Luca Santini & Paolo Sanna – Elementi (Setola di Maiale, 2014)

È un piacere ritrovare il percussionista Paolo Sanna, stavolta in coppia con Luca Santini, su un’etichetta che per una certa tipologia di artisti, accomunati in realtà più da un comune sentire che da uno stile, rappresenta un approdo naturale. Elementi mette in fila nove tracce assai dense, nonostante siano composte con un armamentario davvero esiguo: cornetta e oggetti per il primo, batteria preparata e gong per il secondo. E silenzio, per entrambi.
Spiegano le note di copertina che, nell’accezione di Platone, per elementi si intendono dei componenti minimi, la cui unione dà vita alle cose mentre, va da sé, la disgregazione porta alla morte. Di questo ciclo di continua trasformazione, le nove composizioni rendono perfettamente i due aspetti: celebrano l’esistere e sono consapevoli della caducità; lo fanno attraverso una musica dai toni per lo più cupi, a volte quasi funerei, ma che si aggrappa alla vita con le unghie e con i denti, mettendone in scena il lato più drammatico. Elementi è dunque un disco rumoroso, amelodico, costruito con battiti, sfregamenti e stridori che arrivano a sfiorare il power noise (*3e. pare impossibile sia suonata con soli strumenti acustici) e travalica i confini dell’impro fino a richiamare alla mente mostri sacri della cultura industriale come Ze’v e i Test Dept. Ancora una volta tuttavia i riferimenti stilistici sono insufficienti, forse anche fuorvianti: questa è gente che, da sempre, distilla il suono direttamente dalla realtà, non per il semplice utilizzo degli oggetti come fonti sonore, ma per la capacità di travasare la realtà fisica nel suono; stavolta però attingono a qualcosa che va oltre il sensibile, regalandoci un disco scontroso e meditativo. Un ascolto non facile, neppure piacevole a dirla tutta, ma utile e in qualche modo catartico: la vita fa rumore.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

Nestor Makhno - S/T (Stella Nera, 2011)

Il nome del gruppo dedicato ad un personaggio come Nestor Makhno già da solo regalerebbe la mia stima al duo…

03 Jun 2011 Reviews

Read more

Iron Molar/Peacemaker - Split CD (Fucking Clinica, 2008)

Il nuovo parto della Fucking Clinica è gemellare, siamese e internazionale. Ad accompagnare il secondo passo degli Iron Molar nell'inferno…

23 Feb 2009 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - The Earth Cries Blood…

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal…

12 Jun 2013 Reviews

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Don Vito/Bogong In Action – Split 7” (Lemming/Brigadisco et al.,…

Merita una segnalazione questo split in vinile diviso fra Don Vito, gruppo che, a discapito del nome, proviene dalla Germania …

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Plakkaggio - C.D.G. 7'' (Hellnation, 2014)

Abbandonata l' HC  con cui li avevamo ascoltati fino a ieri ritorna il power trio di Colleferro: sempre combattivo, sempre…

03 Sep 2014 Reviews

Read more

Skrima - Tapes (Disasters By Chioce, 2018)

Debutto che viene da lontano per Skrima, progetto di Salvo Pinzone in cui come dichiarato dal titolo sono proprio i…

25 Jun 2018 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Lali Puna – Our inventions (Morr Music, 2010)

Penso che chi abbia amato, anche per un breve lasso di tempo, gruppi come Notwist, Mùm e i primi Belle…

19 Mar 2010 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Converge - Live At The BBC (Deathwish, 2014)

Nuovo 7 pollici per i paladini dell'hardcore più furioso e metallizzato: i Converge tornano a distanza di un anno e…

14 May 2014 Reviews

Read more

Peter Laughner & Lester Bangs - the famous Lester Bangs…

[Warning: questa recensione è apparsa su This Heart webmagazine, ma siccome non lo legge nessuno, la ripropongo. Perchè sì e…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top