This Will Destroy You – Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die…but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le carte di questo disco in tavola. Non sarà mica bastato così poco per scoraggiarvi? Spero proprio di no, anche perchè pur non inventandosi nulla questi texani hanno messo assieme un disco molto raffinato e davvero piacevole. Questo lavoro uscito per la francese Monotreme infatti snocciola tutte le migliori qualità del genere, dagli interludi e dagli arrangiamenti adeguati a spruzzate di elettronica alle melodie a presa rapida. Tranquilli, non si tratta esattamente di musica stile Mogwai, anzi si sente parecchio che i This Will Destroy You sono americani e fra delay, distorsioni tappeti e campioni le canzoni nascono crescono e muoiono in molto molto gradevole, anche grazie al fatto che gli americani a livello tecnico sanno il fatto loro. Alcune strutture, pur attingendo da strutture molto standard per il genere vengono sviluppate con un certo gusto tanto che mentre lo ascoltavo mi è venuto da pensare che ogni tanto sia quasi un piacere occuparsi di un disco su queste coordinate. Otto tracce strumentali per un disco che dura un'ora circa e pur costruendo la propria fortuna sui piccoli particolari non risulta per nulla "anonimo". Un lavoro che ha una sua piacevolezza e che dimostra quanto pur non addentrandosi in campi assolutamente vergini si può ancora dire qualcosa semplicemente concentrandosi nell'impacchettare una serie di tracce con una certa dignità di essere e dalle quali traspaia un gusto divertito nello scrivere canzoni melodiche dalle atmosfere molto evocative. Semplice, a tratti anche prevedibile, ma molto raffinato.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Julia Kent - Asperities (Leaf, 2015)

Julia Kent arriva al quarto disco solista e riesce a sorprendermi con Asperities, che per me è la sua uscita…

05 Jan 2016 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Quitratue (Autoprodotto, 2014)

Marta De Pascalis l’abbiamo conosciuta grazie alla compilation Burnt Circuits Kept Under My Bed, dove si segnalava con uno dei…

20 Feb 2015 Reviews

Read more

Modotti - Come Ti Senti (Upupa/Fooltribe, 2016)

I Modotti sono un trio bolognese. Si chiamano così in onore di quella gran donna che è stata Tina Modotti.…

24 Feb 2016 Reviews

Read more

Teletextile - Glass (Lili Is Pi, 2011)

Uh. Indie pop un pò elettronico con una gran bella voce femminile oltre a Psapp? Benvenga, porca la miseria! Come…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

Boombox Borealis - Quiet (Kosmik Elk Mind, 2008)

È proprio vero che il bel gioco dura poco, infatti questa cassetta fa parte della serie di uscite della Kosmik…

28 Nov 2008 Reviews

Read more

Zippo - Maktub (Subsound, 2011)

Ennesimo misero tentativo di scimmiottare i Mastodon (ultimi) e tutta una certa tendenza stonerevolutiva che nei sopraccitati, insieme a…

06 Oct 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Quintale (WoodWorm/La Tempesta, 2013)

Continua il gioco di parole nei titoli dei dischi dei Bachi Da Pietra, che al quinto appuntamento si presentano con…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Taras Bul'ba - Secret Chimiques (Wallace,2008)

A volte ci sono dei libretti così strani che a fatica riesci a capire dove infilare il cd, un pò…

17 Apr 2009 Reviews

Read more

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more

Lee Gamble - KOCH (PAN, 2014)

Ritorno al futuro. Sarà ormai più di un mese che ascolto questo disco (alternandolo con altro, naturalmente), perchè con le…

16 Oct 2014 Reviews

Read more

Sergio Sorrentino – Dream: American Music For Electric Guitar (Mode,…

Sergio Sorrentino, la sua chitarra elettrica, un pugno di autori fondamentali per la musica americana meno ortodossa: sono questi gli…

22 May 2018 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Oggetti Smarriti (Setola Di Maiale, 2011)

Un solo pezzo, di 28 minuti e 20 secondi, ma che scorre veloce, dinamico, ricco e vario, anche se scritto…

18 Jun 2013 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top