since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: amber asylum

AA. VV. – Safe In Their Alabaster Chambers (Under My Bed, 2013)

La serie Murmured Poetry è un interessante progetto della Under My Bed che affida a tre gruppi una poesia, chiedendo di darne due interpretazioni: una che utilizzi le parole come testo e una strumentale che ne interpreti  significato e atmosfere. Una formula abbastanza restrittiva, ma anche un gioco dove ogni band è chiamata a farsi forte delle restrizioni imposte, permettendo poi all’ascoltatore di confrontare i risultati. Perso colpevolmente il primo capitolo, dedicato a Sylvia Plath, cerchiamo di rifarci con questo basato sul poema Safe In They Alabaster Chambers di Emily Dickinson. …

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e xDisciplex A.D., gli Om tornano con una nuova formazione e noi li recensiamo, con colpevole ritardo, a pochi giorni dalla loro venuta in Italia. L'ingresso del nuovo batterista Emil Amos, in comproprietà coi Grails, accelera l'allontanamento, già evidente in Pilgrimage, dal doom'n'bass degli esordi verso una musica che guarda a luoghi remoti nello spazio e nel tempo. La frequentazione del copto David Tibet deve aver lasciato il segno. …

Read more

March Of RaDOOM – Volume 001/666

Poiché il percorso delle vostre insulse vite vi ha portato nella tana del bieco Radu Kakarath, sarete ora costretti a subire un’ora di ritmi a 40 bpm, registrazioni cessofoniche, metallo scadente e sessismo. Ma non lamentatevi, se siete qui è perché ve lo meritate. …

Read more

Maninkari – Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse particolare, non leggo molte riviste quindi magari questi Maninkari sono stati pompati ovunque, anche se sinceramente dubito vivamente vada così e se così non fosse sarebbe davvero un peccato perché questa, per quel che mi riguarda, è stata una delle migliori sorprese dell’anno appena concluso.

Read more
Back to top