(r) – Titan Arum ( Cheap Satanism/Delete Recordings, 2021)

Non è semplice calarsi dentro Titan Arum. I primi due minuti e trenta di Botox sono infatti in qualche modo respingenti tanto quanto ruvidi. Poi parte l’anestetico ed i suoi effetti collaterali, le due voci dei Father Murphy si uniscono in controcanti mentre la musica sempra perdere giri, rimanendo sciancata su se stessa. The men in pink Fabrizio Modonese Palumbo porta seco una famiglia allargata, spruzzi di colore in una formazione agile, che balla in una discoteca nella quale i Klaus Johan Grobe, gomiti al bancone, si troverebbero da dio. Pezzi brevi e pop si alternano a disgressioni ritmiche e gittate oscure e wave. Parasomnia è al tempo stesso distraente ed attraente, un flamenco dettato da creature in stato di trasformazione, forse proprio come il fallo gigante, mentre Oblivion chiude Depeche Mode e Xiu Xiu in una gabbia in cantina, lasciandoli a creare con giocattoli e sedativi. Il culmine è ovviamente il pezzo col cammello, For Those Like Me, che si avvale dei rumori del mammifero creando beats rullanti e tappeti dinoccolanti. Scavallato si prende del buon luccichio ’80, sguardi annebbisati e voci lontani per una Vacant Stares che si fa in fretta ottundente ed immediata. The Lama and the Rabbit è l’incontro di due coniugi, Fabrizio e Paul Beauchamp, di due luoghi, Torino e Svalbard (rappresentati dai field recordings recuperati su entrambi i campi, se l’avete perso recuperatevi quanto fatto in loco dai Blind Cave Salamander) e di un ukulele sommerso ed affogato nelle acque artiche. Tra elettricità statica e spire malefiche si contorce la seguente The Sssophisssticated Sssofa Sssnakesss fino a vedere una sorta di luminosità aggressiva che non ri riesce comunque a raggiungere, rincorsi da un beat dentro al quale vola fioca la lap-steel di Teho Teardo. Quando il tutto si cheta entriamo nell’ultima parte dell’album, con una Pira-Pira che stride e che brucia, quasi che l’infiorescenza sia ormai putrida ed inacidita, per pacificarsi sotto le parole di Klaus Miser. Con Red Coat e Lullaby (del per sempre grande Leonard Cohen) si entra nel finale: il primo brano sembra essere un cuore pulsante, caldo, abbandonato fra la neve. Le sventagliate di Fabrizio e Daniele Pagliero sono fredde e sferzano il viso, con il calore si attenua sempre di più e la luce che va a scomparire, fino a diventare un piccolo punto caldo in profondità, ormai irraggiungibile. Si chiude con una ninna nanna quindi, infernale come solo il nostro poteva offrirci, dolente e stridente, per un lavoro che forse mai come questa volta lo ha visto al timone di una banda dolente, cerimoniere di una congrega che ormai ha perso la rotta e vaga, trasformando ogni apporto nel teatro più spietato che esista, quello della vita. Se a questa vita in fiore aggiungiamo poi il vestito della festa, creato ad hoc dalla mano santa di Marco Schiavo che altro ci resta? Fatelo vostro, in ogni formato, e donatelo a chi vorreste vicino.

 

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sigillum S - Coalescence of Time: Other Conjectures on Future…

L’incipit è immediatamente feroce ed animalesco, ferino, tipo una fossa cyborg. Come il più grande carnivoro malgascio i nostri sembrano…

16 Jun 2022 Reviews

Read more

Gabriel Sternberg - Endless Night (Canebagnato, 2007)

La Canebagnato è una piccola etichetta milanese, che vuole rimanere tale e che, a detta sua, pubblica album per folk…

11 Apr 2008 Reviews

Read more

Susi Brescia - Tu Mi Dai Il Male (Nutrimenti, 2007)

Ho letto di questo libro su D di Repubblica un sabato mattina durante la colazione, e l'argomento mi ha subito…

29 Mar 2007 Reviews

Read more

Words And Actions - Time Can't Be Turned Back (Final…

Dopo tre anni i vita i Words And Actions si arrendono all'ormai vetusto formato CD: Final Muzik pubblica infatti una…

24 Jul 2013 Reviews

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

Lust For Youth - Solar Flare (Avant!, 2011)

Dopo varie cassette e split il duo svedese composto da Amanda Eriksson e Hannes Norrvide pubblica questo CD sull'italiana Avant!…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

My Dear Killer – The Electric Dragon Of Venus (Boring…

Sorprende vedere come un'etichetta nota per la musica di ricerca come la Boring Machines stia, col tempo, accogliendo sotto la…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Cielo Inchiostro (Bosco, 2012)

Daniele Brusaschetto è purtroppo uno dei segreti meglio custoditi della musica italiana. Non solo della musica underground, indie, indipendente o…

28 Jan 2013 Reviews

Read more

Inutili - Music To Watch The Clouds On A…

Sebbene il titolo sia fuorviante, non si tratta dell'ennesima produzione primavera/estate Morr Music, bensì di un 12" Ep che racchiude…

16 Sep 2014 Reviews

Read more

Bastion - S/T (Interregnum, 2009)

Non ce li saremmo mai aspettati così scuri, l'emiliano Yukka Reverberi e il tarantino Valerio Cosi; ma la particolarità dell'incontro,…

10 Jul 2009 Reviews

Read more

Monktronik (Pasquale Innarella & Roberto Fega) – S/T (Setola…

Il nome dato a questo progetto fornisce coordinate piuttosto precise di ciò che troveremo nel disco CD. Monktronik è il…

30 Jun 2014 Reviews

Read more

Balmorhea - Rivers Arms (Western Vinyl, 2008)

Quando la Western Vinyl mi ha contattato per recensire i Balmorhea ero un po' titubante, ho visto che in catalogo…

22 Jan 2008 Reviews

Read more

Arirang - S/T (Autoprodotto, 2015)

Morbide visioni avvolgono i giovani Arirang: creativa band meneghina in bilico tra il post rock più cristallino e una scalata…

15 Jun 2015 Reviews

Read more

Bonnie "Prince" Billy - Lie Down In The Light (Drag…

One. Two. Three. Four. Sussurrato a battere il tempo. Come il cigolio notturno di un cancello, Un'apertura profetica. Un qualcosa…

15 Sep 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow - Symphony For Intergalactic Brotherhood (Boring Machines,…

Cosa si può ancora dire della musica di The Star Pillow? Col suo progetto Paolo Monti  esplora le possibilità espressive…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Trax 0982 Xtra (Radical Matters, 2011)

Trax 0982 Xtra è il terzo episodio delle ristampe dei dischi Trax, che dopo Notterossa (su Small Voices) e Trax…

09 Jan 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top