Noise Cluster – Planet Of The Lost Dolls (Luce Sia, 2017)

Sono una nostra vecchia conoscenza i Noise Cluster, nome dietro cui si celano Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo, solitamente attivi come D.B.P.I.T. e XXena. Perché allora un nuovo progetto? Forse perché c’è altro da dire, soprattutto in altro modo. L’elemento narrativo non è nuovo nell’opera dei due ma stavolta quello che allestiscono è una sorta di radiodramma di fantascienza escapista che alterna momenti in cui prevale la narrazione ad altri dove è la musica, potentemente descrittiva, a far sì che la vicenda avanzi. Ispirato da L’Isola Delle Bambole di Don Julán Santana Barrera, Planet Of The Lost Dolls racconta del tragico tentativo di  fuga interstellare organizzato da un uomo per mettere in salvo una misteriosa donna dalle tremende condizioni di vita del pianeta Terra. La forma musicale varia a seconda delle esigenze narrative e pur tenendo il post industrial come baricentro lo declina a seconda delle esigenze del racconto. Sul lato A troviamo orchestrazioni drone per supportare il recitato solenne di A Living Hell, atmosfere sintetiche e cinematiche per la fuga di The Chase, space music nera e sconnessa per A Matter Of Life And Death, a commento del compiersi della tragedia. Sul secondo lato, compreso fra l’inizio serrato e un finale industriale con voci robotiche che cantano Fra Martino Campanaro (!), prevale un’atmosfera dilatata ed evocativa, a tratti addirittura liturgica, che libera dai vincoli della narrazione permette alla mente di vagare in un mondo fluttuante che mi ha ricordato certi racconti Di Philip K. Dick sospesi fra allucinazione e misticismo. Nella tradizione di Luce Sia Planet Of The Lost Dolls è una piccola perla curatissima (belle le grafiche e il libretto con testi e note, cosa rara per una cassetta) che in uno spazio ristretto e con notevole capacità di sintesi mette in scena una storia capace di andare al di là del tempo concessole dal supporto.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bruital Orgasme – Méthodologie Contextuelle (Sincope, 2016)

Leggendo il nome del gruppo e conoscendo l’opera di indagine dei più reconditi anfratti del rumore portata avanti dalla Sincope…

25 Nov 2016 Reviews

Read more

St.Ride - Antologia Del Medio Mongoholi Nasi (Setola Di Maiale,…

"Genova's best kept secret", ma sarà davvero un segreto? Alla fine io li ho scoperti con quel piccolo capolavoro (e…

10 Jan 2008 Reviews

Read more

Darkthrone - Underground Resistance (Peaceville, 2013)

E' un bel traguardo per un artista non aver più nulla da dimostrare e, nel caso specifico del terribile duo,…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Vetro - Rapido Sguardo Dialettico (Sincope, 2013)

Sincope non è solo una etichetta di musica noise industriale e Massimo Onza ce lo ricorda pubblicando qua e là…

10 Dec 2013 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Morse Code – The Night An Artificial Light (Monster, 2010)

I redivivi (ex-)Caboto Alessandro Gallerani (chitarra), Alessio Crotti (basso) e Stefano Passini (batteria) mettono insieme un gustoso tritato misto (da…

27 Sep 2010 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Free Nelson Mandoom Jazz - The Shape Of DoomJazz To…

Nell’approcciarsi a questo lavoro, la prima domanda che ci si pone è cosa sia peggio fra il nome che il…

28 Mar 2014 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Arashi – Jikan (PNL, 2019)

Dopo la recente collaborazione del guru della scena free giapponese Akira Sakata (sassofono, clarinetto basso e voce) al progetto New…

20 Jun 2019 Reviews

Read more

Verme Robots - Crawling In The Rush Hour (I make…

La produzione è ottima, buoni musicisti, rock articolato, complesso e raffinato che si muove dai R.A.T.M. fino ai bastioni…

10 Dec 2009 Reviews

Read more

Tetrics - S/T (Autoprodotto, 2012)

I Tetrics nascono come dinamica cover band della provincia anconetana, qui all'esordio con pezzi tutti originali. Apparentemente non ci sono…

11 Jun 2013 Reviews

Read more

My Disco - Little Joy (Shock/Temporary Residence, 2010)

I melbournians My Disco con questo Little Joy rispettano in pieno la regola aurea del rock and roll: infatti, come…

10 Jan 2011 Reviews

Read more

Fuck Buttons - Slow Focus (ATP, 2013)

Sono tornati i giganteschi droni dei Fuck Buttons quando proprio non potevamo più farne a meno. Il vero compromesso tra…

03 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top