Konakon – Ousia (Os Tres Amigos, 2017)

Il ritorno di Konakon, progetto del parmigiano Matteo Berghenti (Lady Vallens e Second Family Records) segna un deciso cambio di rotta: dalla musica autogenerata dai computer di Ars Magna a quella sempre digitale ma che processa fonti analogiche di Ousia. Se non siamo agli antipodi poco ci manca e fra i due nastri l’unico legame (ammesso lo si possa definire tale) è quello di essere l’uno la versione allo specchio dell’altro. Nel primo la presenza umana era, pur essenziale in fase di programmazione, messa in secondo piano durante un ascolto che senza la conoscenza delle premesse teoriche non poteva dirsi completo, qui i suoni analogici (piani, chitarre e addirittura voci!), anche se trattatati in modo piuttosto radicale, mantengono il loro calore e le sensazioni sono dirette, percepibili a pelle. Viene insomma a mancare il fascino di un concept complesso e attuale ma si guadagna un ascolto puro, senza troppi appesantimenti teorici. Poiché tuttavia non sempre le cose più semplici sono le migliori la riuscita dell’operazione non era certa ma Konakon porta a casa il risultato perché – sorpresa! – ha i pezzi e un bel feeling da elettronica suonata che, sarà un segno dei tempi, non si ascolta spesso. È evidente fin dai saliscendi ritmici (ed emotivi) dell’iniziale Opuntia, ma è Chacruna che sbanca con un passo decisamente rock pesante e rumoroso che non lascia indifferenti. Più avanti Tonburi si fa notare per i toni ombrosi e quasi timidi, Myris e Kava per le diverse interpretazioni del tema “ambient”, pianistico  la prima, sintetica e disturbato la seconda, l’ottima Virola per l’exploit danzabile che rimanda indietro di un paio di decenni e segna l’altro picco di questa cassetta. In sé Ousia è un disco dove una certa disomogeneità stilistica è compensata dal gusto per la sorpresa che ogni traccia regala e una piacevolezza d’ascolto rara (in alcuni casi non sarebbe scandaloso scomodare il termine pop), nella discografia di Konakon rappresenta una salutare libera uscita dopo l’impegnativo Ars Magna che lascia aperta ogni possibilità per il futuro.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Orbe – Albedo (Samsara/Meltin Pop, 2011)

Direttamente da quel braccio del Lago Maggiore che volge a mezzogiorno, più precisamente da Arona, provengono gli Orbe, quartetto strumentale…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Sigurtà, Fhievel, Hue - Live At Lab 12, Part 1…

Un preambolo più che dovuto per dire che se Uggeri non è capace di star fermo sembra che anche i…

06 Jun 2007 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Tatum Rush - Estate, elegante umidità

Prendete un parte di Tom Jones, una di R Kelly, una di Pino d’Angio, una di Chilly Gonzales, shakerate. Aggiungete…

26 Jun 2022 Articles

Read more

St.Ride - Primitivo (Niente, 2011)

Gli St.Ride sulla loro Niente records continuano a sfornare dischi e arrivano con Primitivo, che altro non è se non…

30 Nov 2011 Reviews

Read more

Neurosis - Honor Found In Decay (Neurot, 2012)

Pur portando sempre un compito rispetto verso la band, avevo ormai smesso di seguire i Neurosis da un po' di…

22 Nov 2012 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Psygnosis EP (Consouling Sounds, 2008)

Questo forse è uno dei pochi gruppi genovesi che oltre ai Port Royal e ai Banshee negli ultimi tempi ha…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

K11 Pietro Riparbelli With Influx – He Tries To Come…

Di He Tries To Come To Us vi avevamo già parlato in occasione della performance di K11 allo spazio Superfluo…

13 Mar 2014 Reviews

Read more

Larix – S/T (Pseudomagica, 2017)

Fonti ben informate, basandosi su uscite discografiche e cartelloni di concerti, mi dicono essere tornato in auge il jazz-core: rabbrividiamo.…

15 Dec 2017 Reviews

Read more

Pål Asle Petterson + Ubeboet + UR - The Twists…

Zan Hoffman, che citando le release sheet è "sperimentatore di suoni e rumori dal 1985", porta avanti un progetto dal…

09 Jun 2008 Reviews

Read more

Torba/Luca Sigurtà & Prayin For Oblivion - Tape Crash No.4…

Quarto episodio della serie tape crash per la svizzera Old Bicycle, musica che aggiunge elementi di confusione al vostro stereotipo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

Romina Daniele - Aisthanomai. Il Dramma Della Coscienza (Polygram, 2008)

Partirò subito dicendo la cosa più scomoda, ovvero che si tratta di un disco in cui lo…

23 Apr 2008 Reviews

Read more

The Ghost Of 29 Megacycles - Love Via Paper Planes…

Nelle mie peripezie dall'altro capo del mondo non sono mai riuscito a vedere dal vivo questi fantasmi, perdendomeli sempre per…

22 Jan 2011 Reviews

Read more

Father Murphy – Croce (Fenser, 2015)

Secondo René Guénon la croce simboleggia, nella maggior parte delle dottrine tradizionali, la realizzazione dell’Uomo Universale: l’asse orizzontale rappresenta un…

14 May 2015 Reviews

Read more

Roberto Dani - Lontano (Stella Nera, 2010)

Di recente un amico ha commentato che Stella Nera in un certo senso è un'etichetta musicale anarchica di estrazione ma…

01 Sep 2011 Reviews

Read more

Green Beret - Part 1 & Part 2 (Sabbatical, 2008)

I tre berretti verdi sono stati assoldati per l'undicesima uscita Sabbatical probabilmente perché hanno le carte in regola per fare…

09 Nov 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top