Marvin – Barry (Africantape, 2013)

Francesi, terzo album per l’Europa e debutto nel Nuovo Mondo, famosi per i loro live: i Marvin non le mandano a dire. Almeno così sembrerebbe ascoltando Barry. Nove sono i pezzi che costituiscono un album cocainomane: mai una pausa, un ritmo più lento, un gioco semplice tra basso e chitarra, un giro che possa far pensare all’allentarsi della continua tensione musicale. Il trio suona tesissimo dall’inizio alla fine del disco, crea un vortice melodico che risucchia completamente e si capisce il perchè i loro show siano così acclamati in giro (n.d.r. In Italia il prossimo autunno) – Tempo Fighting (ca va sans dire…), Automan, Un Chein En Hiver -. Greg Marvin, da dietro alla batteria, ha definito il loro terzo lavoro come unico modo per continuare a stare in tour, cosa che i Marvin amano, e per vincere la noia di suonare sempre i pezzi vecchi ai concerti e, sentendo anche cose meno recenti (e se i risultati sono questi), penso solo a quanto voglio che continuino ad annoiarsi e a voler girare. Post punk – As Noisy As Possible -, riff heavy rock – The Dark Sheep -, elettronica cattiva q.b. e synth sapienti – Barry –  sono dietro al trio di Montpellier che, con altra gentaglia sui generis (Pneu, Electric Electric e, ultimi, ma non ultimi, i Papier Tigre), ha dato vita al progetto La Colonie De Vacances, una sorta di band ‘quadrifonica’ (esisterà ‘sto termine?) dove, in ogni angolo di una stanza, ogni band suona e il pubblico sta in mezzo. Alla faccia di un qualsiasi happening. Vogliamo parlare di Trans AM, di Jesus Lizard? Ma no, dai. Parliamo di Marvin, dei loro titoli quasi omaggianti – Giorgio Morricone (Ennio?), la saltellante Jey Ferson (Jay Ferguson?) e la title track che, assieme al nome dei tre, per combinazione (?), non è che l’assonanza di Marvin Berry (il chitarrista cugino immaginario di Chuck… dai, qualcuno l’avrà pur visto Ritorno Al Futuro!) – e della capacità di saper suscitare velocemente un’eccitazione elevatissima in tre battute per mantenerla quella mezz’ora abbondante di disco. Come minimo, caspita! No?

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Okkervil River - I Am Very Far (Jagjaguwar, 2011)

A costante scadenza, come un film di Woody Allen, tornano i talentuosi Okkervil River, sempre con la fedelissima Jagjaguwar. Il…

06 May 2011 Reviews

Read more

Terreni K - Depths (Luce Sia, 2018)

il secondo lavoro del pugliese Massimo Gravina esce per la illustre Luce Sia che si distingue quindi non soltanto per…

30 Oct 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Niente Records Volume 1 (Niente, 2009)

Niente orpelli, o quasi: per scelta della neonata etichetta degli St.Ride non ci sono note né altre scritte tranne "Niente…

28 Sep 2009 Reviews

Read more

Keiki - Popcorn From The Grave (Cheap Satanism, 2012)

Sedicente duo satanico con sede a Bruxelles, formato da un mezzo italiano alla chitarra e una mezza inglese alla voce.…

28 Nov 2012 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Insect Tracks (Wallace/Boring Machines/Bronson, 2010)

Tempo di disco dal vivo per i Bachi Da Pietra dopo tre album in quattro anni e un'attenzione crescente da…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Full Effect - Reconcilement - At The Present, A Sweet…

Il disco dei Full Effect, non privo di qualche dissonanza qua e là, prende il via dall'emo-core più fisico, quello…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more

Boombox Borealis - Quiet (Kosmik Elk Mind, 2008)

È proprio vero che il bel gioco dura poco, infatti questa cassetta fa parte della serie di uscite della Kosmik…

28 Nov 2008 Reviews

Read more

15 anni di ODRZ – 12/12/2015 Spazio Ligera (Milano)

Anche se dalla data è passato un po’ di tempo e gli infiniti impegni della vita non ci hanno permesso…

08 Jan 2016 Live

Read more

Talibam! – 19/10/12 Carmen Town (Brescia)

"Cagata pazzesca" o "merda d'artista", questi i due poli fra cui mi immaginavo potesse oscillare la versione 2.0 dei Talibam!…

02 Nov 2012 Live

Read more

Aspec(t) - Waspnest (Fratto9 Under The Sky/Viande/Toxo, 2010)

Menzionavo Weltraum e A Spirale proprio di recente a proposito delle glorie minori che meritano di essere ricordate, tenute d'occhio,…

29 Jan 2011 Reviews

Read more

Spite Extreme Wing - Vltra (Avantgarde/Masterpiece, 2008)

Ritorna per quello che sembra un epitaffio l"'ultima ala dello sdegno". Un album nero, innovativo, con un suono privo di…

07 Jul 2009 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – Morire Per La Patria (Wallace/Boring Machines/Brigadisco e…

Tornano col loro noise '70 diversamente strumentale, cinematografico e politicizzato, i Fuzz Orchestra e, per la prima volta su disco,…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

Agatha - Getting Dressed For A Death Metal Party (Wallace/Smartz/Basura/Full…

Il nome avrebbe potuto appartenere ad una formazione emo core di metà di anni Novanta, in "illo tempore" un gruppo…

26 Dec 2007 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top