Nicola Ratti – Prontuario Per Giovani Foglie (Megaplomb, 2006)

Con colpevole ritardo recensiamo questo CD di Nicola Ratti. L'impressione è buona ed è rimasta la stessa che avevo avuto qualche mese fa quando mi avevano fatto sentire il disco. L'ex chitarrista dei Pin Pin Sugar è riuscito a fare un bel disco in cui la chitarra acustica è accompagnata da piccoli arrangiamenti che pur essendo mimetizzati con molto mestiere arricchiscono molto le tracce. Innanzitutto "lasciate ogni speranza o voi che entrate", quindi non bollate con troppa fretta il tutto passandolo per cantautorato emo-indie Elliot Smith wannabe, tirate il freno a mano, come ricordavamo poco fa costui era in armi nei Pin Pin Sugar ed è il braccio armato dei Ronin. Sul gusto e sulla capacità credo che i lavori siano la migliore credenziale, ma qui si parla più che altro di cantautorato fine, sporcato da gingilli e da piccole chincaglierie che non fanno che sottolinearne l'eleganza delle trame chitarristiche. Più che Smith e Banhart mi è venuta in mente una Tara Jane O'Neil meno pop (ad ogni modo un cantautorato figlio di molto post-rock indipendente) ma soprattutto al disco solista di Jeff Mueller (June Of '44) giusto per inquadrarlo. Se dal vivo (forse più per il contesto non sempre appropriato) diventa difficile fruire del Prontuario Per Giovani Foglie, fra le mura domestiche l'effetto intimo delle canzoni rende molto bene. Per quanto rimanga convinto dell'enorme difficoltà di usare l'italiano in ambito cantautorale senza distanziarsi dalla musica italiana (seppur colta), Ratti ottiene un effetto che potrebbe condurre dalle parti di alcune cose di Giaccone eseguite in punta di piedi (il cantato non è certamente gucciniano come quello dell’ex Franti) fregandosene molto della forma canzone. Il "prontuario" in questione è scavato molto più su chi lo scrive che su chi lo dovrebbe ascoltare e come tale forse colpisce già nel segno visto che "comunque vada sarà un successo" (e se pensate che sia solo una battuta non lo è visto che solitamente l'esigenza espressiva diventa secondaria rispetto alla ricerca di un pubblico). Se fossimo in Kentucky avrei potuto scrivere che questo disco sarebbe stato perfetto per una giornata calda passata sotto al "porch" mentre il paesaggio viene pietrificato dalla calura estiva. Comunque "questa è Al (altro che Boston!) e non LA!", zona dove se stai sotto il "porch" che qui è il porticato al più ti godi i mosconi e le zanzare.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

Black Eagle Child - Poland (Sturmundrugs, 2010)

Nuove uscite per la Sturmundrugs il cui nome può essere chiaramente ridotto a Sud, lo sottolineo perché mostra la facciata…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more

Squadra Omega – Altri Occhi Ci Guardano (MacinaDischi/Sound Of Cobra/Outside…

È stato un periodo assai prolifico quello appena trascorso per  la Squadra Omega, che ha portato all’uscita di ben tre…

16 Oct 2015 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Belanov - Paragraph (Dying Giraffe, 2008)

Dopo essere recentemente passati per l'Italia in occasione di un minitour che ha toccato esclusivamente il nord della Lombardia (!)…

24 Oct 2008 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

The Star Pillow Meet Bruno Romani – Via Del Chiasso…

Chissà se siano i musicisti, influenzati dall’aria di casa Setola Di Maiale, a produrre musica così fresca e intrigante o…

26 Jun 2014 Reviews

Read more

Vanishing Life - People Running (Collect, 2014)

Una manciata di minuti, tante riverenze per il passato e altrettante speranze per il futuro. Lo sono i Vanishing Life,…

29 Oct 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top