Maninkari – Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse particolare, non leggo molte riviste quindi magari questi Maninkari sono stati pompati ovunque, anche se sinceramente dubito vivamente vada così e se così non fosse sarebbe davvero un peccato perché questa, per quel che mi riguarda, è stata una delle migliori sorprese dell’anno appena concluso.
Il nostro Giorc è rimasto folgorato dai Menace Ruine che effettivamente non sono niente male, ma anche questi Maninkari non sono davvero da meno, il fatto è che prima di comprarli ero titubante, fra me e me pensavo: "Maninkari, che nome del cazzo… Okhara, Rhueda, Kulara… sarà uno di quei gruppi post-emo, magari noise, della minchia! (per altro quelli menzionati mi piacciono)", nonostante ciò, sotto consiglio del conte Piacenza (Shove), ho preso questo doppio CD e l’ho portato a "casa casina" (perché anche io come Ned Flanders prego iddio onnipotente che si è preso la Englaro infilandolo nel culo a tutti… Vaticano del cazzo in primis!). Essendo io malfidente e prevenuto ho fatto uno più uno e vedendo che era su Conspiracy (la Hydra Head europea, quella che è gestita fra gli altri da un ex Rubish Heap, gruppo più che mai sottovalutato) ho pensato che sarebbe stato figo, ma l’avevo già incasellato nella sezione "post-core metalluso". All’opposto, i Maninkari sembrano uno strano incrocio fra Trial Of The Bow, le Amber Asylum molto più tecniche, della musica un po’ più free o più che altro freak ed un gruppo Constellation con una vena decimante noir, diciamo che in altri tempi con buona probabilità sarebbero stati su Release. Nessun cedimento nonostante la gran mole di materiale (si tratta di un doppio CD) e l’altra cosa sorprendente è che tutti gli strumenti sono suonati dai due fratelli Charlot che si alternano a viola, cymbalon, santoor, tastiere, batteria, piano e campionamenti. Musica da camera cupa, freakketume sciorinato con una finezza davvero incredibile ed un retrogusto vagamente etnico (in questo forse direi che trovo una gran continuità con i Trial Of The Bow). Al di là di ogni scomodo parallelo il disco anche quando sviluppa i crescendo lo fa in modo fine, senza mai attaccarsi troppo a questo o a quell’altro cliché, la tensione e l’atmosfera delle tracce sono così dense che i pezzi scorrono uno dietro l’altro in una specie di continuum più naturale di quello che che hanno molti dischi che nascono con questo preciso intento. Il mini che precedeva questo doppio annoverava due remix affidati a Scanner e Broadrick, se tanto mi da tanto anche nel gusto degli abbinamenti direi che i fratelli francesi abbiano fatto filotto. Se la tirchieria vi trattiene (come me) dal comprare porcate nuove che tanto troverete nell’usato fra un mese, questa volta c’è di che accanirsi contro il beneamato maialino salvadanaio. Se i Rachels fossero andati in depressione ed avessero attraversato la "twilight zone", il pet sematary ce li avrebbe riconsegnati così…"I don’t want to live my life again… oh oh oh no!".

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Koji Asano – Mileage Reimbursement (Solstice, 2012)

Non si ferma, ci preoccuperebbe il contrario, la prolifica produzione del giapponese Koji Asano e a pochi mesi da Travel…

05 Feb 2013 Reviews

Read more

Dispositivoperilanciobliquodiunasferetta – Rembrandt Era Eccezionale (UHR/Lemming/Respira, 2009)

Dobbiamo prendere atto che oramai i giovani musicisti crescono a pane e Battles come una volta si cresceva con i…

04 Nov 2009 Reviews

Read more

Andrew Tuttle - S/T (Someone Good/Room40, 2018)

Andrew Tuttle arriva al terzo disco mescolando chitarra acustica e banjo con synth e laptop: il suo essenziale armamentario gli…

05 Jun 2018 Reviews

Read more

Zerogroove /Alessandro Bocci -The Urban Tape (Kaczynski, 2019)

Uno split, per essere davvero buono, dovrebbe mettere insieme due metà non troppo simili da rendere monotono l’ascolto, ma nemmeno…

07 Jan 2020 Reviews

Read more

The Cubical - Arise Conglomerate (Halfpenny/Cargo, 2012)

Gustosa terza uscita per questo quintetto di Liverpool sempre pù scollato dalle asperità punx 'n' roll degli esordi in favore…

04 Apr 2013 Reviews

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Ty Segall + JC Satan – 02/11/2014 Interzona (Verona)

Serata post Halloween all’Interzona, con qualche reduce della sera precedente che ancora si aggira nella sala e del quale renderemo…

07 Nov 2014 Live

Read more

Radar Bros - Auditorium (Merge, 2008)

Dopo la mezza delusione di The Fallen Leaf Pages (che era tutt'altro che un disco brutto) torna un invecchiato Jim…

19 Jan 2008 Reviews

Read more

AA.VV. - Trax 0982 Xtra (Radical Matters, 2011)

Trax 0982 Xtra è il terzo episodio delle ristampe dei dischi Trax, che dopo Notterossa (su Small Voices) e Trax…

09 Jan 2012 Reviews

Read more

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Roll The Dice - In Dust (Leaf, 2011)

Questo duo svedese approda su Leaf per il secondo disco in studio e per quanto io non sia molto incline…

15 Nov 2011 Reviews

Read more

H!U – S/T (Corpoc/Esercizi Di Assenza, 2014)

Quanto il crescere fra boschi e sassi in provincia di Lecco possa aver influenzato la genesi di H!U, creatura del…

13 Feb 2015 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Bilayer – Bilayer (Va Fongool, 2019)

Dopo  prove soliste molto interessanti, tra cui l’incisivo Lazuli, Hilde Marie Holsen torna assieme a Magnus Bugge a nome Bilayer.…

21 Mar 2019 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

Frana - Disastersss (Taxi Driver/Santavalvola/Sonatine, 2021)

I milanesi Frana ci sono simpatici. Come se fossimo ancora nel1997 si divertono a coniugare brillantemente i Quicksand, i Bastro…

06 Apr 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top