - Il Riskio (Wallace, 2014)

Sono siciliani. E questo come garanzia di qualità dovrebbe bastare per approfondirne lo studio. Su Sodapop li conosciamo già da…

28 Oct 2014 Reviews

Read more

Pivixki - S/T (Sabbatical, 2008)

Datato esordio per questo duo piano/batteria australiano, da culto in patria ed inevitabilmente misconosciuto da noi. Per certi versi…

15 Mar 2011 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - Sono All’Osso (La Tempesta, 2010)

Ancora loro. Finalmente loro. Abbiamo aspettato questo disco per l'intero 2009, andandoli ad ascoltare perfino alla Festa di Radio Onda d'Urto…

27 Jan 2010 Reviews

Read more

Suffocation - S/T (Relapse, 2006)

Felice ritorno per i principi del death Suffocation. Virtuosi al parossismo, accartocciati su sé stessi, racchiusi all’interno di centinaia di…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Extra - F R Double E (Commune, 2006)

Già membro negli anni novanta dei Drill Team, band alt rock, il californiano J. Mills si diverte con questo progetto…

20 Dec 2007 Reviews

Read more

Mattia Coletti - Pantagruele (Wallace/Towntone, 2009)

Era da un po' che non sentivamo parlare di Mattia Coletti, o forse ero solo io che non ne sapevo…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Silent Carnival - Drowning At Low Tide (Viceversa/Seltz, 2016)

Che ci fossero le basi per essere un disco eccezionalmente alto in qualità, visti i protagonisti coinvolti, era fuori ombra…

14 Nov 2016 Reviews

Read more

A Place To Bury Strangers + Bambara - 26/10/13 Interzona…

Si annuncia un'altra serata di gran livello questa dell'Interzona, in linea con una programmazione che privilegia la messa in scena…

08 Nov 2013 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top