Chris Brokaw – Gambler’s Ecstasy (Damnably, 2012)

Come accennato qualche recensione fa a proposito di Geoff Farina e altre vecchie glorie, la Damnably, in Europa, sta diventando una sorta di parco naturale, una riserva protetta dove nomi più o meno grossi e pionieri del passato del rock indipendente americano (inteso più come genere che come collocazione geografica) a cavallo tra il vecchio e il nuovo secolo, possano oggi trovare la giusta tranquillità per continuare a fare quello che loro riesce meglio, senza cadenze temporali precise e senza nessuna pretesa di reinventare qualcosa, rispetto magari ad altri progetti di più ampio richiamo a cui comunque gli stessi partecipano o continuano a partecipare.
Questa premessa, mi rendo conto, possiede un brutto sentore di stantio, manco parlassimo di dinosauri imbalsamati, quindi cerchiamo o proviamo ad aggiustare il tiro con Chris Brokaw, personaggio sicuramente poco appariscente, tanto che ricordo lo stupore quando realizzai in quanti e quali album che ho avuto per le mani ha suonato e/o collaborato. Già batterista dei Codeine e chitarrista dei Come (tanto per sparare subito i nomi più grossi e di culto, conosciuti ai più), lo vidi da solista in un paio di occasioni: una ad aprire i Two Dollar Guitar, l’altra ad aprire ai New Year (con cui attualmente suona la batteria). In entrambi i casi la performance è stata talmente sottotono da lasciare davvero poco margine per non perdersi in sbadigli in attesa del gruppo principale. Nonostante questo, e forse anche perchè in qualche modo apprezzo/avo il genere (categoria “dischi minori”: immaginarie outtakes dei primi R.E.M., come ricorda la press sheet), non potevo certo dirmi deluso dall’ultimo disco a suo nome, quell’Incredible Love, centrato sul placide melodie folk e risalente a ben 7 anni fa. Il seguito che abbiamo per le mani colpisce subito per melodie decisamente più elettriche e rock in queste dieci tracce, registrate tra il 2008 e il 2012 tra Chicago e Seattle: buona la prima con l’orecchiabilità dell’intro Criminals, ruggente nelle sue lente distorsioni chitarristiche e precedentemente inserita in una versione acustica nella release ad edizione limitata dal titolo The Boarder’s Door. Compagni di viaggio sono Doug McCombs al basso e John Herndon alla batteria (entrambi già nei Tortoise), per quello che a tutto tondo si può definire come un classico disco indie rock melodico di prima generazione e buona fattura, non così dissimile nel complesso dall’ultima uscita solista di Thurston Moore, ma con qualche sbadiglio di meno e qualche altro pezzo riuscito in più. Appetites è la traccia meno facile del disco, la più vicina ai Sonic Youth, dove un refrain ipnotico di quasi dieci minuti viene condotto dalla voce di Brokaw che ha dalla sua il fascino di non saper cantare. In Exemption riemergono le chitarre simmetriche dei fratelli Kadane in un piccolo gioiellino nato originariamente come brano strumentale. Il disco scorre che è un piacere tra canzoni fatte interamente da due accordi (Calfornia), sussulti rock scritti con la febbre (How To Listen) e onde chitarristiche in cui perdersi (Richard And Vanessa In The Box). Possiamo anche liquidare le uscite da solista di Brokaw come trascurabili o dispensabili (perlomeno rispetto a gruppi più di fama che fanno o facevano cose simili con maggior visibilità). La montagna ha partorito non uno ma tre topolini (contando Red Cities del 2001)? Sarebbe ingiusto e ingrato affermarlo. E comunque, se così fosse, ques’ultimo Gambler’s Ecstasy è indubbiamente una bella pantegana.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions…

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete…

04 Aug 2015 Reviews

Read more

Mulu – Garagebleu (Wallace, 2008)

Pop su Wallace? Non proprio, ma quasi... so che non ve lo sareste mai aspettato, ma sarebbe stupido non aspettarsi…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

AA. VV. - Alessandria Post Industrial Area (Inverno/Creative Fields, 2017)

Torniamo in contatto con la Inverno records di Guido Bisagni aka Larva 108 con questa raccolta di musica ambient/industrial tutta…

23 Feb 2018 Reviews

Read more

Mauro Basilio / Fabrizio Bozzi Fenu / Paolo Sanna -…

Un trio davvero notevole per questa uscita di Setola Di Maiale: al violoncello c'è Mauro Basilio, a chitarra ed elettroniche…

02 Nov 2016 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

Sergio Sorrentino – Dream: American Music For Electric Guitar (Mode,…

Sergio Sorrentino, la sua chitarra elettrica, un pugno di autori fondamentali per la musica americana meno ortodossa: sono questi gli…

22 May 2018 Reviews

Read more

NG + Camerata Mediolanense + Khem + (r) – 21/06/2014…

Si festeggia il solstizio d’estate nei sotterranei del Ligera, un evento per  pochi intimi caratterizzato da un’atmosfera rilassata e familiare.…

11 Jul 2014 Live

Read more

Bad Pritt – EP1 (Shyrec/Ricco, 2021)

Ascoltare ad alto volume. Per quanto possa sembrare strano riferito ad un EP che ha nel piano lo strumento principale…

29 Dec 2021 Reviews

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Bhopal - Where Morality Fails (Demo, 2006)

Esaltante tecno crust di matrice Tragedy per questo quintetto alessandrino. Drammatici passaggi velati di malinconia che rendono i tre pezzi…

21 Sep 2006 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Flyng Stag (Wallace/Bandageman/Bosco/Solchi Sperimentali, 2019)

Non c’è traccia di nostalgia nel ritorno metallaro di Daniele Brusaschetto. D’altra parte, perché averne? Lui il genere l’ha sempre…

05 Nov 2019 Reviews

Read more

Construct Of Lethe - Exiler (Everlasting Spew, 2018)

i Construct Of Lethe sono una bollente ed inesorabile colata di death metal senza compromessi. Suoni cupi, ribassati, abbondanza di…

03 Jun 2018 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Le Mal d’Archive - La Chanson De Mai (Autoprodotto, 2009)

Gruppo napoletano di nascita ma francese d’adozione, non credo solo nella scelta del nome e nella suggestione della lingua utilizzata…

15 Sep 2009 Reviews

Read more

...un quadro di Giacomo Spazio

...il titolo di quest'intervista si riferisce a inventario dei La Crus e la menzione non è per nulla casuale: Giacomo…

08 Oct 2010 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top