Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown” non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile album che sarebbe uscito anche prima, ammantato dall’alone di dramma per provare a darsi un tono) ma un lavoro che ha senso come testimonianza, ma anche come interpretazione, del vissuto di questo strano periodo. La forza di Silenzio sta nella semplicità dell’idea e della realizzazione (al netto delle competenze impiegate, ovviamente): Valerio Marras, in arte Sarram, ha chiamato a raccolta amiche e amici sparsi per il mondo chiedendo che lasciassero ognuno un segno di questo periodo, nel modo che preferivano. C’è chi ha messo i propri pensieri in versi, chi ha raccontato, chi ha preferito esprimersi in musica; è toccato poi al musicista prendere in mano il tutto, trovare i giusti suoni e giungere al prodotto finito, battezzato col nome del testimone. Un procedimento artigianali dove il ruolo di Sarram, per quanto di servizio, non è mai supino al materiale di partenza, ma ne interpreta gli umori, a volte assecondandoli, altre lavorando di contrasto. Capita così che la poesia in ceco di Thomas Malotin sia accostata a soundscape e field recording che suggeriscono solitudine e pace; che la cadenza solenne del farsi di Elaheh Mohammadbaghban sia accompagnata da suoni sintetici nervosi e spezzati; che la narrazione sentita, in sardo, di Diego Pani (da New York) sia supportata da un ambient sporco e quasi industriale, ma capace di zittirsi davanti alle parole; che il racconto riflessivo, in tedesco, si associ ad un’elettronica mobile e inafferrabile (Dimitrios Kaitsis) o a suoni concreti (Sarah Kristof). Vari anche i toni delle collaborazioni che portano ai brani strumentali, ora tesi e ritmici (Gabriele Gasparotti), ora sognanti e dilatati (Daniele Borri), ma anche capaci di abbinare spipoli e chitarre corpose (Giona Vinti). Silenzio è album a tema ma non monotematico (nelle parole rientrano anche fatti avvenuti durante l’anno, non solo la questione del Covid)  che ci ricorda che anche un periodo del genere (forse, a maggior ragione, proprio un periodo del genere) merita di essere ricordato. Senza retorica.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Neunau – Il Ciclo Del Vuoto (Boring Machines, 2019)

In un mondo sempre più indistinto e superficiale un progetto come Neunau, che già avevamo conosciuto con l’EP di un…

12 Jul 2019 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

Thee Oh Sees - Carrion Crawler/The Dream EP (In The…

Per me questi Thee Oh Sees non sbagliano un colpo. E dopo averli visti nel maggio di quest’anno esibirsi in…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Lee Gamble - KOCH (PAN, 2014)

Ritorno al futuro. Sarà ormai più di un mese che ascolto questo disco (alternandolo con altro, naturalmente), perchè con le…

16 Oct 2014 Reviews

Read more

Ikue Mori/Simon Balestrazzi/Sylvie Courvoisier/Alessandro Olla/Maja Ratkje - Tresure Hunt (TiConZero,…

Che per Simon Balestrazzi si trattasse di un periodo molto florido lo avrete anche intuito dalla sua iperprolificità e questo…

30 Apr 2012 Reviews

Read more

Israel Martinez – The Minutes (Aagoo, 2013)

Israel Martinez è al suo settimo lavoro e si è sempre interessato al mondo della musica ambient/elettronica e sperimentale anche…

23 May 2013 Reviews

Read more

Bad Pritt – S/T (Shyrec, 2018)

Quando avevamo perso le tracce di The White Mega Giant, il trio veneto stava evolvendo il proprio suono, partito da…

31 Dec 2018 Reviews

Read more

Liars - Liars (Mute, 2007)

Liquidare questo quarto album dei Liars come il loro album più pop sarebbe fin troppo facile, però essendo questo…

17 Sep 2007 Reviews

Read more

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die...but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le…

31 Mar 2011 Reviews

Read more

Kruk - End It (Autoprodotto, 2011)

Comincia a far freddo. Sul serio. E mi sembra di aver trovato la colonna sonora perfetta per le mattine ghiacciate,…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon…

03 Oct 2016 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more

Fungi From Yuggoth – S/T (Diazepam/Lightbulb, 2012)

È lungi dall'esaurirsi il fascino che gli scritti di H.P. Lovecraft esercitano sui musicisti di aera estrema: in questo caso…

14 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top