Big’n – Discipline Through Sound 25 (Computer Students, 2022)

Ok, ok, ok. 1996.
Chicago, ILINOIS, Big’n, Discipline Through Sound.
1997-2001, inizia la mia vita oltregottardo, Sarnen prima e Lucerna poi. A Lucerna ci sono un paio di negozi di dischi, in un di questi ci lavora Reto Burrell, musicista folk che riscoprirò anni dopo. In quel periodo acquisto diversi dischi, in qualche modo minori, che mi rimarranno nel cuore.
Steal the Jet Keys dei The Trans Megetti, Black Black dei Chokebore, TSS dei The Secret Stars, Influx degli Spanakorzo.
E questo. Penso seriamente che quest’ultimo disco non sia uscito in nessun mio discorso musicale da allora ne con i miei fratelli ne con i miei amici. Ritrovarlo 26 anni dopo ristampato e riconosciuto come pezzo importante di quegli anni, beh, mi fa salire un sorrisone. Scopro anche che il fratello di Todd Johnson, Al, è quell’Al Johnson di Shorty ed US Maple, una delle mie band preferite di tutti i tempi.
Un piacere ributtarcisi, i ritmi sono matematici e sporchi, le urla partono da pietanze hardcore ma grugniscono come i Pere Ubu, Chicago si sente moltissimo ma è come se fosse rimasta sotto una coltre di pioggia e nebbia, con una rabbia che destabilzza e che allo stessa maniera unisce chi suona e chi ascolta. Scopro moltissime cose grazie a questa ristampa di Computer Students, creatura di Julien Fernandez (già con Africantape, Chevreuil! e Five Roses Press) che già nel 2011  e nel 2018 diede alla luce altre due produzioni dei Big’n, il 10 pollici Spare The Horses ed il 12 pollici Knife of Sin.
In questa riedizione in doppio LP troviamo ben 79 minuti di musica, oltre all’album originale abbiamo infatti 5 demo dalle medesime sessioni, 4 pezzi provenienti da uno split con gli Oxes (altro gran bel gruppo di manici scellerati) e due outtake del 1998. I suoni sono spettacolari, il basso slappa elastico (sentite Dry, una bellezza vera) il cantante urla tanto da sembrare lungocrinito, la batteria è praticamente a 30 cm da noi tanto è casalinga, la chitarra viene a tratti accarezzata ed a tratti martoriata. A riascoltarlo si leggono in nuce un sacco di idee e di istinti bradi che furono mutuati da molto math e noise rock dell’epoca, ed avendo loro esordito ben 4 anni prima con due singoli, Hoss e Godawful b/w Smallgiant (Fake Santa) ci fa capire a che punto già stessero. Vista l’ampiezza della raccolta (si va da pezzi maggiormente atmosferici alle aggressioni luciferine dettate dal frontman e vocalist William Akins, spesso nel medesimo brano), ci si può mettere ben comodi, sfogliare il prezioso booklet della lussuriosa confezione per leggere le dichiarazioni dei Big’n medesimi, di Steve Albini che curò le registrazioni di questo disco al Chicago Recording Company e dell’inclusioni dialcune prime registrazioni del disco, quelle curate anzitempo da Dave Zuchowski e che da lui stesso vennero distrutte una volta scoperto l’approccio ad Albini senza che ne fosse stato messo al corrente. Più sporche, più becere, più brade. Tutta roba ottima che fa crescere ancor più l’immaginazione sulla forza dirompente che poteva avere allora un progetto come i Big’n.
Con King of Mexico si fa un passo in avanti, siamo nel 1999, il suono è ancora più ottuso e macilento, la voce è scomparsa, il suono opprime senza deflagrare, quasi constringendo se stesso. Chiudono questa chicca due outtake targate 1998, Like a Killer a randello, come degli Slint incattiviti in una fonderia, Missouri Boat Ride si accende senza mai partire, come se brutalità e violenza non sapessero loro stesse dove sbattere la testa.
Bevetene tutti.

Salute.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Extra Life – Made Flesh (Africantape, 2010)

Sorprende trovare, in un catalogo così stilisticamente orientato come quello dell'Africantape, il disco di quello che alla fin fine è…

19 Feb 2010 Reviews

Read more

Converge - Live At The BBC (Deathwish, 2014)

Nuovo 7 pollici per i paladini dell'hardcore più furioso e metallizzato: i Converge tornano a distanza di un anno e…

14 May 2014 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Larva 108 - Music For Cup Marked Stones (Inverno, 2011)

A poca distanza dall'uscita della raccolta per i primi dieci anni di Larva 108, Guido Bisagni (unico nome dietro a…

17 Apr 2011 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

The Machine – Redhead (Rekids, 2010)

Matt Edwards (già Radio Slave e Rekid – un album su Soul Jazz con questo secondo pseudonimo), esordisce con la…

21 Jan 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 37 (09/07/15)

Puntata numero trentasette della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo bissano la puntata sui chitarristi con una…

12 Jul 2015 Podcasts

Read more

The Tapes - Teletyp (Luce Sia, 2021)

Sul versante più trasversale e certamente meno facile rispetto a Derma è questo nuovo sette pollici sempre a firma Giancarlo…

14 Nov 2021 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri/Elio Rosolino Cassarà – Musteri Hinna Föllnu Steina (Neverlab…

Enrico Ruggeri (non quell'Enrico Ruggeri…) suonava negli Hogwash, uno dei tanti gruppi comparsi sull'incredibile serie PO Box 52 della Wallace,…

07 Mar 2013 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show – S/T (Wallace, 2012)

Continua la navigazione la sgangherata nave (vichinga, si direbbe dalla copertina) capitanata da Xabier Iriondo alla chitarra e da Roberto…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Fuori Stagione (Wallace/Old Bicycle, 2016)

Nonostante gli illustri nomi che accompagnano il progetto, il lavoro del Lungo Addio risulta fiacchissimo e noioso fin dalle prime…

28 Oct 2016 Reviews

Read more

[mumble]³ - S/T (Autoprodotto, 2010)

Mumble Mumble Mumble (così si legge il nome ³ ) arrivano in tandem da Torino, ancora una volta basso/batteria…

26 Aug 2010 Reviews

Read more

Daniel Rossen - You Belong There (Warp, 2022)

It’s A Passage ed in effetti c’è del tramestio in questo nuovo inizio di Daniel Rossen. Terminata la storia con…

22 Aug 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top