Maurizio Bianchi/Cria Cuervos – Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi esordi (avete letto bene: trenta!!!), ecco arrivare alcuni degli ultimi colpi di coda del vecchio leone. Come era lecito aspettarsi la collaborazione con Cria Cuervos, al secolo Eugenio Maggi, lo riporta in ambiti plumbei e sulfurei proprio là dove qualcuno l'aveva lasciato ai tempi di quelle cassette con corpi carbonizzati in copertina et similia. Un lavoro che ha per tema il levitico (il terzo libro della Torah) non poteva non essere intimista e proseguendo con la metafora del leone, direi che le due fiere in questione non si faccian certo problemi ad andare giù di unghiate seguendo le atmosfere grigiastre delle foto di copertina.
Se la suite in apertura si muove fra l'evocativo ed il delirante, con la successiva In The Wilderness i due arrivano al centro e lo fanno con una traccia monumentale e magmatica, possiamo quasi parlare di un ritorno alle origini di Bianchi riveduto e corretto quindi secondo una "nuova estetica" adatta a cari e vecchi abissi: parlerei di nuove tonalità scure in cui un drone densissimo sulle frequenze basse si sviluppa minaccioso fino a diventare un agglomerato di tape/white noise (mi ha ricordato di quando nel primo film sull'Enterprise Kirk e gli altri si avvicinavano alla nube magmatica creata da "Vyger"). Se nel corso della seconda traccia tutto cresce su tempi lunghi e parecchio dilatati è con The Church che invece si parte in picco per poi scalare verso atmosfere più rarefatte e più cosmiche dove i synth analogici ricordano a tutti quanto C-Schulz, l'era kraut e molto materiale kraut-synth sperimentale siano più che mai attuali. L'impressione globale che ne deriva è quella di un disco buio, spinto oltre la twilight-zone, dove le parole perdono di significato ed in cui gli occhi, le orecchie ed il corpo fanno da filtro spazio temporale. Se ai tempi di Stati Di Allucinazione Russell avesse avuto fra le mani questo disco, non ho dubbi che alcuni dei viaggi acidi di William Hurt non avrebbero potuto conoscere una colonna sonora più appropriata.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

Alessandro Fiori - Mi sono perso nel bosco ( 42,…

Perdersi nel bosco può essere una cosa tremenda oppure bellissima. Scatenare il panico oppure aprire porte inaspettate. Alessandro Fiori mi…

12 May 2022 Reviews

Read more

Winfried Ritsch – Woodscratcher (God, 2013)

Bisognerebbe definirla musica concettuale, questa di Winfried Ritsch, se non fosse che il termine "musica" mi pare eccessivo: qualcosa di…

19 Jun 2013 Reviews

Read more

Il compleanno del Megawolf - 16/01/10 Ekidna (Carpi - MO)

Il compleanno di Megawolf, gigantesco cane lupo nonchè guida spirituale dei Colossal Monument e resident beast dell'Ekidna, è uno di…

22 Dec 2009 Live

Read more

Colony Open Air Day 1 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Nello strano panorama musicale italiano il primo Colony Open Air festival si presentava come un evento unico e di importanza…

30 Aug 2017 Live

Read more

La Batterie - He Ate A Lamp Now He's A…

"Una versione spongebob dei Sonic Youth", e stavolta chiunque abbia inventato questa definizione per il terzetto berlinese un po' c'ha…

17 Feb 2008 Reviews

Read more

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more

Joe Lally: Fugazi, Roma, more human than human

Strana congiunzione astrale quella che fa sì che nell'ultimo periodo siano tornati alla ribalta musicisti o gruppi che ruotano attorno…

01 Oct 2011 Interviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

FLTY BRGR GRL - Love You Forever (autoprodotto/Diger Distro, 2021)

Abbiamo una certa età, sappiamo riconoscere i sintomi di un’infatuazione, di un colpo di fulmine, di un innamoramento. Eccoci, in…

01 Feb 2022 Reviews

Read more

Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Padna – Alku Toinen (Aagoo/Rev. Lab, 2015)

Nat Hawks, inglese, insegna alle scuole medie a New York. Chissà, forse il lavoro gli dà poca soddisfazione, fatto sta…

08 Feb 2016 Reviews

Read more

Dunaewsky 69 - Xquisite.Xcerpt. (Kvitnu, 2007)

Che la nuova scena elettronica Ukraina e Russa stia sfoderando un buona serie di musicisti con i controcazzi non è…

29 Aug 2007 Reviews

Read more

AA. VV. – Safe In Their Alabaster Chambers (Under My…

La serie Murmured Poetry è un interessante progetto della Under My Bed che affida a tre gruppi una poesia, chiedendo…

04 Feb 2014 Reviews

Read more

Big Sir - Und Die Scheiße Ändert Sich Immer (GSL,…

Che poi io non mi ero mai imbattuto nella sindrome della pagina bianca come questa volta. Mai un disco aveva…

01 Apr 2007 Reviews

Read more

Papier Tigre - Recreation (Africantape/Murailles Music, 2012)

Un amico entra in casa mentre ascolto Recreation ed esclama:"Ah. Sei nel periodo Shellac?". Ok. Magari non è proprio l'amico,…

03 Apr 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top