since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: khlyst

Kotha – Black Animal Hex (Hate Mail, 2017)

Cresce in fretta Kotha, la mostruosa creatura di Daniele Santagiuliana, e – dopo aver pagato tributo ai maestri nel primo disco – volge ora il suo sguardo verso più ampi ma sempre lividi orizzonti. Se nell’esordio gli sconfinamenti oltre i limiti del genere erano occasionali, qui tutto si gioca in una terra di nessuno dove…

Read more

Mothers Of The Third Reich – Butterfly (Ambient Noise Session, 2013)

Si presenta con un nome decisamente accomodante questo duo di polistrumentisti inglesi: non è dato conoscerne l’origine e le motivazioni, ma se il titolo sembra contrastare con una ragione sociale così truce, la musica è invece perfettamente in tono. Butterfly è un maelström che nel suo vorticare scuro travolge e porta con sé stili e generi dei più disparati, oltre ad ogni incauto ascoltatore: in questo senso almeno la foto di copertina, col suo groviglio di forme e materiali, è assolutamente adatta. …

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po’ di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto a recensire lo split fra queste due band. Totalmente misteriosi gli Humiliation, di cui non mi è riuscito di trovare un solo dato utilizzabile, un po’ meno la one man band australiana Nekrasov, con all’attivo svariati singoli, split e album (l’ultimo quest’anno su Crucial Blast). Ugualmente imprescrutabile è la struttura del disco, per la quasi totale assenza dalle note di copertina, ma se le informazioni che ho trovato in rete sono corrette, ogni gruppo dovrebbe eseguire due pezzi per conto proprio e unire le forze in altri due.

Read more

Jodis – Secret House (Hydrahead, 2009)

Diamo il bentornato a James Plotkin; era dai tempi dell’abisso lovecraftiano di Chaos Is My Name dei Khlyst che non avevamo sue notizie, ma il nostro stava lavorando nell’ombra alla sua nuova creatura, Jodis, insieme all’ex compagno nei Khanate Tim Wyskida e ad Aaron Turner, oramai il sessionman più gettonato del giro Hydrahead. …

Read more
Back to top