Kotha – Black Animal Hex (Hate Mail, 2017)

Cresce in fretta Kotha, la mostruosa creatura di Daniele Santagiuliana, e – dopo aver pagato tributo ai maestri nel primo disco – volge ora il suo sguardo verso più ampi ma sempre lividi orizzonti. Se nell’esordio gli sconfinamenti oltre i limiti del genere erano occasionali, qui tutto si gioca in una terra di nessuno dove il suono tende ad espandersi mantenendo solo pochi punti in comune coi canoni stabiliti: in questa landa desolata il black metal cessa di essere uno stile musicale per diventare uno spirito che si incarna in suoni e strutture inusuali, modalità già sperimentata da altri e che sta contribuendo a tener viva l’antica fiamma ben più dei tanti pedissequi epigoni di Mayhem e soci. Un gruppo black sopravvissuto a un olocausto nucleare, con l’organico più che dimezzato e ridottosi a utilizzare gli strumenti rimasti o oggetti trovati, suonerebbe probabilmente come i Kotha di Black Animal Hex: sporco, minimale, lento, metallico, disarticolato. Nel percorso di allontanamento dalla forma canzone la (one man) band occhieggia al post-industrial (più ad Atrax Morgue che non agli ovvi MZ 412) e segue cadenze basso/batteria decisamente doom sulle quali innesta i ritmi ipnotici e meccanici dei Blut Aus Nord opportunamente scarnificati (Le Teste Tagliate Non Smettono Di Cantare), melodie spettrali sorrette da linee di basso post-punk (Sunset’s Tail) e una voce che ha davvero poco di umano e ci racconta, in una lingua incomprensibile, storie di indicibile sofferenza. Più di una volta si ha l’impressione di affacciarsi sullo stesso abisso in cui guardarono, con diversi risultati, i Khlyst di James Plotkin, ma l’unico, vero termine di paragone mi sembrano essere i misconosciuti Dead Reptile Shrine: l’idea di un black tribale e ritualistico ridotto ai minimi termini ma aperto ad influenze esterne e dove l’attitudine weird serve a fare emergere senza fronzoli l’essenza delle cose, sottintende ad entrambe i progetti, anche se Kotha spinge la dissoluzione ancora più in là. Non fatevi dunque ingannare dall’ambient nemmeno troppo dark della conclusiva Coda: è solo l’illusoria pace prima di una nuova tempesta.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Braconidae – Gaslighting (Luce Sia, 2018)

Viene da lontano la storia di Gaslighting, vinile dove Emiliana Voltarel, in arte Braconidae,  concretizza anni di vita e di…

12 Sep 2018 Reviews

Read more

Wailing Of The Winds - S/T (Diazepam, 2011)

Continuano le uscite di Mauro Sciaccaluga (Shiver, Ur, Stalker, Downright) per la sua Diazepam, con una cassetta a nome Wailing…

23 Mar 2012 Reviews

Read more

BIP - The Autumn EP (Tafuzzy, 2009)

Mini album di esordio a nome BIP, collettivo non ben definito prima noto col nome Bancali In Pietra, all'insegna di…

13 Mar 2010 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Pussyhead (Autoprodotto, 2013)

L'indefessa poetica dei rifiuti continua la propria sciancata strada attraverso i pezzi dei ritrovati Hazardous Waste che da un certo…

17 Jan 2014 Reviews

Read more

Flying Disk - Circling Further Down (Taxi Driver/Rude/Tadca, 2015)

Dinamico e giovane trio follemente innamorato di Jesus Lizard e primi Therapy?: e questa come presentazione del lavoro già potrebbe…

28 Mar 2015 Reviews

Read more

Ventura - We Recruit (Africantape, 2010)

Africantape continua nel mix di dischi da tutto il mondo in odore di indie/math/post/eccetera pubblicando con un disco degli svizzeri…

13 Jul 2010 Reviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Maria Assunta Karini/Francesco Paolo Paladino/Simon Fisher Turner - Ghosts Of…

Terzo volume della serie 13 private sounds per la Silentes, dedicata a soddisfare anche la vista oltre che l'udito: questa…

19 May 2014 Reviews

Read more

Oneida + Lucertulas - 10/08/09 Malafly (Verona)

Era molto atteso il ritorno degli Oneida, dopo la pazzesca esibizione al No Silenz festival di due anni fa.…

22 Sep 2009 Live

Read more

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

Horror Vacui - In Darkness You Will Feel Alright (Avant!/Legion…

Dai toni cupi degli americani Night Sins, all'abisso degli Horror Vacui, schiaffato in faccia con un titolo e una copertina…

04 Jan 2013 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

The Shipwreck Bag Show – S/T (Wallace, 2012)

Continua la navigazione la sgangherata nave (vichinga, si direbbe dalla copertina) capitanata da Xabier Iriondo alla chitarra e da Roberto…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Il Torquemada - The Killer EP (Jestrai, 2008)

Trovo bizzarro che una band, o chi per essa, per presentare la propria musica senta la necessità, come prima cosa, …

07 Jun 2008 Reviews

Read more

Antonio "Tony Face" Baciocchi - Uscito Vivo Dagli Anni '80…

Acquistato dal sottoscritto con colpevole ritardo, questo libretto è - a priori - consigliato a tutti coloro che hanno minimamente…

23 Aug 2007 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top