Marvin – Barry (Africantape, 2013)

Francesi, terzo album per l’Europa e debutto nel Nuovo Mondo, famosi per i loro live: i Marvin non le mandano a dire. Almeno così sembrerebbe ascoltando Barry. Nove sono i pezzi che costituiscono un album cocainomane: mai una pausa, un ritmo più lento, un gioco semplice tra basso e chitarra, un giro che possa far pensare all’allentarsi della continua tensione musicale. Il trio suona tesissimo dall’inizio alla fine del disco, crea un vortice melodico che risucchia completamente e si capisce il perchè i loro show siano così acclamati in giro (n.d.r. In Italia il prossimo autunno) – Tempo Fighting (ca va sans dire…), Automan, Un Chein En Hiver -. Greg Marvin, da dietro alla batteria, ha definito il loro terzo lavoro come unico modo per continuare a stare in tour, cosa che i Marvin amano, e per vincere la noia di suonare sempre i pezzi vecchi ai concerti e, sentendo anche cose meno recenti (e se i risultati sono questi), penso solo a quanto voglio che continuino ad annoiarsi e a voler girare. Post punk – As Noisy As Possible -, riff heavy rock – The Dark Sheep -, elettronica cattiva q.b. e synth sapienti – Barry –  sono dietro al trio di Montpellier che, con altra gentaglia sui generis (Pneu, Electric Electric e, ultimi, ma non ultimi, i Papier Tigre), ha dato vita al progetto La Colonie De Vacances, una sorta di band ‘quadrifonica’ (esisterà ‘sto termine?) dove, in ogni angolo di una stanza, ogni band suona e il pubblico sta in mezzo. Alla faccia di un qualsiasi happening. Vogliamo parlare di Trans AM, di Jesus Lizard? Ma no, dai. Parliamo di Marvin, dei loro titoli quasi omaggianti – Giorgio Morricone (Ennio?), la saltellante Jey Ferson (Jay Ferguson?) e la title track che, assieme al nome dei tre, per combinazione (?), non è che l’assonanza di Marvin Berry (il chitarrista cugino immaginario di Chuck… dai, qualcuno l’avrà pur visto Ritorno Al Futuro!) – e della capacità di saper suscitare velocemente un’eccitazione elevatissima in tre battute per mantenerla quella mezz’ora abbondante di disco. Come minimo, caspita! No?

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Aspec(t) - El Obsceno Pàjaro De La Noche (FF HHH,…

Il titolo vorrà dire "l’osceno passero della notte?", boh, purtroppo quel poco di spagnolo che parlavo è andato a farsi…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Harshcore & Der Einzige – Live Bujùn Dokument (Old Bicycle,…

Harshcore, il progetto di Luca Sigurtà e Tommaso Clerico, è per vocazione propenso all'interagire e al mischiarsi con altre realtà:…

28 Jun 2013 Reviews

Read more

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Faravelliratti - Lieu (Boring Machines/Coriolis Sound, 2010)

Collaborazione che mette assieme due nomi conosciuti da molti dei nostri lettori ovvero Attila Faravelli, alla cabina di regia di…

02 Sep 2010 Reviews

Read more

Roberto Fega - Echoes From The Planet (Setola di Maiale,…

Il difficile e nobile percorso creativo di Roberto Fega sboccia questa volta in un concept incentrato sul drammatico (e spesso…

03 Jan 2020 Reviews

Read more

Elisabeth Schimana - Sternenstaub (Chmafu Nocords, 2013)

Chamfu Nocords pubblica il primo lavoro completamente in solitaria per Elisabeth Schimana, tutto dedicato alla creazione dell'universo, tema di sicuro…

02 May 2014 Reviews

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

Bautista - Emoton (Carosello, 2022)

SI inizia e la produzione di Bandera riporta subito al superclassico dei Luniz, I got 5 on it, Oakland 1995,…

26 Jul 2022 Reviews

Read more

Those Lone Vamps - Sketches (Setola Di maiale, 2007)

Setola Di Maiale è davvero una bella etichetta non solo per la qualità della maggioranza delle sue produzioni, ma anche…

12 Oct 2007 Reviews

Read more

Zero Centigrade - Unknown Distance (Audio Tong, 2010)

Credo che non mi stancherò mai di ripetere quanti dischi rimangano sommersi nel mare di uscite che saturano un mercato…

21 Mar 2011 Reviews

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Acid Baby Jesus - Selected Recordings (Slovenly, 2014)

Interessantissima seconda uscita per questa bizzarra formazione greca che all'occasione si è rifugiata in un'isoletta dell' Egeo al fin di…

27 Jan 2015 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 21 (12/03/15)

Puntata numero ventuno della terza stagione di The Sodapop Fizz: Andrea Valentini è ospite di Emiliano e Stefano con una abbondante…

16 Mar 2015 Podcasts

Read more

Catlong - My Cocaine (Autoprodotto, 2008)

Tornano i cinque fantasy rockers lombardi Catlong. Questa volta con una ballad sbilenca e ubriaca, ma come al solito…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Orfanado – Iter (Sound Of Cobra, 2011)

Piccoli noiser cambiano pelle, almeno temporaneamente, in questo progetto che coinvolge gente impegnata anche con In Zaire, Lago Morto, G.I.…

23 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top