Bass Tone Trap – Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music A La Coque dietro alla quale si cela quel Pino Montecalvo dei troppo sottovalutati Bz Bz Ueu che in Italia facevano free jazz in tempi in cui se andava bene si parlava di posse ed al più di hardcore. Ivi ha mosso i suoi primi passi Jacopo Andreini e per quanto mi riguarda sono stati uno dei primi contatti non traumatici con la musica jazz.
Dopo questa dovutissima pippa mi risulta tutt'ora difficile credere che i venditori di scarpe (se la storia riportata nelle note interne è vera) italiani ad inizio anni ottanta avrebbero potuto registrare un disco del genere ma fra le grandi qualità della cultura anglosassone (i Bass Tone Trap sono di Sheffield) c’è quella di non aver relegato la musica ad un hobbie da teenager come è stato fatto qui per anni (…perché, ora è diverso?). Certo difficile non sorridere pensando a questi sei bianchi che suonavano musica la cui componente essenziale è più negra del Botswana. I Bass Tone Trap con tanto di formazione media di due fiati, contrabbasso, batteria e due chitarre (in realtà utilizzano altre armi) si districano agevolmente fra pezzi organizzati e folate free, rari momenti di caos e melodia. Giusto per mettere in campo i riferimenti dichiarati dallo stesso Martin Archer nelle note di copertina che accompagnano questa ristampa a distanza di ventisette anni (avete letto bene!), ci sono Ornette Coleman ma soprattutto gli Art Ensamble Of Chicago (a proposito di africanismi jazzeuse a piede libero). Eppure ascoltandoli non ho potuto fare a meno di pensare ad eroi dimenticati come i Pigpen di Horowitz che ogni tanto hanno fatto fare qualche comparsata a Zorn, con buona probabilità gli inglesi sono arrivati al punto molto prima dei Pigpen, ma facile che i riferimenti e i risultati si avvicinino, cosa che rende questo disco ancora più prezioso. Forse più jazz rock senza spingere ancora su distorsioni e prove di forza a suon di post punk, era ancora presto forse e questi sei venditori di scarpe andavano già fin troppo veloce per pigiare anche sul pedale della distorsione oltre che su quello dell'acceleratore. Per chi ama molto del free jazz rock che oggi è quasi uno "standard" una riscoperta delle radici, per gli altri basti sapere che questi davano ritmo all’immortale motto dei Big Boys: "We got soul let's take control!".

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mamuthones – More Alien Than Aliens (Boring Machines/Corpoc, 2013)

Ne è passato di tempo dall'ultima uscita discografica dei Mamuthones e le esibizioni a cui abbiamo assistito nel corso di…

03 Jan 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 30 (21/05/15)

Puntata numero trenta della terza stagione di The Sodapop Fizz, ospite di Emiliano Giulio Aldinucci con le ultime novità sulla musica…

25 May 2015 Podcasts

Read more

Power – Turned On (In The Red, 2018)

Cercando dentro la pancia della In the Red non si resta quasi mai delusi, una volta inquadrato bene lo spirito…

23 Oct 2018 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – I'm With Tortillas, Throwing Stones In…

Il post-rock strumentale (molto approssimativamente: quello d’impronta più psichedelica che math… diciamo tutto quello post-Come On Die Young) ha nel…

04 Jun 2010 Reviews

Read more

Uncodified – Behaviour Traits Of Stalkers (Diazepam, 2013)

Con un titolo del genere, con un Black Death Synth che spicca fra la strumentazione, con Marco Deplano (Wertham) che…

24 Feb 2014 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

Lucy Mina - Can You Hear The Steps? (Asbestos Digit,…

Chi si nasconde dietro l'enigma di Lucy Mina? Un illustre sconosciuto oppure qualcuno più noto del panorama indipendente nostrano? La…

09 Feb 2018 Reviews

Read more

Vincenzo Ramaglia - Formaldeide (Autoprodotto, 2007)

A volte mi stupisco del potere del caos mediatico, della scarsa attenzione che viene prestata a certi generi e della…

29 Apr 2008 Reviews

Read more

Owls – Scars/Child (Verba Corrige, 2015)

Tornano a farsi vivi gli Owls di Eraldo Bernocchi, Tony Wakeford e Lorenzo Esposito Fornasari dopo il felice esordio. Avevo…

02 Jul 2015 Reviews

Read more

Jussipussi - Greatest Tits (Taxi Driver, 2015)

Fila via come uno sparo questo lavoro per l'instancabile (genovese) Taxi Driver. Come uno spritz estivo: un terzo di Pearl…

22 Jul 2015 Reviews

Read more

Matmos + M.uto - 15/03/13 Interzona (Verona)

La prima tranche della stagione 2013 di Interzona è ricca di bei nomi: si è iniziato con Jon Spencer, che…

22 Mar 2013 Live

Read more

Capillary Action - Fragments (Pangaea, 2004)

Intitolare un disco frammenti, per poi non stupirsi che la gente si stupisca del suo essere frammentario. Ogni pezzo un…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Nedry - In A Dim Light (Monotreme, 2012)

Si dice che nel Regno Unito si stia evolvendo una nuova scena musicale tutta dedita a sonorità che, fino a…

12 Apr 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - 8 Heretical Views / Two Views (Aagoo, 2013)

Addirittura due uscite di remix per Anyway Your Children Will Deny It dei Father Murphy: un 12" con il disco…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more

AA. VV. - Alessandria Post Industrial Area (Inverno/Creative Fields, 2017)

Torniamo in contatto con la Inverno records di Guido Bisagni aka Larva 108 con questa raccolta di musica ambient/industrial tutta…

23 Feb 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top