D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest’ultimo oltre ad aver fatto uscire già un bel po’ di materiale a nome suo ha collaborato e/o fatto comparsate con Novy Svet, Circus Joy, Macelleria Mobile Di Mezzanotte, Lendormin, Claudedi degli Ain Soph, e Kenji Siratori fra i più conosciuti.
Se già conoscete i suoi lavori in solo sapete che bene o male si può parlare di Residents andati a male nel giro post-industriale a botte di Throbbing Gristle, kraut e acidume vario, in quest’occasione invece, per la collaborazione con Xxena, il Nostro mette un po’ da parte la tromba (o almeno il suono più riconoscibile dello strumento) per lavorare sull’effettistica. Dimostrando che i titoli dei dischi non vengono sempre dati a caso, le sonorità del cd sono parecchio sci-fi (che sta per “science fiction” per l’appunto), molto più del solito, tanto che ci sono voluti ben sette minuti della seconda traccia perché riconoscessi qualcosa più caratteristico di Rivabella. Nessuno stravolgimento radicale, anzi pur trattandosi di una collaborazione alcune di queste influenze si possono sentire molto attenuate in altri dischi di D.B.P.I.T., ma trattandosi di una collaborazione giustamente è questione di trovare un terreno comune che in questo caso è una deriva spaziale di fruscii, suoni di synth, tappeti di delay, alcuni echi di voci e di tromba che comunque non riescono mai a venire a galla dal pantano che li sommerge in uno svilupparsi affannoso di tracce. Per certi versi sembra di sentire dei vecchissimi lavori dei Current 93 o qualcosa dei Nurse With Wound anche se non così kraut e nemmeno così “denso” come gli ultimi lavori degli inglesi. Se per le prime tre tracce si va di scarsa melodia e di suoni sci-fi a fiotti, nella quarta (quella che preferisco) emerge persino una melodia minimale che si muove su di un loop, quest’ultimo poi si colora di suonini che lo legano non facendo uscire fuori tema il lavoro e così la traccia finisce per essere quella con il più alto effetto ipnotico. Collaborazione a tutto tondo quindi, pur non trovandosi in un’altra galassia rispetto ad altri lavori di D.B.P.I.T. si discosta un po’ dai suoi dischi in solo.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chinese Restaurant/Macho Corporation - Split (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

Mettiamo tutte le carte sul tavolo dicendo che Spina Bifida è la neonata etichetta dei due Iron Molar e in…

27 Jul 2010 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Water (Minus Habens, 2012)

Il percorso creativo di Ivan Iusco, patron della Minus Habens da oltre venticinque anni, continua a stupirci. Se ci aveva…

31 Oct 2012 Reviews

Read more

Deison & Uggeri - In The Other House (Final Muzik/Old…

Cristiano Deison e Matteo Uggeri sono due musicisti che spesso collaborano con altri e questo a mia memoria è il…

03 Aug 2015 Reviews

Read more

Diane And The Shell – Barabolero (Doremillaro (sb)Recs, 2011)

Ultimamente fatico parecchio a scrivere recensioni, ma non segnalare questo Barabolero, seconda fatica dei catanesi Diane And The Shell sarebbe…

14 Sep 2011 Reviews

Read more

Urbanightmare - Nightride Of An Italian Saxophone Player (Revenge/Fonoarte, 2015)

Ennesimo progetto per il decano Bruno Romani (Detonazione, No Guru) sempre alle prese con il suo strumento principe (accompagnato qui…

23 Nov 2016 Reviews

Read more

Holy Palms – Jungle Judge (Arte Tetra, 2016)

Che Pavel Eremeev sia un matto tamarro o un geniale alchimista è difficile da stabilire e certo non basteranno le…

08 Feb 2017 Reviews

Read more

Massimo Volume o Massimo D'Alema?

Amico cittadino... amico bibbitaro... sai, pensavo che DJ Gruff ha indisputabilmente ragione nel dire che: "un sucker (sacher) resta sempre…

24 Jan 2011 Articles

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top