since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: pan sonic

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben tre dischi nel giro di un anno, tutti di gran livello) e dopo le uscite per Aagoo si accasa alla Kvitnu, etichetta Ucraina transfuga a Vienna a causa della guerra, con all’attivo uscite, fra gli altri, di Plaster e Pan Sonic. Un cambio di scenario che non poteva non riflettersi in modo importante anche sul suono.   …

Read more

Rashad Becker – Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk Studio e impegnato anche al Dubplates & Mastering. Il suo nome lo trovate nei crediti dei dischi più disparati, dai Pan Sonic a Fennesz ai Sunn o))) (date un’occhiata su Discogs, se vi va di spulciare in oltre duemila titoli), ma con questo lavoro dimostra di saperci fare anche in prima persona. …

Read more

Grey History – All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split cd con un francese, una ristampa di vecchi materiali su Silentes, un reworking dei Limbo e qora uesto secondo capitolo rumoroso su Radical Matters, a nome Grey History. Troppa prolificità non giova, ma nel caso di Becuzzi evidentemente la regola non vale dato che fatta eccezione per le sue collaborazioni con Fabio Orsi (che comunque anche questa volta si trova coinvolto in prima persona), alcuni dei suoi dischi che preferisco sono proprio quelli dell'ultimo periodo.

Read more

Monosonik – Mechanical Fluxus (Ticonzero, 2011)

Ero già rimasto favorevolmente colpito dall'esordio di questo gruppo che coinvolge un ex Templebeat e TH26 (una collaborazione con Maurizio Bianchi all'attivo). Credo vengano da Cagliari e da Treviso e a dispetto dei preconcetti sull'isola o sull'intera penisola fanno un suono che sicuramente non vive nel passato ma che si trova ben piantato nel presente della musica elettronica. Intelligent Dance Music? Più o meno, comunque pur trattandosi di un disco con una serie di tracce composte dal gruppo e da una serie di remix, l'idea omogenea di un lavoro ritmico, molto notturno e quasi ballabile resta.

Read more
Back to top