Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i mondi si riduce fino quasi ad annullarsi, è necessario, a maggior ragione in un’epoca particolare come questa, una colonna sonora adatta: mi permetto di suggerirvi questo nastro, pubblicato non a caso il 2 novembre, che si candida a sottofondo ideale per gli strani cenoni di questa fine di 2020. Sul primo lato Adamennon: scordatevi quello occulto ma tutto sommato presentabile de Le Sette Porte Del Buio; qui trovate musica che, pur affine per ispirazione alla suddetta, riporta allo spirito del black metal degli albori attraverso un suono che erutta dai recessi più oscuri dell’anima e si spande come nebbia nera e sporca. Il tessuto sonoro – fatto di organo, chitarre, batteria e voce – si sgrana come le figure di una vecchia foto in bianco e nero, le melodie nascono e subito appassiscono, le composizioni sono fagocitate dal rumore. Sia che il ritmo si alzi, come capita talvolta nella pur funerea Ashes, sia che proceda sempre lentissimo, come in Endless Night, una coltre densa e opaca avvolge ogni suono e trasmette un ineluttabile sensazione di marcescenza. Sul lato opposto, Shiver costruisce, con cura artigianale, un inno alla solitudine combinando campioni di musica classica a field recording catturati su battigie deserte, in chiese e in bunker abbandonati. Ci troviamo al centro di uno spazio vuoto, che possiamo misurare attraverso il riverbero dei rumori e dei tonfi che risuonano di tanto in tanto; intorno a noi ruotano framenti di partiture orchestrali traslucide, melodie inafferrabili che, persa la loro originale funzione, ci attraversano come lame: siamo spettatori inermi  che rimirano luoghi spettrali. Le due metà del nastro si presentano come parti complementari di un’unica visione: l’uno non è l’opposto dell’altro, solo una diversa prospettiva, un differente sguardo sulla medesima realtà. Adamennon e Shiver non ci propongono dunque né una salvifica catarsi né una rassegnata accettazione dell’esistente, piuttosto un atto di cruda adesione al reale: ci aiutano a vivere meglio il peggio. Buon anno, ragazzi.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Barons 80 - S/T (Hellbones, 2020)

Fedele ai reconditi quanto primigeni amori della Hellbones ecco un prodotto tanto inaspettato quanto fresco come una sgasata di hot-rod.…

12 Feb 2021 Reviews

Read more

Father Murphy - Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo,…

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell'autore, sarebbe talvolta (se…

23 Apr 2012 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

Khem – The Cross (Old Europa Cafè, 2013)

Ancor più che un collettivo, come essi stessi si definiscono, Khem mi pare essere un’entità dotata di un proprio carattere…

18 Apr 2014 Reviews

Read more

Takka Takka - Migration (Lili Is Pi, 2010)

E' curioso come per certi gruppi si leggano in giro un sacco di cose e poi alla fine ascoltandoli non…

27 Aug 2010 Reviews

Read more

McKenzie - Ep (Black Candy/La Lumaca, 2016)

Per certi versi potremmo definire questi giovani calabresi i Mclusky di casa nostra anche se, musicalmente, non siamo esattamente sulle stesse coordinate…

07 Dec 2016 Reviews

Read more

Kajkyt – II (God, 2013)

Se non sbaglio è la prima volta che, su queste pagine, incontriamo Slobodan Kajkut in carne e ossa, dopo aver…

16 Jan 2014 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.5

Arriva la primavera, ma non è tutta rose e fiori. Abilmente occultata tra innocenti melodie e apparentemente inoffensive canzoni pop,…

28 Feb 2010 Podcasts

Read more

Volcano! - Paperwork (Leaf, 2008)

Per un gruppo come i Volcano! è difficile aspettarsi certezze. Dopo aver mescolato tutte le carte dei generi, senza mai…

23 Sep 2008 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Illachime Quartet - Sales (Zeit/Lizard, 2012)

Tornano gli Illachime Quartet con Sales, disco di remix e rielaborazioni varie da brani estratti dai loro due dischi e…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

The Vaselines - 28/01/12 Bronson (Ravenna)

Reunion. Best of suonati pedissequamente. Ignobili crowdpleaser degni dei peggio leccapiedi del pubblico da letteratura di serie Z. Di solito,…

10 Feb 2012 Live

Read more

Death In June + Fire+Ice + Vurgart – 28/10/11 Carlito’s…

Tour del trentennale, dopo lunga assenza dai palchi, per i Death In June: come non esserci? Sì, anche solo per…

11 Nov 2011 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top