Maurizio Bianchi/Cria Cuervos – Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi esordi (avete letto bene: trenta!!!), ecco arrivare alcuni degli ultimi colpi di coda del vecchio leone. Come era lecito aspettarsi la collaborazione con Cria Cuervos, al secolo Eugenio Maggi, lo riporta in ambiti plumbei e sulfurei proprio là dove qualcuno l'aveva lasciato ai tempi di quelle cassette con corpi carbonizzati in copertina et similia. Un lavoro che ha per tema il levitico (il terzo libro della Torah) non poteva non essere intimista e proseguendo con la metafora del leone, direi che le due fiere in questione non si faccian certo problemi ad andare giù di unghiate seguendo le atmosfere grigiastre delle foto di copertina.
Se la suite in apertura si muove fra l'evocativo ed il delirante, con la successiva In The Wilderness i due arrivano al centro e lo fanno con una traccia monumentale e magmatica, possiamo quasi parlare di un ritorno alle origini di Bianchi riveduto e corretto quindi secondo una "nuova estetica" adatta a cari e vecchi abissi: parlerei di nuove tonalità scure in cui un drone densissimo sulle frequenze basse si sviluppa minaccioso fino a diventare un agglomerato di tape/white noise (mi ha ricordato di quando nel primo film sull'Enterprise Kirk e gli altri si avvicinavano alla nube magmatica creata da "Vyger"). Se nel corso della seconda traccia tutto cresce su tempi lunghi e parecchio dilatati è con The Church che invece si parte in picco per poi scalare verso atmosfere più rarefatte e più cosmiche dove i synth analogici ricordano a tutti quanto C-Schulz, l'era kraut e molto materiale kraut-synth sperimentale siano più che mai attuali. L'impressione globale che ne deriva è quella di un disco buio, spinto oltre la twilight-zone, dove le parole perdono di significato ed in cui gli occhi, le orecchie ed il corpo fanno da filtro spazio temporale. Se ai tempi di Stati Di Allucinazione Russell avesse avuto fra le mani questo disco, non ho dubbi che alcuni dei viaggi acidi di William Hurt non avrebbero potuto conoscere una colonna sonora più appropriata.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Giovanni Rossi – Industrial [R]Evolution (Tsunami, 2011)

Va sempre più arricchendosi la bibliografia riguardo alla musica industriale in lingua italiana. Quest'opera di Giovanni Rossi, giornalista di Ritual…

28 Sep 2011 Reviews

Read more

Extra Large Unit - More Fun, Please! (PNL, 2018)

La Large Unit di Paal Nilssen-Love è il suo personale ensamble dedito all’improvvisazione spesso molto radicale, visto i componenti che…

17 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top