Kotha – Black Animal Hex (Hate Mail, 2017)

Cresce in fretta Kotha, la mostruosa creatura di Daniele Santagiuliana, e – dopo aver pagato tributo ai maestri nel primo disco – volge ora il suo sguardo verso più ampi ma sempre lividi orizzonti. Se nell’esordio gli sconfinamenti oltre i limiti del genere erano occasionali, qui tutto si gioca in una terra di nessuno dove il suono tende ad espandersi mantenendo solo pochi punti in comune coi canoni stabiliti: in questa landa desolata il black metal cessa di essere uno stile musicale per diventare uno spirito che si incarna in suoni e strutture inusuali, modalità già sperimentata da altri e che sta contribuendo a tener viva l’antica fiamma ben più dei tanti pedissequi epigoni di Mayhem e soci. Un gruppo black sopravvissuto a un olocausto nucleare, con l’organico più che dimezzato e ridottosi a utilizzare gli strumenti rimasti o oggetti trovati, suonerebbe probabilmente come i Kotha di Black Animal Hex: sporco, minimale, lento, metallico, disarticolato. Nel percorso di allontanamento dalla forma canzone la (one man) band occhieggia al post-industrial (più ad Atrax Morgue che non agli ovvi MZ 412) e segue cadenze basso/batteria decisamente doom sulle quali innesta i ritmi ipnotici e meccanici dei Blut Aus Nord opportunamente scarnificati (Le Teste Tagliate Non Smettono Di Cantare), melodie spettrali sorrette da linee di basso post-punk (Sunset’s Tail) e una voce che ha davvero poco di umano e ci racconta, in una lingua incomprensibile, storie di indicibile sofferenza. Più di una volta si ha l’impressione di affacciarsi sullo stesso abisso in cui guardarono, con diversi risultati, i Khlyst di James Plotkin, ma l’unico, vero termine di paragone mi sembrano essere i misconosciuti Dead Reptile Shrine: l’idea di un black tribale e ritualistico ridotto ai minimi termini ma aperto ad influenze esterne e dove l’attitudine weird serve a fare emergere senza fronzoli l’essenza delle cose, sottintende ad entrambe i progetti, anche se Kotha spinge la dissoluzione ancora più in là. Non fatevi dunque ingannare dall’ambient nemmeno troppo dark della conclusiva Coda: è solo l’illusoria pace prima di una nuova tempesta.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Impact - Realtà Mutabili (Linea BN, 2011)

Se si dovesse definire questo libro con sole due parole, sarebbero certamente "non mediato". Non mediato è il linguaggio usato,…

02 May 2011 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Pussyhead (Autoprodotto, 2013)

L'indefessa poetica dei rifiuti continua la propria sciancata strada attraverso i pezzi dei ritrovati Hazardous Waste che da un certo…

17 Jan 2014 Reviews

Read more

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Philippe Petit – Multicoloured Shadows (Aagoo, 2015)

Philippe Petit è sempre lui, multiforme - per quanto la cosa possa sembrare un ossimoro – e prolifico: per quanto…

18 Jan 2016 Reviews

Read more

Musiche per il tempo del bosco

“Il compito della guida spirituale è condurvi il discepolo per liberarlo dalla paura. Il bosco lo fa morire e rinascere simbolicamente.…

13 Nov 2017 Articles

Read more

Ripples Recordings

So che myspace per molti di voi è out e che su facebook è più facile cercare donne e uomini,…

13 May 2010 Articles

Read more

Luciano Maggiore & Francesco Fuzz Brasini - How To Increase…

Eravamo stati fra i pochi, lo scorso anno, a non entusiasmarci per l'esordio di Luciano Maggiore e Francesco Brasini: fra…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Ben Frost’s Music For Six Guitars – 15/09/12 Stazione Centrale…

Il festival MiTo regala sempre qualche ragione per spingersi verso Milano, cosa che altrimenti faccio malvolentieri. Stavolta l’occasione è rappresentata…

21 Sep 2012 Live

Read more

WOW - Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che…

16 Jan 2022 Reviews

Read more

Barnacles - Air Skin Digger (ADN, 2018)

Torna Matteo Uggeri con la sua creatura Barnacles, che al secondo disco sulla lunga distanza cresce e mette a fuoco…

24 May 2018 Reviews

Read more

Aetnea – S/T (Autoprodotto, 2012)

Gli Aetnea arrivano dal comune di Trecastagni, provincia di Catania, ma non immaginate le "solite" cose in stile Uzeda o…

06 Jul 2012 Reviews

Read more

My Speaking Shoes - Holy Stuff (Autoprodotto, 2012)

Ohhhhh. Bene. Con un paio di mesi di ritardo rispetto all'uscita, mi accingo a parlare del primo disco di una…

22 May 2012 Reviews

Read more

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top