Jonathan Inc. – Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il punto della situazione per quel che mi riguarda. Perchè le dodici tracce, che ci hanno messo un pò a essere messe su disco (il progetto si avvale della collaborazione di artisti che vivono lontani fra loro), sono connotate da una freschezza compositiva, ma si avvicinano molto a qualcosa che già musicalmente si conosce e si individua ma non si sa spiegare. Sarà che Lost: Time è costruito attorno a pezzi eterogenei sia tra loro che rispetto al fil rouge che trovo le unisca: il pop. Un pop molto radiofonico e probabilmente 'spacciabile' con facilità – 100 Voices -, nonostante pezzi che si discostano da questo schema – Hours on a string – e che, secondo me, dichiarano una probabile vicinanza di intenti a personaggi come il Sufjan Stevens di Illinois o Avalanches Cease Fire – o che seguono una linea meno marcatamente indie – Waiting For Morning – lasciando intravedere (esiste 'intrasentire'?) diverse note leggere ed emozionali – Impatient, Astronauts -. Su qualche rivista settimanale non specializzata che danno in allegato ai quotidiani più gettonati si troverebbe un commento del tipo "Solo per romantici interessati, astenersi disillusi" (e non lo dico tanto per dire… come si suol dire, c'ho le prove!). E' così la Arctic Rodeo ha sfornato il terzo lavoro di quello che era nato come il progetto solista di Anderson, anima di quel che è diventato Jonathan Inc., un gruppo di quattro musicisti canadesi che tra chitarre e voci soffici, archi, vibrafoni, moog e wurlitzer creano la magia. Non una magia particolarmente innovativa, ma che amanti di un certo folk anni '70 apprezzerebbero molto.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Alchemist - Tripsis (Relapse, 2007)

Giunto ormai al ventennio di attività il quartetto australiano può decisamente considerarsi soddisfatto del proprio percorso e soprattutto del…

06 Jan 2008 Reviews

Read more

Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai - Sweetness & Light EP…

"Tu sei completamente stanco", questo il significato del nome che gli Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai hanno scelto: trio che…

17 Mar 2010 Reviews

Read more

The Machine – Redhead (Rekids, 2010)

Matt Edwards (già Radio Slave e Rekid – un album su Soul Jazz con questo secondo pseudonimo), esordisce con la…

21 Jan 2011 Reviews

Read more

Nicola Boari – Wakamatsu Koji, Il Piacere Della Distruzione (Falsopiano,…

Già è raro che su queste pagine si recensiscano libri: forse per un testo di cinema è la prima volta…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

Khem - Magma 4 (Luce Sia, 2019)

Seppure in eterno ritardo temporale rispetto all' uscita, è doveroso segnalare questo lavoro altamente concettuale: la band, o forse per…

16 Jan 2020 Reviews

Read more

Penelope Sulla Luna - My Little Empire (Nagual, 2008)

I Penelope Sulla Luna fanno quello che quasi tutti intendono come post-rock strumentale anche se questi "tutti" tendono a dimetnicarsi…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune…

11 Oct 2017 Reviews

Read more

Torche + Pelican - 04/10/08 Latte Più (Brescia)

Sperimentiamo oggi un nuovo genere di recensione: la recensione-Memento (se avete visto il film, capirete). Trattando di uno di quei…

02 Oct 2008 Live

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more

Tsigoti – Private Poverty Speaks To The People Of The…

Perchè parlare oggi di un disco uscito nel 2009? Semplicemente per due motivi: da Sodapop non era ancora passato e…

10 Jul 2012 Reviews

Read more

Spiritus N - Age (Luce Sia, 2020)

Delicatissima dark-ambient minimale per Luce Sia che, incurante a crisi sanitarie e ambientali, continua a sfornare materiale di primissima qualità.…

14 Apr 2020 Reviews

Read more

The Rust And The Fury - See The Colors Through…

Piove. Ultimamente non è strano per niente, no? Comunque, siccome, secondo me, il caso esiste fino a un certo punto,…

19 Sep 2014 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - La Stanza Di Swedenborg (Eibon, 2006)

Uno dei gruppi genovesi più "chiaccherati" del momento? Non saprei, non abitando neppure nella Superba dura valutarne la fama in…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Shonen Knife – Free Time (Damnably, 2011)

Ho scoperto le Shonen Knife anni fa grazie ad uno splendido split 7" in compagnia degli Shudder To Think (senza…

25 Oct 2011 Reviews

Read more

Umanzuki - Sonic Birds (Brigadisco/Fromscratch/Eclectic Polpo/Ambient Noise Session/Hysm?/Toten Schwan/Charity Press/ZAMZAM,…

Sarò prevenuto io (non che me ne dispiaccia troppo), ma in questo particolare periodo storico il solo sentir parlare di…

15 Mar 2013 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top