Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock calligrafico che si rifaceva ai maestri del genere, senza lasciar traccia. Quelli che ritroviamo oggi, non so bene in funzione di quale incredibile metamorfosi, sono decisamente un altro gruppo, dedito a un suono sporco e che nulla ha a che spartire con l'esperienza del passato, se non la presenza di Jim Roth (chitarrista dei citati Built To Spill) dietro al mixer dello studio di registrazione.
Quanto le cose siano cambiate lo scopriamo per gradi, ma il mutamento di rotta è evidente fin dall'iniziale Trux Reverber, lente cadenze per sola chitarra distorta, un suono che pare sbriciolarsi e una forma alla vana ricerca della stabilità. Gliela danno gli altri strumenti, che entrano in The Cabin: fra veemenze strumentali e sezioni ritmiche denudate salta fuori un hard blues come avrebbe potuto suonarlo Hendrix se fosse stato scritturato dalla Trance Syndicate. Manca ancora un elemento al completamento del quadro e tutto si compie in Star Drone con l'ingresso della voce, l'unica volta in cui timbra il cartellino. Non che sia ben accolta: gli strumenti vanno per la loro strada, squadrando il suono in blocchi, lei si ritaglia spazio come meglio può, tratteggiando una melodia sofferta che stabilisce un punto d'equilibrio fra indie rock e noise; una piccola perla che concede poco alla facilità d'ascolto ma dà molto in termini di espressività. Il pezzo successivo riprende il discorso di The Cabin, chiudendo il cerchio e dandogli quadratura. I due pezzi finali, un breve brano che rimanda al passato del gruppo, non brutto ma fuori contesto e un lunghissimo brano di rock minimalista piuttosto accessorio, non cambiano la sostanza di un disco che più che un ritorno segna una rinascita, sorprendente e graditissima.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Skullflower - Werecat Powers Of The Crossroads At Midnight (Nashazphone,…

Torna con un nuovo disco Mattew Bower e ci da conferma che è sempre lui, infatti anche in questa millesima…

16 Mar 2018 Reviews

Read more

Orko Trio – S/T (Dobialabel, 2011)

Disco dalle complesse architetture progressive rock questo esordio dell'Orko Trio, composto da Michele Cuzziol, Enrico Giletti e Giorgio Pacorig, gode…

22 Feb 2012 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Putiferio: no fun no core no mosh no trend!

In un mondo ideale non dovrebbe essere necessario spiegare chi sono i Putiferio. In un mondo ideale chi scrive, inoltre,…

05 Jul 2010 Interviews

Read more

Hyperwulff - Volume 1: Erion Speaks (Martire / Death Crush…

Implacabile bordata post-hardcore per l'iperlupo che, a dispetto dell' impatto frontale, rivela non poche gemme "insospettabili" all' interno dei propri…

27 Jul 2015 Reviews

Read more

Crayon Mortel - Piel (51Beats, 2015)

L'etichetta nostrana 51Beats ci ha abituato ormai alle scoperte dal sottobosco italiano e pubblica un altro esordio di musica elettronica…

10 Apr 2015 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Cup - Hiccup (Aagoo, 2017)

A fine anno Aagoo decide di concludere le uscite con qualcosa di classico ma fresco: Cup è il nome dietro…

16 Feb 2018 Reviews

Read more

Maninkari - Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Art Of Flying - Though The Light Seem Small (Discobolus,…

A noi di sodapop i fricchettoni piacciono, non quelli finti e poseur naturalmente, ma la coppia formata da David Costanza…

29 May 2010 Reviews

Read more

Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore…

28 Apr 2017 Reviews

Read more

Kinetix - Final Archives (Silentes, 2010)

Pare che questo disco sarà l'ultimo a nome Kinetix per Gianluca Becuzzi: Final Archives è composto da tre mini album…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Ryan Powers Boyle - S/T (Far And Away, 2010)

Indeciso se suonare in una band o fare tutto da solo, questo cantautore, originario di St. Petersburg Florida, alla fine…

05 Sep 2010 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Andrew Bird - 18/05/09 Musicdrome (Milano)

Un'ora e dieci per arrivare in città e tre quarti d'ora per trovare il posto, locale ex Transilvania (fortunatamente rinnovato…

03 Jun 2009 Live

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top