My Disco – 22/10/10 Polyester Records (Melbourne)

Difficile penetrare nei meandri della musica indipendente locale, ma per fortuna chiaccherando veniamo a sapere dal bassista dei My Disco che la sua band suonerà di lì a poco uno showcase nella city a Polyester records, negozio di punta per la musica indierock in città; nonostante ci siano date pochissime speranze per trovare posti disponibili riusciamo a farcela: compriamo quindi il "pacchetto", compreso di due ingressi e una copia nuova di pacca del nuovo Little Joy, che uscirà proprio lo stesso giorno dello showcase.
Puntuali davanti al negozio alle sette entriamo quasi per ultimi e così riusciamo a piazzarci nelle prime file, cosa ottima perché i musicisti suonano all'ingresso dando le spalle alle vetrine e non essendoci di palco da dietro praticamente non si vede nulla di nulla; alla prima nota ci muniamo di tappi per le orecchie perché anche se in pieno centro qui non ci si fanno problemi, gli uffici ormai hanno già chiuso e quindi i volumi sono belli alti: per fortuna stando davanti evitiamo il rimbombo da saletta!mydiscolivepolyester2 I tre cominciano a suonare i brani nuovi e la loro rodata formazione è davvero uno spettacolo da vedere dal vivo: batteria perfetta, pulita, secca e potente, basso pulsante che traina tutti pezzi portando con sé le linee melodiche e chitarrona abrasiva, asciutta e tagliente; il cantanto che sfiora la monotonia in odore di "new wave" non stona con i brani che rispetto al passato diluiscono di molto le influenze Touch And Go degli inizi (la band non fa mistero della devozione a Steve Albini da cui si fa registrare regolarmente ogni uscita da anni), acquisendo un tono più "australiano": i brani sono come sempre molto ritmati (e non potrebbe essere altrimenti con una sezione ritmica così) ma c'è un andamento ipnotico su cui aleggia quell'indefinibile senso di malessere tanto caro a molta musica prodotta da queste parti. Molto divertente è notare l'interesse per la musica da parte dell'umanità varia che sosta oltre i vetri del negozio: c'è chi corre via dopo poco, chi non si ferma neppure e chi resta interessato assieme al manipolo che non è riuscito a finire tra i 50 nella lista della prevendita; la selezione di brani dal nuovo disco finisce dopo una mezz'ora di concerto, ma alla fine basta per farci davvero emozionare e per spiegarci perché ogni volta che cerchiamo di vedere questa band è sempre sold out con così tanto anticipo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kollaps - Until The Day I Die (Cold Spring, 2022)

Il disco inizia con i suoni di quella che pare una sofferente suppurazione. C’è del tormento, dello scarto ed una…

21 Jul 2022 Reviews

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

Ovo/Rocchetti - Split 7" (Wallace/Holiday, 2009)

Più che di "clash of the titans" parlerei di "riunione di condominio" visto che Rocchetti si è trovato non solo…

15 May 2009 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Mon Electric Bijou - Terror At The Gates (Delta Poison…

Un'insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou…

20 Aug 2012 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Ultravixen - Il Riskio (Wallace, 2014)

Sono siciliani. E questo come garanzia di qualità dovrebbe bastare per approfondirne lo studio. Su Sodapop li conosciamo già da…

28 Oct 2014 Reviews

Read more

Pivixki - S/T (Sabbatical, 2008)

Datato esordio per questo duo piano/batteria australiano, da culto in patria ed inevitabilmente misconosciuto da noi. Per certi versi…

15 Mar 2011 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - Sono All’Osso (La Tempesta, 2010)

Ancora loro. Finalmente loro. Abbiamo aspettato questo disco per l'intero 2009, andandoli ad ascoltare perfino alla Festa di Radio Onda d'Urto…

27 Jan 2010 Reviews

Read more

Suffocation - S/T (Relapse, 2006)

Felice ritorno per i principi del death Suffocation. Virtuosi al parossismo, accartocciati su sé stessi, racchiusi all’interno di centinaia di…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Extra - F R Double E (Commune, 2006)

Già membro negli anni novanta dei Drill Team, band alt rock, il californiano J. Mills si diverte con questo progetto…

20 Dec 2007 Reviews

Read more

Mattia Coletti - Pantagruele (Wallace/Towntone, 2009)

Era da un po' che non sentivamo parlare di Mattia Coletti, o forse ero solo io che non ne sapevo…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Silent Carnival - Drowning At Low Tide (Viceversa/Seltz, 2016)

Che ci fossero le basi per essere un disco eccezionalmente alto in qualità, visti i protagonisti coinvolti, era fuori ombra…

14 Nov 2016 Reviews

Read more

A Place To Bury Strangers + Bambara - 26/10/13 Interzona…

Si annuncia un'altra serata di gran livello questa dell'Interzona, in linea con una programmazione che privilegia la messa in scena…

08 Nov 2013 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top