Dalila Kayros – Transmutations part [I] – The Yin Side (Autoprodotto, 2018)

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di uscita di Nuhk, album imprescindibile che al tempo recensimmo più che positivamente. Non è stato tuttavia un tempo inoperoso poiché l’artista ha allargato i propri orizzonti attraverso collaborazioni con Luca Pissavini e Yūgen e prestando la voce ai progster inglesi Combat Astronomy e agli estremisti metallici Syk; forse proprio per questo la distanza fra l‘esordio e Transmutations sembra così evidente, con l’effetto – solo apparentemente paradossale – di far apparire attuali e presenti entrambi i dischi. Dal fondale significativo che Nuhk fornisce Transmutations si staglia e si qualifica inizialmente per opposizione: vi troviamo toni maggiormente misurati in luogo di quelli spesso violenti dell’esordio, la forma è più codificata rispetto all’anarchica spigolosità passata e il sardo e le lingue d’invenzione lasciano il posto a un più internazionale e digeribile inglese.  Se di primo acchito può apparire una svolta decisamente pop, con la voce che si appoggia su tessuti minimali di synth e battiti pulsanti, un po’ trip-hop e un po’ elettro-dark anni ’90, approfondendo gli ascolti scoprirete invece un disco tutt’altro che facile, poco propenso ad essere fruito per episodi singoli (per quanto alcuni spicchino, ad esempio la bellissima Mothland) e che, lungi dall’essere il gemello buono di Nuhk, ci mostra una visione nient’affatto pacificata (lo yin in effetti corrisponde al nero del Taijitu). Sarebbero bastati pochi accorgimenti – una maggior differenziazione fra i brani, qualche ritmo più ballabile – per trasformare l’album in una raccolta di pezzi fruibilissimi e appetibili per amanti del suono Trisol e affini, ma con tutta evidenza l’intento della Kayros è un altro, quello di segnare una tappa importante in un percorso di crescita non solo artistica (prestate attenzione agli ottimi testi, animati da un flusso di coscienza perfettamente in linea con le scelte  musicali). In Transmutations ci viene mostrato un lato della personalità dell’artista in cui la meditatività prevale sull’istinto e la forma misurata sull’espressionismo ma dove rimane immutata la forza con cui lo scambio continuo fra mondo interiore ed esterno viene messo in scena. Più che uno yin che equilibra e compensa uno yang Transmutations sembra un polo d’energia pulsante e instabile, pronto a generare nuove forme alla ricerca di un equilibrio. Staremo a vedere cosa riserva il futuro, ma per ora volentieri ci godiamo questo lavoro.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luca Sciarratta + Tiziano Milani - Spatial Impulse Response Rendering…

Gran bella collaborazione questa in cui sono coinvolti il boss della rudimentale con Milani, di cui abbiamo recensito l’ultimo lavoro…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Orchestra Esteh – Abacinabradhydrakonirvm, Rebirth Of A Dead Volcano (L'Arca…

Inquieta un po’ ascoltare questa musica, con questo sottotitolo (col chilometrico titolo nemmeno mi cimento), dopo aver letto solo qualche…

13 Jan 2017 Reviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon/Lenoci - The Spell And The City (Setola Di Maiale,…

Credo che si tratti del più ostico dei tre cd che ho ascoltato e che coinvolgevano alle percussioni Marcello Magliocchi,…

07 Nov 2010 Reviews

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l'attuale Supernatural Cat e i palchi calcati…

28 Oct 2013 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Cria Cuervos - Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi…

23 Dec 2009 Reviews

Read more

AA.VV. – The Show Must Go Home, Season 2 (GRCC/Ozky/Spettro/Gatto…

Arriva anche quest'anno la compilation rappresentativa della rassegna di concerti gastro-musicali organizzati in quel di Roma da D.B.P.I.T. e Xeena.…

18 Jul 2012 Reviews

Read more

Chinese Restaurant/Macho Corporation - Split (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

Mettiamo tutte le carte sul tavolo dicendo che Spina Bifida è la neonata etichetta dei due Iron Molar e in…

27 Jul 2010 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Daniele Santagiuliana – Doppelganger (Looney-Tick, 2015)

Sono diverse le cose che Daniele Santagiuliana produce sotto mentite spoglie e tutte meritevoli: The Anguish, Anatomy (con Cristiano Deison),…

31 Dec 2015 Reviews

Read more

Father Murphy + Lady Vallens – 25/01/2014 Arci Zerbini (Parma)

Il lungo tour che porterà i Father Murphy in giro per l’Italia e l’Europa a presentare il recente Pain Is…

31 Jan 2014 Live

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Uochi Toki - Libro Audio (La Tempesta, 2009)

Dopo una serie di lavori su Burp Publications e Wallace Records, Libro Audio, quinto disco di Uochi Toki, inaugura la…

28 Jan 2009 Reviews

Read more

Roberto Fega – Daily Visions (Creative Sources, 2012)

Ottimo manipolatore di suoni, Roberto Fega intaglia il suono con sapienza artigianale attingendo dalle fonti più disparate, da una parte…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

Mr. Milk – S/T (Casa Molloy, 2011)

Se qualcuno come me anni fa si era ritrovato il cuore stracciato dall'album di quello svedese di Josè Gonzales (come…

13 Mar 2011 Reviews

Read more

Tongs - Jazz With The Megaphone? (Long Song, 2009)

Disco che suona parecchio intrigante alle mie orecchie questo Jazz With The Megaphone?, frutto della collaborazione tra Luca Serrapiglio, Antonio…

02 Feb 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top