gRAEFENBERg – Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente declinato nelle sue accezioni più varie ed interessanti: cosa non sempre scontata, dato che dopo l’ubriacatura di musica neo industriale di questi anni non molti hanno sviluppato una via davvero personale al genere e a volte sono i nomi con meno “hype” e blasoni di altri a sorprendere maggiormente.  Quello che ad oggi è diventato un trio (Andrea Prevignano, Gianni Faluomo e Pierluigi Pugno) sfodera infatti un disco perfetto, tra atmosfere sempre scure ma mai banali e ritrite: i tre brani di Ishikozume lasciano spazio a diversi intrugli della stessa infernale sostanza, probabilmente la polvere di asbesto, con cui intossicare le vostre orecchie e da lì la vostra mente. Il primo movimento parte con droni imperiosi e trascinanti, vere e proprie colate laviche che lasciano poi spazio a glitches quasi inebrianti in loop con stridii vari; da qui si tracciano già alcuni elementi che caratterizzano il disco: la incredibile distinzione dei vari suoni, a volte grezzi ma lavorati accuratamente e sempre molto a fuoco, e poi il ritmo che la fa da padrone conducendo il gioco e non lasciando mai che il magma si disperderda senza una direzione. Nel secondo movimento questo è ancora più chiaro, infatti una ritmica semplice e diretta dirige il rumore bianco con fare marziale, per poi perdere la direzione tra i propri stessi echi e sfaccettare il brano con percussioni che sembrano avere un andamento a spirale; altro elemento che fa la differenza: tutto varia in Ishikozume, idee e trovate non si adagiano mai ma il caleidoscopio sonoro vi ruota attorno vorticosamente.Il terzo movimento è più riflessivo, un dub completamente atipico a base di fruscii e basse frequenze prima accennate e poi in crescendo, affiancati solo da una singola e chiara nota di piano che fende il suono come una luce nella nebbia. Tra il meglio della Rune Grammofon e Pansonic, un disco dal gusto nordico ma dal cuore mediterraneo per un certo suo lirismo: consigliato!

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

FERC – The Trial Of Monologue (Silta, 2012)

Si legge sul sito dell’etichetta che “La missione di Silta Records è di pubblicare e divulgare registrazioni di musica creativa…

17 Oct 2012 Reviews

Read more

Simone Lanari - the Null Search (autoproduzione, 2022)

La concezione di musica folk è radicalmente cambiata nel tempo. Un chitarrista, Simone Lanari in questo caso, prendendosi una settimana…

05 Sep 2022 Reviews

Read more

Green Beret - Part 1 & Part 2 (Sabbatical, 2008)

I tre berretti verdi sono stati assoldati per l'undicesima uscita Sabbatical probabilmente perché hanno le carte in regola per fare…

09 Nov 2009 Reviews

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Fukjo - La Musica, Il Mare E La Deriva Occidentale…

Raffinato shoegaze nineties per questo inaspettato duo pugliese (Cerignola) che seppur dedito ad un cantato italiano nulla ha da invidiare…

02 Mar 2020 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - Lacrima/Pantera (Unhip, 2011)

Ricordo che quando mi dissero che The Death Of Anna Karina avevano svoltato in favore del cantato in italiano, subito…

20 Feb 2011 Reviews

Read more

Agamotto - S/T (Cosmic Swamp, 2012)

Esordio per il duo italico Agamotto (dal nome di un personaggio Marvel) sulla nostrana Cosmic Swamp, etichetta dedita a stoner,…

13 Feb 2013 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more

Aids Wolf Vs Athletic Automaton - Clash Of The Life-Force…

Mentre esce il nuovo disco dei Chinese Stars (tra poco da queste parti), su Skin Graft ci ricordano che, senza…

27 Mar 2007 Reviews

Read more

Mongoholi Nasi - Contusioni (Niente, 2011)

Non poteva mancare un nuovo episodio della saga sonora di Mongoholi Nasi sulla genovese Niente, infatti nel passato il signor…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

Toilet Door n.2 - Futurismo O Rumorismo?

Un back to mine sferragliante quanto una locomotiva lanciata a ritroso verso le origini del suono. Anche stavolta i…

28 May 2010 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top