Nu Creative Methods – Superstitions (Music à La Coque, 2013)

Musica inclassificabile, ecco cosa contiene questo disco che Music à La Coque ci ripropone dopo trent’anni di oblio. Nu Creative Methods era il duo formato da Pierre Bastien e Bernard Pruvost sul finire degli anni ’70 e che nel 1984 aveva suscitato l’attenzione della milanese ADN Records (in catalogo Tasaday, Sigillum S, Merzbow e tanti altri) che aveva loro prodotto un nastro. È proprio questo che ci viene riproposto oggi (con l’aggiunta di una traccia bonus), creando un ponte, ma anche un corto circuito, fra il passato e il presente.
A cavallo tra sperimentazione, ricerca rumorista e attitudine freak che nulla concede a un hippismo al tempo già tramontato, Superstitions è una discesa nei campi della musica più incompromissoria, fatta con alcuni strumenti convenzionali (chitarra, contrabbasso) e altri meno (piano giocattolo, sveglie, improbabili strumenti a fiato), ma sorprendentemente senza l’aiuto di alcun strumento elettronico. L’unica cosa prevedibilmente è l’anticonvenzionalità della forma, se di forma vogliamo parlare, che mescola jazz deviante, musica concreta, melodie sfuggenti e libera improvvisazione, un’alchimia che porterà alle vostre orecchie le folli evoluzioni di un’orchestrina di rigattieri. Immaginate gli Aktuala che, abbandonati gli scenari mediorientali, si ritrovino a suonare in una discarica e non sarete troppo lontani dalla realtà di un disco in cui, giocando gioiosamente col rumore, i due francesi dimostrano come l’essere al passo coi tempi, allora come oggi, sia più una questione di testa che non di strumenti. Al tempo un lavoro del genere non avrebbe sfigurato nel catalogo ESP Disk, qualche anno fa avrebbe dato paga ad alcuni bei nomi del giro Load. Oggi è la curiosa riscoperta di un progetto che non avrebbe comunque cambiato la storia, ma che seppe vedere e praticare certe percorsi in netto anticipo sui trend che sarebbero venuti.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

La Batterie - He Ate A Lamp Now He's A…

"Una versione spongebob dei Sonic Youth", e stavolta chiunque abbia inventato questa definizione per il terzetto berlinese un po' c'ha…

17 Feb 2008 Reviews

Read more

Larix – S/T (Pseudomagica, 2017)

Fonti ben informate, basandosi su uscite discografiche e cartelloni di concerti, mi dicono essere tornato in auge il jazz-core: rabbrividiamo.…

15 Dec 2017 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Mexico (Lizard/Grey Sparkle/MCL/Old Bycicle/Afe, 2011)

Invecchiato tre anni. Questo riporta la cover del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey. E come un buon whisky che…

21 Feb 2012 Reviews

Read more

Julia Kent - Green And Grey (Important/Tin Angel, 2011)

Torna col suo secondo disco solista la violoncellista Julia Kent, canadese residente a New York, ma in realtà cittadina del…

11 May 2011 Reviews

Read more

Downfall Of Gaia/In The Hearts Of Emperors - Split LP…

Dopo il convincente esordio Epos di recente ristampato sempre da Shove, tornano i tedeschi Downfall Of Gaia, germanici fino al…

17 May 2011 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – Theta (Boring Machines, 2013)

Tre anni fa, quando esplose la bomba, non mi impressionò praticamente nulla del giro della famigerata Borgata Boredom, né il…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Cani Sciorri - Ten Tacos And One Burrito (Escape From…

Come direbbe "l'Alcalde Della Superba" i Cani Sciorri suonano "crossover, ma alla vecchia". La band piemontese infatti non macina stoner…

03 Apr 2020 Reviews

Read more

Daniel Menche - Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno…

29 Nov 2019 Reviews

Read more

Hanam Quintet Featuring Tristan Honsinger - S/T (Aut, 2013)

In quel confine tra jazz e contemporanea c'è un altro mondo musicale e in questa settima pubblicazione della Aut rec,…

15 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top