Lucifer Big Band – Atto II (Bloody Sound Fucktory/HYSM?/Neon Paralleli/Lemming, 2014)

Perseverare è diabolico, recita il proverbio. Così, coerentemente, Angelo Bignamini (batterista di The Great Saunites) torna con la sua luciferina creatura a tormentare i nostri sonni. Lasciando da parte i toni soffusi dell’EP Ugo, Atto II rappresenta la logica evoluzione del lavoro d’esordio, del quale amplia il parco strumenti con chitarre, flauti, percussioni, synth e incupisce i toni fino ad immergersi nel rumore.
È un suono sotterraneo quello di questo nuovo lavoro della Lucifer Big Band – che, ricordiamolo, è composta dal solo Bignamini – un suono magmatico e mutevole, che veicola il flusso di coscienza del musicista e trascina con sé l’ascoltatore. Nel primo dei due brani dell’album veniamo accolti senza complimenti da chitarre e sintetizzatori che gridano come sirene antiaeree e batterie elettroniche e acustiche che impazzano in un vortice di suono ottundente, un free rock metallico che vira il all’industrial lo spirito sciamanico di Atto I. Poi i volumi calano ma il rumore non si placa, fra cigolii, synth spettrali sullo sfondo e stridori da fonderia finché una batteria non viene a rimettere ordine dando la possibilità alle tastiere di stendersi morbide, una chiusura psych-tribale che pare riconciliarci col mondo. Non illudetevi, non è così. Il brano che segue, non così immediato ed ugualmente rumoroso, richiede un approccio diverso, meno fisico e più mentale: è una suite ambient dai tratti ritualistici, caratterizzata da un suono sporco e pulsante, incrostato di frequenze disturbate, suoni concreti, battiti irregolari, in cui a fatica (e non sempre) si distinguono gli strumenti coinvolti. Un viaggio alchemico all’intero della materia-suono che si conclude con un tintinnio di campanelli che sancisce il ritorno alla realtà. Con Atto II la Lucifer Big Band si spinge ancora più in là del gruppo d’origine sulla strada della psichedelia oscura: una colonna sonora perfetta per riti voodoo del nuovo millennio.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Einsturzende Neubauten + Deus + Blond Redhead - 01/09/2018 Piazza…

Tre headliner di tutto rispetto per una serata dal sapore quasi antico. E’ innegabile osservare come sia Deus che Blond…

09 Sep 2018 Live

Read more

Mudhoney – Under a billion sun (Sub Pop, 2006)

Sarà qualcosa nell’aria (spero di no) o semplicemente il fatto che chi ha suonato con passione la propria musica, difficilmente…

22 Jul 2006 Reviews

Read more

Larva 108 - Music For Cup Marked Stones (Inverno, 2011)

A poca distanza dall'uscita della raccolta per i primi dieci anni di Larva 108, Guido Bisagni (unico nome dietro a…

17 Apr 2011 Reviews

Read more

Bernays Propaganda - Happiness Machines (Moonlee, 2009)

La serietà, la caparbietà e la tenacia della Moonlee va riconosciuta. Amerei davvero conoscere quei ragazzi che, con tanta…

17 May 2009 Reviews

Read more

Magnetica Ars Lab/Maurizio Bianchi - LoopKlangeNoise (Final Muzik, 2013)

Il 2013 non smette di portare alla luce altre collaborazioni di Maurizio Bianchi (ma non aveva annunciato il suo addio…

06 Nov 2013 Reviews

Read more

Meerkat - Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Kapalika - A Pop Calipso/Lounge Enfer (Vintage Pharmakon, 2011)

Dopo anni passati a tessere in solitudine le fila sonore del culto della Kapalika, Federico Esposito (Ur, Heartside) esce allo…

24 Oct 2011 Reviews

Read more

Mathians / Dot (.) - Split 7" (Dufresne, 2006)

In periodi di “downtuning, doom, sludge” e rallentamenti vari, nel mentre della quasi beatificazione di O'Malley (Sunno))), Khanate, etc.) in…

15 Oct 2006 Reviews

Read more

Nodolby - Deranged/Unlaced (Sincope, 2012)

Uscita interessante per Nodolby, moniker usato da Michele Scariot dell'etichetta Dokuro, già in passato presente su Sincope con uno split…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Sdang! - Il Giorno Delle Altalene (Autoprodotto, 2015)

Seppur nascendo come side project della band dei fratelli Giuradei, gli Sdang! (Alessandro Pedretti e Nicola Panteghini) superano di gran…

19 Feb 2016 Reviews

Read more

Morose/Campofame – Cinque Pezzi Facili, Volume 4 (Under My Bed,…

Il penultimo capitolo della serie Cinque Pezzi Facili ospita due graditi ritorni: quello dei Morose, che dopo La Vedova Dell'Uomo…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

M.B. - I.B.M. (Final Muzik, 2012)

Continuano le ristampe della serie Final Muzik Eighties e per la terza uscita arriva in catalogo addirittura Maurizio Bianchi con…

03 Apr 2013 Reviews

Read more

René Basca And The Biscuits - Definizione Di EP (Bordugo…

E bravi René Basca And The Biscuits. Questo, purtroppo breve, EP è davvero una bella sorpresa. Immaginate uno strano ibrido…

03 Feb 2012 Reviews

Read more

Kyle - Space Animals (Overdrive, 2013)

Un divertente banjo apre le porte del mondo di Kyle, un progetto capitanato da Michele Alessi (militante nei Maisie e…

19 Mar 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top