Father Murphy – Brigadisco’s Cave #6 (Brigadisco, 2011)

Date le derive che sta prendendo, non da oggi, la società, è plausibile pensare che certi ambiti verranno ad assumere funzioni che prima appartenevano ad altri. Praticamente da sempre la musica, almeno certa musica, porta con sé afflati spirituali, che si incarnano in canzoni di lode in chiave pop di certi artisti più o meno ortodossi, o in psichedeliche cavalcate di qualche musicista neo-pagano o orientaleggiante. In questo ampissimo ambito, i Father Murphy fanno categoria a sé.
I tre veneti spingono il discorso ancora più in là: il tema spirituale è chiaramente presente, ben esplicato dai testi, ma il termine più adatto a descrivere la loro musica è “liturgico”, un termine certamente scomodo in tempi in cui alle religioni si chiede autonomia dagli schemi e dalle gerarchie. Non che i Father Murphy siano chierici di qualche chiesa, ma la loro musica trasmette un senso di stoica disciplina che contrasta coi sincretismi libertari di oggi, proponendo una visione di austerità quasi monastica, per quanto probabilmente eretica (ammetto di aver da sempre trovato i loro testi di difficile interpretazione). Spiritualità e disciplina: riuscite a pensare a qualcosa di più fuori moda? Tutto questo, che nei dischi si intuisce bene, dal vivo vi apparirà lampante, grazie a esibizioni che sono percorsi espiatori, crude rappresentazioni che non cedono mai al compiacimento e che sanno trasfigurare in raccolti eremi anche i luoghi più freddi (non è comunque il caso della Brigadisco Cave, un antica grotta/frantoio dalla particolarissima acustica). Quello che ci si domanda a questo punto è se una simile atmosfera possa essere catturata su disco live. Beh, la risposta è impietosa, oltre che scontata, il che non vuol dire che questo non sia comunque un buon album, che ripropone quasi per intero l’ultimo EP (rimane fuori solo la cover di Leonard Cohen) e quattro pezzi da …And He Told Us To Turn The Sun, fornendo versioni diverse rispetto ai dischi, più scarne e dilatate, ulteriormente valorizzate dal particolare ambiente sonoro in cui sono state ottimamente registrate. Al di là del contenuto è notevole l’oggetto in sé, un vinile in tiratura di 400 copie (di cui 111 in vinile colorato) e bella copertina illustrata da Rocco Lombardi e serigrafata a mano. Buono sia per i fan, sia per chi si avvicina al gruppo per la prima volta.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Temple Of Deimos - Work To Be Done (Go Down,…

Praticamente una cover band dei migliori Queen Of The Stone Age. E potrei anche fermarmi qui. La band genovese dei…

05 Mar 2015 Reviews

Read more

JesterN/Paolo Pascolo - H Bar (Dobialabel, 2012)

Il fisico Alberto Novello (JesterN) concepisce questo disco dal titolo pari alla costante di Planck: il tema del paradosso è…

02 May 2013 Reviews

Read more

oRSo - Ask Your Neighbor (Contraphonic, 2008)

"Molta della musica che ascolto oggi mi delude in maniera sorprendente perché è così dannatamente noiosa. Manca completamente di... bè,…

17 Sep 2008 Reviews

Read more

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Spock’s Beard - Octane (SPV/InsideOut, 2005)

Per carità, non vi inganni la pompa di benzina! Non siamo dinnanzi agli ennesimi imitatori dei Kyuss né tanto meno…

15 Sep 2006 Reviews

Read more

A Windy Season - Tidal (Amirani, 2012)

Se credessi nel senso e nell'utilità di fare una playlist di fine anno Tidal sarebbe senza dubbio nella top ten…

27 Dec 2012 Reviews

Read more

Submental Orchestra- Castello Di Sangue (Casetta, 2019)

Servono un po’ di ascolti e una certa attenzione per venire a capo di Castello Di Sangue, seconda opera in…

20 Aug 2019 Reviews

Read more

Mongoholi Nasi - Contusioni (Niente, 2011)

Non poteva mancare un nuovo episodio della saga sonora di Mongoholi Nasi sulla genovese Niente, infatti nel passato il signor…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

The Land Of The Snow - Paths Of Chaos (Taxi…

Proseguendo nel filone one-man-project, la genovese Taxi Driver, dopo Petrolio, propone questa invernale scalata in vetta carica di riverberi doom…

07 Jul 2017 Reviews

Read more

Squadra Omega – S/T (Holidays/Boring Machines, 2010)

La Squadra Omega va certamente annoverata fra quei gruppi le cui produzioni discografiche, seppur buone, pagano inevitabilmente dazio alle ottime…

20 Jan 2011 Reviews

Read more

Squarcicatrici - s/t (Wallace-Burp-etc, 2009)

Ecco il ritorno di Jacopo Andreini, non che se ne fosse mai andato in verità, infatti ha sempre continuato a…

03 Nov 2009 Reviews

Read more

Rollerball - 4 Corners (Wallace, 2014)

Caso strano i Rollerball: seppure in giro da molti anni, con una discografia importante a cui è difficile stare…

12 Mar 2014 Reviews

Read more

Helios - Eingya (Type, 2006)

Paesaggi dipinti da un piano, pizzicati dolcemente da una chitarra e che descrivono i cicli delle stagioni e degli stati…

21 Nov 2006 Reviews

Read more

Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle…

01 Feb 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Like A Tree Growing Out Of…

Per quel che mi concerne associavo Simon Balestrazzi alla produzione dell'ultimo Bron Y Aur e del disco d'esordio dei Plasma…

26 Mar 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top