Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé il fido Diarmuid Dalton (già collaboratore dei Godflesh e ora nei Jesu) alla batteria, Dave Cochrane (ex God e Head Of David, ora nei Transitional) al basso e Aaron Turner (Isis e vari altri) alla chitarra. Una serie di nomi importanti, ma è palesemente Broadrick, con l’umore dei tempi peggiori (il che è un bene), a condurre le operazioni, un salutare allenamento in vista della riformazione dei Godflesh prevista per l’Hellfest di quest’anno. Il fangoso campo di battaglia in copertina prepara solo in minima parte alla sporcizia contenuta in Disconnected. Su un’armatura di batteria lenta e ripetitiva e basso-mammut vengono riversate varie colate di chitarre noise, le più sporche che si siano mai sentite e una voce filtrata e incomprensibile, usata alla stregua di un qualsiasi strumento; le sei corde più melodiche (fatte le debite proporzioni), che compaiono in alcuni episodi, sono solo un miraggio in un deserto isolazionista. È il ritorno del rock industriale nella sua forma più cupa e intransigente, dei Godflesh con K.K. Null alla chitarra, un monolite che però, alla lunga, più che impressionare annoia. Grey Machine è una squadra che gioca con un unico schema; capita l’antifona e prese le misure, dopo i primi tre o quattro pezzi, non resta molto da aggiungere. Certo, la ripetitività a oltranza può essere vista come una qualità in un contesto così nichilista, ma a questo punto si entra nel campo dell’autolesionismo più che dell’estremismo musicale. Fatte salve la movimentata Wasted e la dubeggiante Sweatshop, il disco avrebbe potuto benissimo essere ridotto di un terzo (in totale dura oltre 70 minuti) senza perdere di efficacia e guadagnando in concisione. Tutto sommato, comunque, è un piacere risentire Broadrick in un ambito dove sa ancora dire la sua con autorevolezza, senza procedere a tentoni come negli ultimi episodi dei Jesu.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

TV Buddhas - Dying At The Party (Trost, 2010)

Freschissimo trio israeliano che riesce ad accattivare l'ascoltatore nonostante proponga la musica più vecchia del mondo, i TV…

23 Mar 2011 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Joy As A Toy – Dead As A Dodo (Cheap…

"Freely inspired by Dario Argento's movies" è quanto si apprende sfogliando il booklet del cd dei belgi Joy As A…

16 Jul 2012 Reviews

Read more

Nu Creative Methods – Superstitions (Music à La Coque, 2013)

Musica inclassificabile, ecco cosa contiene questo disco che Music à La Coque ci ripropone dopo trent'anni di oblio. Nu Creative…

01 Aug 2013 Reviews

Read more

K-Branding - Alliance (Humpty Dumpty, 2011)

Giovani promesse crescono e vengono mantenute, proprio come nel caso di questi ragazzi belgi: ricordo di aver recensito il loro…

15 Apr 2011 Reviews

Read more

Primal Scream - Beautiful Future (B-Unique , 2008)

Arrivarci, a vedere il futuro rosa! E forse qualcuno la personale quadratura del presente l'ha trovata, tanto da cantarla a…

25 Sep 2008 Reviews

Read more

Plakkaggio HC - Ritorno Alla Pangea

Giunto al terzo lavoro (Approdo), dopo Il Nemico (2007) e Fronte Del Sacco (2009), questo terzetto di Colleferro sembra essere…

03 Aug 2013 Interviews

Read more

Toni Bruna - Fogo Nero (autoproduzione, 2021)

La mente fa strani, stranissimi collegamenti. Evoca piccole cose che, anni fa, hanno lasciato un segno. Formigole. Nel 2011 a Trieste accadde…

14 Feb 2022 Reviews

Read more

Roncea & The Money Tree - S/T ep (Electric Cave/Canalese…

Nicholas Roncea ha pubblicato un paio di anni fa Eight Part One, un album molto bello che, in teoria doveva…

14 Sep 2016 Reviews

Read more

Colmorto - Volume 1 (Torto, 2020)

Sublime cavalcata strumentale in perfetto equilibrio tra il colto jazz rock e il post rock più strutturato. La neonata Torto…

20 Jul 2020 Reviews

Read more

The Psychic Paramount – II (No Quarter, 2011)

Formati da 2/4 dei Laddio Bolocko, il chitarrista Drew St. Ivany ed il bassista Ben Armstrong, a cui va ad…

27 Mar 2011 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Carla Dal Forno - 25/04/2018 Monk (Roma)

Finalmente recuperate le date di presentazione dell’ep The Garden dopo la cancellazione del tour italiano dello scorso anno. La proposta…

02 May 2018 Live

Read more

The Pattern Theory - S/T (Valeot, 2011)

Chissà se Ulf Grenander, lo statistico svedese che formulò la Teoria dei Modelli (pattern), avrebbe mai pensato di ispirare così…

03 May 2011 Reviews

Read more

Wound – And Nothing Will Be The Same (Spirit Throne,…

Ha un che di funereo, nel suo candore intaccato solo da fiori raffigurati in toni di grigio, questo nastro del…

08 Sep 2015 Reviews

Read more

(r) - Titan Arum ( Cheap Satanism/Delete Recordings, 2021)

Non è semplice calarsi dentro Titan Arum. I primi due minuti e trenta di Botox sono infatti in qualche modo…

28 Dec 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top