Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune ognuno la propria idea di oscurità (pare che le musiche siano ispirate alla visione di Suspiria ma non credo che i due abbiano bisogno di alcuno stimolo per alimentare la propria tenebrosa fantasia). La distanza fra il suono barocco e avvolgente del primo e quello freddo e minimale del secondo poteva tradursi in un rovinoso fallimento come in una riuscita compenetrazione: idealmente le melodie d’organo avrebbero potuto conferire colore e profondità all’elettronica ritmica e minimale di Lamanna che a sua volta avrebbe potuto traghettare la recente produzione di Adamennon, incentrata sulla rivisitazione di  certi ’70, se non proprio verso il dancefloor, verso immaginari cibernetici e fantascientifici (giusto per restare in ambito cinematografico). All’atto pratico il disco evidenzia una coesione in buona parte ancora da raggiungere ma con un paio di tracce che lasciano ben sperare nel caso di una prosecuzione del progetto. Del primo lotto fanno parte i brani del lato B: in Ottobre le cadenze techno sovrastano le melodie annullandone il pathos mentre in Nuvola Nera le sequenze d’organo emergono a tratti, ancora una volta rimanendo estranee alla composizione per quanto l’idea in sé non sia male; la conclusiva Fuori Piove è un buon outro, ma nulla più che l’organo che avanza su un leggero sfondo di rumore. Onestamente il lato A aveva fatto sperare altro: dopo il breve intro di Orfeo E Euridice, Arriva il Buio (rivisitazione di un brano di MMXII) enfatizza con sapienza quella vena carpenteriana già presente a tratti nell’opere di Adamennon fra momenti di stasi e visioni di ampio respiro (sempre e comunque su toni scuri) sezionate da battiti robotici; Iris, ossessiva nella melodia e nella freddezza con cui è scandita dai ritmi, è meno elaborata e dinamica, ma riflette comunque un buon equilibrio fra le parti. Capisco che con il vinile sia una menata e non so quanto la cosa abbia senso, ma se vi ascoltate la scaletta in ordine inverso assistete a un crescendo niente male e a una simbiosi che si fa via via più salda. Augurandosi sia un dato che corrisponde alla realtà.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Agnostic Front - Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Mope - S/T (Taxi Driver, 2014)

Morbidamente strumentale si presenta questa nuova uscita della genovese Taxi Driver che vanta all'interno tanto membri di Eremite quanto di…

17 Apr 2014 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Minimal Boom! (Riff, 2011)

Secondo lavoro per Very Short Shorts (del primo disco parlammo qui), questo Minimal Boom! appare fin dal primo ascolto molto…

28 Oct 2011 Reviews

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

Mamuthones – S/T (Boring Machines, 2011)

Continua il cammino dei Mamuthones che da progetto del solo Alessio Gastaldello (ex Jennifer Gentle) diventa ora un vero gruppo…

05 Mar 2011 Reviews

Read more

The Cepi Nomads + Hic - Cepi meets Hic (Torto,…

Questo lavoro nasce dall'improvvisazione tra due nutriti ensemble di professionisti. I Cep Nomads sono francesi e nascono dalla volontà di…

13 Jul 2020 Reviews

Read more

Mata – Archipel{o}gos (OFN, 2019)

Torrida industrial, ma di gran classe e tiro. Pezzi costantemente sotto tensione, ma al contempo ballabilissimi. Incursioni ebm interrotte da…

27 Jan 2020 Reviews

Read more

Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei…

20 May 2013 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Double Penetration (Autoprodotto, 2013)

Ancora loro. Dopo lo sfacelo a tutta velocità del Coche Boogalero dopo solo pochi minuti ritornano gli Hazardous Waste con…

28 May 2013 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Eremite - All Things Merge Into One (Taxi Driver, 2014)

Questo è l'album che i Mastodon hanno perso per strada: seguendo infatti un filo cronologico ascensionale avrebbe dovuto seguire Leviathan…

11 Nov 2014 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Costantino Della Gherardesca, da GG Allin al conte Ugolino, quattro…

Perchè intervistare Costantino Della Gherardesca? Per mille ragioni, ma fondamentalmente per due. La prima è che è un intelligente uomo…

05 Sep 2011 Interviews

Read more

Lule Kaine - Radiations From Futurist Furniture (Chew-Z, 2008)

Ricordavo di aver già sentito qualcosa di questi Lule Kaine anche se non ricordo esattamente cosa e dove, ma questo…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top