Dufus – 4/12/09 Morya (Cellatica – BS)

La primavera scorsa mi ero perso la loro esibizione bresciana, guadagnandomi il biasimo di tutti i presenti di mia conoscenza e dovendo sorbirmi tutti i mirabolanti racconti di quel concerto. Questa volta, a scanso di equivoci, la data del gruppo newyorkese al Morya era segnata da diversi mesi sul mio calendario e il giorno stabilito mi presento perfettamente puntuale, anzi, un po' in anticipo, nel caso ci sia un gruppo d'apertura. Il gruppo c'è, un duo composto dal batterista dei Dufus e da un altro tipo; peccato che quest'ultimo, reduce da una memorabile sbronza la sera prima, non sia in condizioni di suonare; spazio dunque alla band principale. Delicati suoni di elettronica analogica affidati al sosia sdentato di Al Jankovic, batteria accarezzata e chitarra acustica ci intrattengono mentre la corista, piuttosto udusmoryaudusmoryaudusmoryacarina, si cambia e fa stretching sul palco. A vederli, i Dufus  parrebbero la peggior accozzaglia hippie-nerd sulla piazza e probabilmente lo sono pure, così come ad ascoltare le prime battute si hai il sospetto di trovarsi davanti l'ennesimo gruppo weird folk che gioca a fare l'ironico, sperando di nascondere la propria inettitudine. Invece dal marasma emergono ben presto e con un a frequenza che non può essere casuale, perle di assoluto valore, dove la voce versatile di Seth Faergolzia incanta la sala, accompagnato da un'acustica spesso più punk che folk (si tratta pur sempre di un gruppo della R.O.I.R.) e dalla succinta batteria; l'elettronica agisce fra le linee con un buon gusto inatteso da un uomo che aveva chiesto di cenare a lasagne e caffè, mentre la tipa, effettuati i cori al minimo sindacale, continua, con invidiabile elasticità, gli esercizi ginnici. Il concerto intanto prosegue fra esempi di basso cabaret e alta scuola folk; assistiamo così a una battaglia di trombette fra il cantante e "Mr. Lasagne & caffè", a una splendida esecuzione di Metal Horse,  alla corista che imperversa col lo stretching, a uno sgangherato rap a cappella, a una Anouk, dal nuovo album, che commuove. A dirla tutta, poiché sono un nazista e un metallaro, avrei tagliato qualcuno dei momenti più sopra le righe, ma è chiaro che il fascino di un concerto del genere sta, almeno in parte, nella dinamica che una tale varietà garantisce e un'amputazione potrebbe essere letale. D'altra parte, cosa sarebbe stato Pablo Picasso senza la sua stronzaggine e Mohamed Alì senza la sua sbruffoneria? Meglio non rischiare e tenersi tutto il pacchetto.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Weasel Walter - Skhiizm (Ugexplode, 2018)

Avvicinarmi a una nuova uscita solista di Weasel Walter mi riporta sempre alla personale atavica esperienza che fu l’ascolto di…

29 May 2018 Reviews

Read more

Kamikaze Queens - Automatic Life (Sounds Of Subterrania, 2011)

Quintetto berlinese di un certo spessore che ama modestamente auto-definirsi Berlin Punk Cabaret. Cortese sintesi per esprimere che contengono qualsiasi…

15 Feb 2012 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

September Malevolence - After This Darkness, There's A Next (Tenderversion,…

Se subito dopo avere letto il nome di questo gruppo veniste a sapere che sono pure svedesi, pensereste subito ad…

26 Apr 2008 Reviews

Read more

Xibalba - Hasta La Muerte (Southern Lord, 2012)

Un disco onesto e sincero, ma che sta perdendo un po' di smalto ogni volta che lo ascolto. Questo Hasta…

01 Feb 2013 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Manca Solo La Neve (Autoprodotto,…

Mi sa che c’ho una buona stella lassù che fa sì mi arrivino per posta dei demo che non mi…

20 Nov 2006 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

Eniac - The Wagon (Chew-Z, 2007)

Battistetti è il copilota alla net label Chew-Z insieme a Daniele Pagliero ma allo stesso tempo è quell’Eniac che molti…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - I’m Fine With The…

La collaborazione tra il chitarrista avant svedese Finn Loxbo, attivo in formazioni di spessore come la Fire Orchestra e l’ottimo…

26 Sep 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Narcisisti & Ossessivi (Materiali Resistenti/Basement/Zero Plastica, 2009)

L'associazione culturale genovese TribUrbana presenta con questo disco gli artisti più importanti della liguria in ambito black music. Si…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more

Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette…

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come…

25 Aug 2020 Reviews

Read more

Great Lake Swimmers - Ongiara (Nettwerk, 2007)

Sempre in sordina, e non poteva essere altrimenti, i "nuotatori del grande lago" mi sono sempre piaciuti, sarà per il…

20 Jul 2007 Reviews

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top