Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè, 2012)

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul luogo del delitto, riscoprendo e assemblando suoni che riportano agli albori della cultura industrial. Nulla di sorprendente, Ballard ne è certamente uno dei padrini e l’influenza delle sue opere e del suo immaginario è evidente in molti dei dischi prodotti al tempo. Tornare con la mente a quegli anni è quindi normale e per certi versi salutare.
In Memoriam Of J.G. Ballard parte dal suono successivo ai Throbbing Gristle, quando ormai ogni strumento in comune col rock era finito in soffitta a favore di macchinari elettronici, che non avrei problemi a definire post-idustrial, se ciò non rischiasse di generare confusione con l’accozzaglia di rumori informi che oggi va per la maggiore. Qui invece troviamo nove brani che richiamano i suoni e le cadenze meccaniche di un macchinario, in cui i drone e le pulsazioni non hanno nulla di umano, e sfregiati da stridori e suoni campionati, sembrano rivelare quella che è il volto della realtà oltre il velo di rispettabilità, pulizia e buonsenso. Quasi ogni brano porta il titolo di un’opera di Ballard e ne traduce in musica le ambientazioni morbose, talvolta eccedendo in una ripetitività angosciante, al limite dell’autismo. Insomma, l’album è pesante, in tutti i sensi, similmente a molti dei racconti dello scrittore: prendere o lasciare. Il suo valore è tuttavia anche, se non prevalentemente, extramusicale e sta nel sapersi distinguere in un ambito in cui la ricerca dell’estremismo sonoro ha già da tempo raggiunto il punto di non ritorno e tende ormai a una stanca ripetizione. Forse è eccessivo definire In Memoriam… un’opera polemica, c’è il rischio di andare oltre a quelle che sono le reali intenzioni degli autori, ma di certo, coi suoi riferimenti letterari, si pone in contrapposizione con l’industrial autoreferenziale di oggi. L’industrial old school che ascoltiamo va quindi letto come scelta stilistica, che permette di riannodare quei lacci che facevano di questa musica un’avanguardia con delle idee, un retroterra culturale, una politica (per quanto confusa), lontana dal facile nichilismo che oggi sembra essere l’unico orizzonte possibile. Nota di merito per la grafica, che riproduce alcune opere dell’artista sardo Vins Grosso, perfettamente in tono sia con le atmosfere del disco, sia coi temi dell’uomo che lo ha ispirato.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Orko Trio – S/T (Dobialabel, 2011)

Disco dalle complesse architetture progressive rock questo esordio dell'Orko Trio, composto da Michele Cuzziol, Enrico Giletti e Giorgio Pacorig, gode…

22 Feb 2012 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l'esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima.…

27 Nov 2013 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Violence (White Birch, 2012)

Terzo lavoro per i Pistoiesi Ka Mate Ka Ora, già trattati su questo sito con le due prove precedenti. Con…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Cronaca Nera - Non Consensual Violence (Luce Sia/Old Europa Cafe',…

Oscuro lavoro di power elettronica senza mezzi termini che in questa incarnazione vede tre illustrissimi dell'area grigia italica: il prolifico…

16 Apr 2019 Reviews

Read more

Satori Junk - S/T (Taxi Driver, 2015)

Stavo leggendo poc'anzi su una webzine concorrente (ebbene si, lo faccio) un'aspra critica al cantato definito "cantilenante" dei Satori Junk.…

09 Apr 2015 Reviews

Read more

Helios - Eingya (Type, 2006)

Paesaggi dipinti da un piano, pizzicati dolcemente da una chitarra e che descrivono i cicli delle stagioni e degli stati…

21 Nov 2006 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Lophophora (deNOIZE, 2012)

Stefano Ferrian (conosciuto ai più come chitarrista degli Psychofagist) ritorna con il seguito di quel primo capitolo in solo che…

28 Mar 2012 Reviews

Read more

Gesuco Razzati – S/T (Autoprodotto, 2013)

Manufatto di pregevole fattura, il CDr dei Gesuco Razzati, misterioso combo eporediese cultore del rumore prodotto con aggeggi elettronici e…

09 May 2013 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

Vialka - Plus Vite Que La Musique (Vialka, 2007)

Credo fermamente che ci siano, da qualche parte, alcuni punti fermi a cui tutti i musicisti più o meno off…

19 Feb 2008 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - (B)Haunted (Silentes, 2014)

Ogni tanto è utile un ripasso della fitta discografia di Gianluca Becuzzi, specie per quei titoli pubblicati in edizioni strettamente…

29 Sep 2014 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

Ulan Bator - 09/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Nei sotterranei del centro storico di Brescia stasera toccai ai francesi (ma da tempo italiani d'adozione) Ulan Bator, ancora una volta in…

03 Apr 2010 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top