since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: airportman

Airportman/Giaccone/Lalli – Anna E Sam (Lizard, 2016)

Tredicesima uscita per gli Airportman che continuando la collaborazione con gli amici Stefano Giaccone e Lalli, duo che non ha certo bisogno di presentazioni, ci propongono questo nuovo e conturbante lavoro. Inevitabilmente ci allontaniamo (a parte un paio di episodi) dalle rappresentazioni tipicamente strumentali della band per tuffarci nei freddi mari autunnali carichi di struggente malinconia…

Read more

Airportman – David (Lizard, 2014)

Atmosfere di cupo minimalismo accompagnano David, concept degli Airportman legato al tema della morte, in particolare alla storia di un suidicio. Questo progetto di lungo corso si abbandona per questa nuova uscita a linee spettrali di pianoforte e chitarra slegate tra loro, suonate in tempi diversi e in totale solitudine dai membri della band di Cuneo. Quello a cui assistiamo sembra l’ultima esalazione, l’ultimo sussurro strumentale di un corpo ancora caldo prima del rigor mortis.

Read more

Airportman & Tommaso Cerasuolo – 23/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Una tribute band, seppur sui generis, questo è quel che è il progetto messo insieme dai cuneesi Airportman con Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione alla voce. Sui generis perché non onora un gruppo in particolare ma un'intera epoca; lo fa senza ricalcare pedissequamente le canzoni originali ma riarrangiandole e armonizzadole in un pop-rock raffinato a base di chitarre acustiche, fisarmoniche, glockenspiel, hammond e banjo che corrono di mano in mano fra gli intercambiabili musicisti (dubito che qualcuno abbia suonato per due brani a fila lo stesso strumento). …

Read more

VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della penisola, si trasformi in un epitaffio a causa della chiusura del Tago Mago, locale che per anni ha proposto una programmazione di gran livello e appunto, ospitato cinque edizioni del Tagofest. Più positivamente possiamo però considerare questo DVD come un felice amarcord, nonché testimonianza dello stato dell'arte della musica italiana più di confine. …

Read more
Back to top