since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: elliott smith

Nicolas J. Roncea – Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e come solista, specialmente con Old Toys, lavoro che ha preceduto di due anni Eight. Questa è la prima tranche di un progetto decisamente ambizioso: altre due parti sono previste e saranno disponibili, nei mesi a venire, anche in versione digitale per dare la possibilità agli ascoltatori di scegliere i dieci pezzi (sui 24 pubblicati) che andranno a formare un vinile speciale. …

Read more

Setting Sun – Be Here When You Get There (Young Love Records, 2013)

Setting Sun è un progetto che nasce dalla mente di Gary Levitt, con una lineup che ruota a seconda delle situazioni e degli spostamenti geografici del frontman. Originario di New York poi trasferitosi a San Francisco e Los Angeles, è tornato di nuovo nella Grande mela (a Brooklyn per la precisione) pronto a lanciare Be Here When You Get There, il suo quinto album. Un disco dove maturità, pop folk e indie rock convivono molto bene con brani guidati con mano sicura da semplici linee melodiche in cui prevalgono toni acustici e ballate folk (Seasons, Selfish Love e Dream Next Door) dal sapore agrodolce con una punta di malinconia.

Read more

Southerly – Storyteller And The Gossip Columnist (Arctic Rodeo, 2008)

Succede di riconciliarsi con il post-rock e con il folk: qualche tempo fa ad esempio mi era successo di apprezzare molto il disco d’esordio dei Balmorhea (di cui so che ora è in giro il nuovo lavoro) e mi è successo anche con questi Southerly. Il gioco è sempre lo stesso, quello della forma canzone, la strumentazione è sempre quella di un gruppo folk-rock… ma che lavoro ben fatto! E che begli arrangiamenti! Pur non inventandosi nulla e suonando melodie e canzoni che potreste aver sentito migliaia di altre volte. …

Read more

The Softone – These Days Are Blue (Awful Bliss, 2008)

La Awful Bliss è un'etichetta carrarese-napoletana sorta da poco, eppure già con radici ben piantate nel nostro piccolo mondo sotterraneo fatto di autoproduzioni e capolavori impoverati per pochi eletti. Una sorta di sorellina minore della Homesleep, con una forte propensione a guardare oltreoceano, sia nelle sonorità che nell'attitudine. These Days Are Blue, primo disco di questi Softone, progetto gravitante attorno all'orbita del cantautore Giovanni Vicinanza, nè è un esempio più che valido. …

Read more
Back to top