Moe/Gerda – Karaoke (Shove/Wallace/Icore, 2017)

Come spiega la cartella stampa questo 10” tirato in 300 copie ha la funzione di cementare (e in un certo senso celebrare) un’amicizia che dura da dieci anni, quella fra i nostrani Gerda e i norvegesi Moe. Eccoli dunque scambiarsi amichevolmente un brano da reinterpretare: Mucosa (da 3) per gli italiani, Fucked Up Voice (da Your Sister) per gli scandinavi. Non è scontato dire che l’operazione, ad onta del titolo, non si riduce in un banale karaoke: sarà l’affiatamento e la confidenza maturata negli anni ma nessuna delle due band dimostra particolare timore reverenziale nei confronti dell’originale, facendolo proprio e reinterpretandolo con personalità e pure qualcosa in più. Sul lato A i Moe pagano pegno cimentandosi con l’italiano (non che la voce filtrata consenta di capire granché) e procedono per sottrazione – un po’ di velocità, parecchio di volume e distorsione – portando Fucked Up Voice su territori a loro consoni. Con un ‘operazione quasi filologica tirano fuori quello spirito rock presente ma nascosto (sarebbe forse meglio dire sommerso) nel brano originale e lo rivedono alla loro maniera grazie a una sezione ritmica che tira sberle e una chitarra che trapana le orecchie: un po’ meno incisivo di ciò che sentiremo sull’altro lato ma comunque di ottima caratura. Mucosa era in origine un noise rock lento e scarno guidato da un bel basso corposo e sfregiato dal suono lancinante della chitarra che finiva per smaterializzare tutto; nelle mani dei Gerda, che si cimentano per la prima volta con l’inglese, viene inspessito e ulteriormente rallentato fino a diventare un hard-blues metallico che riflette in pari misura sofferenza e furia, come la Rollins Band degli anni migliori che surfa su una colata lavica. I marchigiani non si snaturano, li riconosciamo nella capacità di dare sfumature a un suono che di primo acchito sembra semplicemente ottundente e in quella di tenere insieme brani sempre sul punto di andare in briciole, ma è anche qualcosa di nuovo, un nuovo livello. Con la loro cura Mucosa diventa pezzo ipnotico e annichilente che si impone di prepotenza come uno dei migliori in repertorio. Poteva essere una cosa simpatica e nulla più questo 10” e invece, pur nella ristrettezza di tempo a disposizione, si rivela un disco davvero figo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Aids Wolf Vs Athletic Automaton - Clash Of The Life-Force…

Mentre esce il nuovo disco dei Chinese Stars (tra poco da queste parti), su Skin Graft ci ricordano che, senza…

27 Mar 2007 Reviews

Read more

Tim Hecker – 11/02/12 Chiesa di Santa Cristina (Parma)

Dura la vita per il Canvas Festival di Parma: da subito il Comune si dimostra restio a concedere le autorizzazioni all'uso…

24 Feb 2012 Live

Read more

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

Anti You - Blank Stares (Agipunk, 2013)

Secondo disco sulla "lunga" distanza ed ennesima grande prova dei romani Anti You che, secondo i loro canoni, sfornano 16…

01 Apr 2014 Reviews

Read more

Sergio Messina & the Four Twenties – Sensual Musicology (Hell…

Conobbi Sergio Messina grazie a due dischi, La vendetta del Mulino Bianco e Inaudito, acquistati ad un live dei 99 Posse al Villaggio Globale…

28 Mar 2022 Reviews

Read more

Lee Gamble - KOCH (PAN, 2014)

Ritorno al futuro. Sarà ormai più di un mese che ascolto questo disco (alternandolo con altro, naturalmente), perchè con le…

16 Oct 2014 Reviews

Read more

Child Bite - Vision Crimes (Joyful Noise, 2013)

I Child Bite sono considerati la miglior band live di Detroit. In otto anni di carriera hanno cambiato diverse formazioni…

13 May 2013 Reviews

Read more

Gandhi's Gunn - The Longer The Beard The Harder The…

Il secondo tragico disco (per citare Psichofagist) è sempre un ponte di corde che o fa cadere nel baratro oppure…

23 May 2012 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - S/T (Shove/MacinaDischi, 2012)

Ero curiosissimo di ascoltare questo nuovo A Flower Kollapsed, essendo rimasto molto favorevolmente colpito dal materiale vecchio (in particolare da…

07 Jun 2012 Reviews

Read more

Rock And The City - L'Anno Che Venne E Se…

Siamo tutti qui - non è il Braccobaldo Show, ma poco ci manca - alle prese col consueto rito, sempre…

03 Jan 2007 Articles

Read more

Burzum - Fallen (Byelobog, 2011)

 Quanto ci sarebbe da dire su ogni nuovo lavoro di Burzum. Nel 2011, dopo sedici anni di prigione ed un…

19 Feb 2011 Reviews

Read more

Dwarfs Of East Agouza / Chris Corsano & Bill Orcutt…

Dopo il recente e interessante Carte Blanche, continua la Saraswati Series della Unrock con il nuovo capitolo split Electric Smog,…

13 Jun 2019 Reviews

Read more

Don't Mess With Texas - Los Dias De Junio (Moonlee,…

Don’t Mess With Texas, letteralmente "non fare il furbo con il Texas" (pare fosse scritto sui cartelli stradali del simpatico…

10 Dec 2007 Reviews

Read more

Giant Drag - Hearts And Unicorns (Kickball, 2005)

I Giant Drag, sono californiani e sono solo in due. Ma suonano con la maestria di cinque. Come cinque…

08 Aug 2006 Reviews

Read more

Land Lines - S/T (Cash Cow Production, 2013)

Dopo un periodo di pausa tornano tre quarti dei Matson Jones con un nuovo nome: Land Lines. Per chi non…

30 Sep 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top