since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: agnostic front

Plakkaggio HC – Ritorno Alla Pangea

Giunto al terzo lavoro (Approdo), dopo Il Nemico (2007) e Fronte Del Sacco (2009), questo terzetto di Colleferro sembra essere riuscito a coniugare finalmente lo spirito OI! con la N.W.O.B.H.M. e un certa dose di sana auto/ironia che male non fa. Far due chiacchiere con loro è un po’ come mettersi a discutere con un avventore del pub dopo una certa ora: ti senti subito a tuo agio ed entri in sintonia anche se non lo hai mai incontrato prima. Ben lontano da intellettualismi e ridondanze per soli iniziati, il Plakkaggio HC va a ruota libera in un carambola tra rugby, ventismo e Gabriele D’Annunzio.

Read more

Ieper Hardcore Fest 2012 – 10-12/08/12 Ieper (Belgio)

In questo 2012 ricorre il ventennale dello Ieperfest e gli organizzatori hanno scelto una scaletta celebrativa: di conseguenza ci sono nomi di grido e vecchie glorie a mettere in mostra presente e passato dell’hardcore e non solo, in un’ottica che rispetti i gusti del pubblico “estremo” belga, che non fa mistero della predilezione per i suoni pesanti e grezzi. Personalmente sono un neofita di questo festival e non ho vissuto né gli esordi a nome Vort’n Vis, né la vecchia location più ridotta “dei bei vecchi tempi” e quindi vedo lo Ieperfest solo così com’è oggi: un festival in equilibrio tra il piccolo cerchio di iniziati e il mega raduno oceanico. Non è facile riassumere la girandola di sensazioni di questi tre giorni a Ieper con un resoconto sequenziale, per cui eccovi sviscerate sensazioni, descrizioni e commenti dis-ordinati per temi. …

Read more

Agnostic Front – Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in contrario che la working class avesse la possibilità di “innalzarsi dalla gabbia metropolitana per poter urlare a gran voce il proprio disagio”. Ma questi vecchi debosciati, solo Vinnie Stigma e Roger Miret degli originali, sono in età da pensione: troppo vecchi per essere inseriti in una fabbrica metalmeccanica e troppo imbolsiti per una bolgia hardcore. Ecco allora che potrebbe emergere la funzione terapeutica del calcio: se avessero avuto il pallone sarebbero sicuramente finiti a far i commissari tecnici in un bar e non a produrre dischi come questo. Ma a Brooklyn, purtroppo, il calcio non c’è. …

Read more
Back to top