Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben tre dischi nel giro di un anno, tutti di gran livello) e dopo le uscite per Aagoo si accasa alla Kvitnu, etichetta Ucraina transfuga a Vienna a causa della guerra, con all’attivo uscite, fra gli altri, di Plaster e Pan Sonic. Un cambio di scenario che non poteva non riflettersi in modo importante anche sul suono.
Static non è un disco facile da decifrare. Non è evocativo come Everithing Collapse(d) o Weak Life ma batte una strada diversa, che a tratti sembra avvicinarlo a certe produzione degli anni ’90 (evidente in  Conditions e in misura minore in Sevi Lwa) dove l’elettronica preconizzava l’avvento di un mondo nuovo, capace di cavalcare la tigre della tecnologia, ipotesi mai pienamente realizzatasi. Eppure non è nemmeno tutto qui, perché a Static il termine “elettronica” va stretto, dato che l’estrema cura dei suoni confonde l’orizzonte fra analogico e digitale e spesso nemmeno la scrittura è proprie di questo genere: quello che troviamo nelle undici tracce è musica che ha qualcosa del DNA umano ma è evidentemente anche altro. Punti di contatto coi precedenti lavori, specie quelli con Deison, sono inevitabili, specie nei soundscape malinconici del brano d’apertura; ma il suo titolo è Final e una porta ci si chiude alle spalle; con la successiva Afterdark comincia a nascere qualcosa che ha le frequenze di un contatore Geiger, ma le pulsazioni di un cuore, qualcosa che cresce rapidamente e sembra quasi autogenerarsi: brulicante, obbiente a logiche proprie, indifferente al mondo esterno. Nei momenti migliori del disco (tanti. Citiamo almeno Dummies, la prima parte di Sevi Lwa, Too Late, il capolavoro ambient-ritmico di Slow) non troviamo contenuti o immaginari di riferimento; spesso, per lunghi tratti, sembra addirittura non accadere nulla, ma è proprio questa apparente staticità a dare la misura del tutto, di un suono che basta a sé stesso e in questo trova la sua piena realizzazione. È musica che non fa ballare, non trascina, non ci vuole parlare, né si preoccupa di interessarci: non comunica nulla se non la propria esistenza. Quello che possiamo fare, l’unica cosa, è ascoltarla con la stessa attenzione e curiosità con cui l’entomologo osserva gli insetti, creature familiari eppure anche incommensurabilmente aliene. Perchè alieno lo è un po’, Static, che dà forma un cosmo, nemmeno troppo micro, dal quale rimaniamo inesorabilmente fuori, senza che la cosa sia necessariamente un male: quella che ci viene offerta è un’esperienza di puro ascolto quanto mai appagante.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Camillocromo - Musica Per Ciarlatani Ballerine E Tabarin (Autoprodotto, 2010)

Ancora comunicazione tra cuore e stomaco. Le funamboliche (mai termine fu più appropriato) contaminazioni dei fiorentini Camillocromo volteggia tra la Banda…

12 Feb 2010 Reviews

Read more

Hheva/Shiver - Troubled Sleep (Diazepam, 2012)

Cassetta split tra il combo maltese Hheva e Shiver aka Mauro Sciaccaluga, che lascia il lato A agli ospiti facendo…

30 May 2013 Reviews

Read more

Get Help - The End Of The New Country (Midriff,…

Esiste un abbattimento intelligente. Di fronte al futuro e alle possibilità che ci si aprono davanti agli occhi, mentre i…

28 Dec 2008 Reviews

Read more

Paolo L. Bandera - Registrazioni Di Campi Tellurici E…

Ritorna il decano se non addirittura lo storico ed ideologo per antonomasia dell'area grigia italiana, con un proprio prodotto programmmatico…

13 Nov 2020 Reviews

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

La Batterie - He Ate A Lamp Now He's A…

"Una versione spongebob dei Sonic Youth", e stavolta chiunque abbia inventato questa definizione per il terzetto berlinese un po' c'ha…

17 Feb 2008 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Cielo Inchiostro (Bosco, 2012)

Daniele Brusaschetto è purtroppo uno dei segreti meglio custoditi della musica italiana. Non solo della musica underground, indie, indipendente o…

28 Jan 2013 Reviews

Read more

Hong Chulki & Will Guthrie - Mosquitoes and Crabs (Erstwhile,…

Il rischio che corre un lavoro costruito su concetti frammentari e irrisolti come questo Mosquitoes and Crabs è quello di…

12 Jun 2018 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

Red Stars Over Tokio - Helen In The Mirror (Hot…

Quale potrebbe essere l'hobby di un ex hardcore kid (in passato bassista nei belgi Nations On Fire e tenutario dell'etichetta…

23 Mar 2010 Reviews

Read more

Slobber Pup – Black Aces (Rare Noise, 2013)

È ancora tempo di supergruppi? Se quella di associare grossi nomi è pratica mai invalsa (e anzi vitale) in ambito…

10 Jan 2014 Reviews

Read more

NOfest! 2012 - 24/06/12 Spazio 211 (Torino) Terza parte

E si arriva così all'ultimo giorno, carichi della fatica di quelli passati, soprattutto della tirata del sabato, ma determinati a…

04 Jul 2012 Live

Read more

Penelope Sulla Luna - My Little Empire (Nagual, 2008)

I Penelope Sulla Luna fanno quello che quasi tutti intendono come post-rock strumentale anche se questi "tutti" tendono a dimetnicarsi…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

Richard Hell - Spurts: The Richard Hell Story (Rhino, 2005)

Riccardo Inferno. Personaggio cult o semplicemente grandissimo sfigato? Genio o re dell’aurea mediocritas del punk statunitense? Meglio non rispondere a…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Jealousy Party - Live (Fratto9 Under The Sky/Barlamuerte/Megaplom/Burp/etc., 2010)

In questo caso si tratta di un buon live con cui si auto-celebra un gruppo storico della musica free di…

21 May 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top