Confuse The Cat – Keryky (Zeal, 2008)

Una volta in Belgio c’erano i Kosier D e poi furono i Reiziger, erano entrambi ottimi gruppi, i primi avevano fatto un disco che si trovava con piedi, corpo, "anema e core" a Washington dc nel catalogo Dischord di medio periodo, mentre i secondi pur non brillando per originalità fecero una manciata di piccole perle pop situate fra Van Pelt e Karate "dei bei tempi" e per quel che ricordo erano entrambi ottimi gruppi live. Bene, Geert che faceva parte di entrambe le line-up, pur non facendo da "front man" nel senso deleterio del termine, resta una delle colonne dei Confuse The Cat: ora, se vi piaceva il suo stile di scrittura è possibile che non ne rimaniate troppo delusi pur non trattandosi di una copia carbone delle sue esperienze precedenti, semmai parlerei di una loro "naturale" evoluzione. I Confuse The Cat infatti, pur mantenendo una fortissima componente indie, non fanno nessun mistero di essere un gruppo decisamente pop. Pop-rock anni '80? Sì, anche se immagino che qualcuno avrà a che ridire, ma alla fine molta della roba che sta uscendo adesso che cos’è se non pop anni '80 prodotto meglio e con qualche minima variazione nel suono? Post-punk melodico, che fra le influenze snocciola Gang of Four, Les Savy Fav, New Order, Wipers, Clash, PIL ed altro, ma ad onor del vero tutto virato in un’ottica più smaccatamente poppettosa. Un disco ben fatto, "chart climber" come direbbe vostro cugino, quello che ha studiato in amerikkka… hanno anche i loro bei ganci, anche se forse manca il singolone per fargli fare il salto definitivo, ma ci vanno molto vicini. Il disco si fregia di una produzione di quelle dove tutto è patinato quel tanto che basta per non avere nulla da ridire, anzi taglio radiofonico a manetta, quindi se invece di "Imene Grandi" e di Muccino in Italia avessimo Norah Jones e Jim Jarmush, probabilmente a Radio Deejay, in qualche programma nella fascia oraria decente ascoltereste loro e non LigaJovaPelù. Come sempre un po’ derivativo ma fatto e confezionato con i cosidetti "contro cazzi", tanto che pur non essendo certo io un potenziale acquirente di roba del genere non l’ho trovato per nulla sgradevole, a tratti è divertente e piacevole pur non avendo quel guizzo in più da far gridare al miracolo. La cosa che trovo interessante è come molto pop odierno in realtà sia pop anni '80: al di là delle disquisizioni sul fatto che per un ragazzino ovviamente la roba anni '70 o '80 abbia un suono per forza di cose inedito e al di là del fatto che per un "non più ragazzino" la stessa roba abbia un plusvalore nostalgico, c’è da chiedersi come mai succeda tutto contemporaneamente: sarà un caso che tutti si mettano ad ascoltare gruppi anni '60, '70, '80 contemporaneamente?. Ad ogni modo al di là di queste cazzate: disco piacevole, un po’ da ragazzetti indie, ma piacevole.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dona Ferentes & Rag Mother - S/T (Nighthawks Tapes, 2008)

Primo split per la Nighthawks Tapes in cui apre le danze (si fa per dire) Dona Ferentes & Rag Mother che…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Luca Sigurtà + Gino Delia – 13/05/12 Il Revisionario (Brescia)

È in qualche modo confortante vedere che esiste una sorta di ricambio anche nella vita culturale di una città. Per…

25 May 2012 Live

Read more

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Hunx And His Punx - Street Punk (Hardly Art,…

"Ganzissimo" ritorno per Hunx And His Punx, power trio format da Seth Bogart e da due fide compagne di band…

23 Sep 2013 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Harshcore - Ponytail, Ponytales (Lisca, 2010)

Ritornano gli Harshcore di Tommaso Clerico e Luca Sigurtà e tengono fede alla loro auto-proclamazione di "weird noise band". Anche…

17 Jan 2011 Reviews

Read more

Flying Disk - Circling Further Down (Taxi Driver/Rude/Tadca, 2015)

Dinamico e giovane trio follemente innamorato di Jesus Lizard e primi Therapy?: e questa come presentazione del lavoro già potrebbe…

28 Mar 2015 Reviews

Read more

Wora Wora Washington - Radical Bending (Shyrec, 2012)

E' dal 2008 che questi tre fanno roba che non riesce a farti stare fermo neanche se vuoi. Definito Power-electro…

28 May 2012 Reviews

Read more

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more

Belfi/Grubbs/Pilia – 13/11/10 Interzona (Verona)

Dopo aver apprezzato l'ottimo lavoro in studio del terzetto italo-americano ci si presenta la possibilità di verificarne le qualità in…

02 Oct 2010 Live

Read more

Pivot Quartet – Emissions (Chmafu Nocords, 2012)

Regala sempre belle sorprese l'etichetta austriaca Chmafu Nocords, senza mai fissarsi su un genere o una formula predefinita ma sempre…

24 Jul 2012 Reviews

Read more

Ronin + Steffen Basho-Junghans - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

A volte nella vita si commettono errori di ripetizione. Se per andare da A a B si passa per…

26 Sep 2006 Live

Read more

Istituzioni Ambiente Naturalismo - Luminamenti (Monstres Par Exces, 2008)

CD-r ma in copertina extralusso digipack, nel cui interno fa bella mostra una foto di un gatto spappolato sulla strada:…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

The Hutchinson - Clan (Wallace, 2009)

Seconda prova altamente infiammabile per la macchina da guerra trentina degli Hutchinson. Groove mostruosi che fagocitano in un unico…

16 Apr 2010 Reviews

Read more

Polvere - The Polvere’s Farewell (Old Bicycle/Fabrizio Testa, 2013)

È davvero cosa inattesa e gradita ritrovare il duo composta da Xabier Iriondo e Mattia Coletti dopo anni dallo loro…

10 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top