Meteor – Magic Pandemonio (Wallace/Villainferno, 2017)

Era un disco cruciale questo per il duo chitarra/batteria dei Meteor: dopo un 7” e un 12” entrambi one side che tutto sommato giustificavano, per il poco spazio a disposizione, l’esistenza di pezzi convulsi e brevissimi e un certo modo di fare scanzonato che faceva simpatia, era doveroso attendersi un passo avanti. Di più, era vitale perché ormai l’effetto sorpresa è scemato, i pezzi sparati a mille all’ora rischiano di assomigliarsi un po’ tutti e il fare i cazzoni, se non supportati dalle idee, rischia di diventare un’aggravante. Quindi ben venga un CD da riempire per un’etichetta di nome come la Wallace, tutte cose che hanno responsabilizzato i due bresciani se è vero che dentro troviamo… pezzi sparati a mille all’ora di massimo un minuto e 57″ e un totale di 13 minuti di musica, con tanti saluti all’ecologia e allo spreco di plastica. Eppure, al di là dei freddi dati numerici, qualcosa è cambiato: stavolta i due suonano canzoni, canzoni vere, costruite non come una semplice giustapposizione di parti ma con una successione logica di momenti significativi e qualche giro che torna nello stesso brano potrebbe fare addirittura pensare a un ritornello. Certo, tutto è tirato allo spasimo perché bisogna stare nei tempi e i brani, pur con le loro strutture ben leggibili, sono come liofilizzati, ma basterebbe poco a renderli…normali. Ciò non accade ovviamente mai ed è un bene: i Meteor stanno all’hardcore (o a qualsiasi altro genere troviate in questa camera di compressione) come certe cose (non tutte!) di John Zorn stanno al jazz, portano all’estremo il discorso senza renderlo inutilmente incomprensibile. Insomma, ad ascoltarli rischierete una crisi epilettica proprio come prima ma stavolta potrete godere anche di una scrittura che fa sì che i pezzi non siano semplici canovacci che trovano dal vivo il loro pieno compimento: Rojko è power violence che ingloba un duetto con dei veci di provincia che giocano a morra che è pura poesia, Páratartalom una cavalcata epica in modalità avanti veloce, Pnèvma l’apoteosi del tupa-tupa, Glida quella della svisata, Stereomix è metal (quasi cantato!) che può causare danni permanenti alla cervicale dell’incauto headbanger. Con Magic Pandemonio i Meteor escono da quello che rischiava di essere un vicolo cieco restando fedeli ma non uguali a sé stessi e non è cosa da poco. Touché.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more

Russell And The Wolf Choir - The Ivy Leaf Agreement…

Cinque brani per Russell And The Wolf Choir, direttamente da Romford, ormai periferia nordest di Londra: la musica sembra però…

18 Dec 2014 Reviews

Read more

Sparkle In Grey & Tex La Homa – Whale Heart,…

Questo disco è uno split tra Sparkle In Grey e Tex La Homa, italiani i primi, inglesi i secondi, due…

07 Mar 2011 Reviews

Read more

Setting Sun - Be Here When You Get There (Young…

Setting Sun è un progetto che nasce dalla mente di Gary Levitt, con una lineup che ruota a seconda…

29 Apr 2014 Reviews

Read more

Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer - Conflict Resolution Seminar (Sabbatical,…

Altro dischetto Sabbatical interessante, altro piatto per stomaci foderati di lamiera. In questo caso più che un eufemismo si tratta…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Owun - Le Fantôme De Gustav (Autoprodotto, 2012)

La band francese degli Owun si forma nei novanta e dopo tre dischi si scioglie nel 2002, per tornare ora…

19 Apr 2012 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more

Dead Elephant, da Pasolini al grande mietitore

Nuova uscita, ancor nel 2011, per gli italianissimi Dead Elephant che con questo Thanatology confermano appieno di aver raggiunto la…

28 Jan 2012 Interviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 12 (08/01/15)

Dodicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano in solitudine presenta una selezione di brani da dischi comperati…

12 Jan 2015 Podcasts

Read more

Sebadoh - Secret EP (Autoprodotto, 2012)

Anche se sono stati tra le mie band favorite in assoluto, consideravo i Sebadoh dopo 13 anni di ibernazione un…

04 Sep 2012 Reviews

Read more

Eagle Twin - The Thundering Heard (Songs Of Hoof And…

È un vero peccato (mi verrebbe da dire un crimine) che gli Eagle Twin, che della linea evolutiva che parte…

03 Apr 2018 Reviews

Read more

Hype Williams - Rainbow Edition (Big Dada, 2017)

Nonostante pare che Dean Blunt e Inga Copeland non siano più coinvolti in Hype Williams, mi giocherei qualcosa che lo…

11 Sep 2017 Reviews

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Death Mantra For Lazarus - Mu (Grammofono Alla Nitro, 2010)

Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più? Non parliamo ovviamente di Lucio Battisti, il cui ritorno ci inquieterebbe assai, essendo…

16 Jun 2010 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top