Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown” non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile album che sarebbe uscito anche prima, ammantato dall’alone di dramma per provare a darsi un tono) ma un lavoro che ha senso come testimonianza, ma anche come interpretazione, del vissuto di questo strano periodo. La forza di Silenzio sta nella semplicità dell’idea e della realizzazione (al netto delle competenze impiegate, ovviamente): Valerio Marras, in arte Sarram, ha chiamato a raccolta amiche e amici sparsi per il mondo chiedendo che lasciassero ognuno un segno di questo periodo, nel modo che preferivano. C’è chi ha messo i propri pensieri in versi, chi ha raccontato, chi ha preferito esprimersi in musica; è toccato poi al musicista prendere in mano il tutto, trovare i giusti suoni e giungere al prodotto finito, battezzato col nome del testimone. Un procedimento artigianali dove il ruolo di Sarram, per quanto di servizio, non è mai supino al materiale di partenza, ma ne interpreta gli umori, a volte assecondandoli, altre lavorando di contrasto. Capita così che la poesia in ceco di Thomas Malotin sia accostata a soundscape e field recording che suggeriscono solitudine e pace; che la cadenza solenne del farsi di Elaheh Mohammadbaghban sia accompagnata da suoni sintetici nervosi e spezzati; che la narrazione sentita, in sardo, di Diego Pani (da New York) sia supportata da un ambient sporco e quasi industriale, ma capace di zittirsi davanti alle parole; che il racconto riflessivo, in tedesco, si associ ad un’elettronica mobile e inafferrabile (Dimitrios Kaitsis) o a suoni concreti (Sarah Kristof). Vari anche i toni delle collaborazioni che portano ai brani strumentali, ora tesi e ritmici (Gabriele Gasparotti), ora sognanti e dilatati (Daniele Borri), ma anche capaci di abbinare spipoli e chitarre corpose (Giona Vinti). Silenzio è album a tema ma non monotematico (nelle parole rientrano anche fatti avvenuti durante l’anno, non solo la questione del Covid)  che ci ricorda che anche un periodo del genere (forse, a maggior ragione, proprio un periodo del genere) merita di essere ricordato. Senza retorica.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Majak - Scavengers (Autoprodotto, 2014)

Hardcore apocalittico e senza compromessi per questa agguerrita pattuglia genovese. Un brillante esordio dove scorgiamo tanto i cicloni ascensionali dei…

04 Nov 2014 Reviews

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Rosolina Mar/Trumans Water - Split (Robotradio, 2007)

La Robotradio grazie ad un parto gemellare, oltre a Lucertolas, regala un nuovo capitolo della sua personale serie che unisce…

19 Dec 2007 Reviews

Read more

Colony Open Air Day 2 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Ci vuole un po’ di tempo per recuperare le energie in vista di un secondo giorno che si preannuncia impegnativo…

31 Aug 2017 Live

Read more

Marnero – Naufragio Universale (Donna Bavosa/Sangue Dischi/InLimine, 2010)

Ritroviamo con un LP di cui sono unici titolari i Marnero, che avevamo conosciuto nell'impari split coi Si Non Sedes…

03 Oct 2010 Reviews

Read more

Papiro - Automare (Muscut, 2017)

Marco Papiro arriva al settimo disco e si accasa presso la ucraina Muscat con questo Automare che continua la sua ricerca…

27 Mar 2018 Reviews

Read more

Turnstile - Nonstop Feeling (Reaper, 2015)

Per tutti voi che amate le sonorità più muscolari e il groove pesante potrebbe essere arrivato uno dei dischi…

04 Mar 2015 Reviews

Read more

Uncodified – Behaviour Traits Of Stalkers (Diazepam, 2013)

Con un titolo del genere, con un Black Death Synth che spicca fra la strumentazione, con Marco Deplano (Wertham) che…

24 Feb 2014 Reviews

Read more

Lleroy - Soma (Blinde Proteus/Bloody Sound Fucktory et al., …

Beh. Per farla breve: uno degli Io Monade Stanca mi contatta per sapere se si può parlare dell'ultimo disco dei…

17 Jun 2013 Reviews

Read more

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

The Go Find - Brand New Love (Morr Music, 2014)

Il belga Dieter Sermeus porta avanti i suoi The Go Find con un disco ogni tre/quattro anni, siamo arrivati al…

27 Mar 2014 Reviews

Read more

Daughter – 10/07/13 Teatro Arena Conchiglia (Sestri Levante – GE)

Bella sorpresa il cartellone del Mojotic quest'estate, con una programmazione che punta a nomi di richiamo, come una cittadina turistica…

19 Jul 2013 Live

Read more

Lite - Illuminate (Transduction, 2010)

Il perché la Transduction sia così ossessionata dai gruppi post/math-rock giapponesi mi è oscuro, resta che il livello tecnico e…

13 Oct 2010 Reviews

Read more

Nodolby - Deranged/Unlaced (Sincope, 2012)

Uscita interessante per Nodolby, moniker usato da Michele Scariot dell'etichetta Dokuro, già in passato presente su Sincope con uno split…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top