(r) – Titan Arum ( Cheap Satanism/Delete Recordings, 2021)

Non è semplice calarsi dentro Titan Arum. I primi due minuti e trenta di Botox sono infatti in qualche modo respingenti tanto quanto ruvidi. Poi parte l’anestetico ed i suoi effetti collaterali, le due voci dei Father Murphy si uniscono in controcanti mentre la musica sempra perdere giri, rimanendo sciancata su se stessa. The men in pink Fabrizio Modonese Palumbo porta seco una famiglia allargata, spruzzi di colore in una formazione agile, che balla in una discoteca nella quale i Klaus Johan Grobe, gomiti al bancone, si troverebbero da dio. Pezzi brevi e pop si alternano a disgressioni ritmiche e gittate oscure e wave. Parasomnia è al tempo stesso distraente ed attraente, un flamenco dettato da creature in stato di trasformazione, forse proprio come il fallo gigante, mentre Oblivion chiude Depeche Mode e Xiu Xiu in una gabbia in cantina, lasciandoli a creare con giocattoli e sedativi. Il culmine è ovviamente il pezzo col cammello, For Those Like Me, che si avvale dei rumori del mammifero creando beats rullanti e tappeti dinoccolanti. Scavallato si prende del buon luccichio ’80, sguardi annebbisati e voci lontani per una Vacant Stares che si fa in fretta ottundente ed immediata. The Lama and the Rabbit è l’incontro di due coniugi, Fabrizio e Paul Beauchamp, di due luoghi, Torino e Svalbard (rappresentati dai field recordings recuperati su entrambi i campi, se l’avete perso recuperatevi quanto fatto in loco dai Blind Cave Salamander) e di un ukulele sommerso ed affogato nelle acque artiche. Tra elettricità statica e spire malefiche si contorce la seguente The Sssophisssticated Sssofa Sssnakesss fino a vedere una sorta di luminosità aggressiva che non ri riesce comunque a raggiungere, rincorsi da un beat dentro al quale vola fioca la lap-steel di Teho Teardo. Quando il tutto si cheta entriamo nell’ultima parte dell’album, con una Pira-Pira che stride e che brucia, quasi che l’infiorescenza sia ormai putrida ed inacidita, per pacificarsi sotto le parole di Klaus Miser. Con Red Coat e Lullaby (del per sempre grande Leonard Cohen) si entra nel finale: il primo brano sembra essere un cuore pulsante, caldo, abbandonato fra la neve. Le sventagliate di Fabrizio e Daniele Pagliero sono fredde e sferzano il viso, con il calore si attenua sempre di più e la luce che va a scomparire, fino a diventare un piccolo punto caldo in profondità, ormai irraggiungibile. Si chiude con una ninna nanna quindi, infernale come solo il nostro poteva offrirci, dolente e stridente, per un lavoro che forse mai come questa volta lo ha visto al timone di una banda dolente, cerimoniere di una congrega che ormai ha perso la rotta e vaga, trasformando ogni apporto nel teatro più spietato che esista, quello della vita. Se a questa vita in fiore aggiungiamo poi il vestito della festa, creato ad hoc dalla mano santa di Marco Schiavo che altro ci resta? Fatelo vostro, in ogni formato, e donatelo a chi vorreste vicino.

 

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Gerda - Your Sister (Wallace, Sonatine, Fallo Dischi, La Fine,…

Abrasivi, slabbrati e potenti, ma estremamente lucidi. Dopo nove anni dall'esordio, l'ultima fatica dei marchigiani Gerda, si mostra con la…

12 Mar 2015 Reviews

Read more

Valerio Cosi – Plays Popol Vuh (Dreamsheep, 2014)

Non si può dire che Valerio Cosi non ami il rischio: a misurarsi in maniera così scoperta con dei mostri…

02 Dec 2014 Reviews

Read more

Adamennon - Nero (Autoprodotto, 2011)

Torna con un nuovo album, dalla sua dimora persa nell’Appennino tosco-emiliano, il musicista che si cela dietro al nome di…

16 Sep 2011 Reviews

Read more

Temple Of Deimos - Work To Be Done (Go Down,…

Praticamente una cover band dei migliori Queen Of The Stone Age. E potrei anche fermarmi qui. La band genovese dei…

05 Mar 2015 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – 16/03/2014 Thimonnier (Verona)

Per ospitare la tappa veronese del piccolo tour l’associazione Morse si appoggia al Circolo Thimonnier, un ex tipografia riadattata a…

31 Mar 2014 Live

Read more

Birthmark - Antibodies (Polyvinyl, 2012)

Nate Kinsella, il cugino dei due più noti fratelli, si è aggiunto negli ultimi anni ai Joan Of Arc, creatura…

12 Jun 2012 Reviews

Read more

Sokushinbutsu Project 即身仏 - S/T (Industrial Olocaust, 2021)

Progetto difficile, ma non per questo meno interessante, nato, pensato e suonato da Massimo Mascheroni (ODRZ) ed Enrico Ponzoni. Il…

03 Oct 2021 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Boredoms + Kes Band + Bum Creek - 09/10/10 The…

Arriviamo perfettamente in orario alla serata più "in" del mese al Melbourne festival: alla mezzanotte sarà il 10/10/10 e il…

03 Sep 2010 Live

Read more

Torche + Pelican - 04/10/08 Latte Più (Brescia)

Sperimentiamo oggi un nuovo genere di recensione: la recensione-Memento (se avete visto il film, capirete). Trattando di uno di quei…

02 Oct 2008 Live

Read more

Moe – Examination Of The Eye Of A Horse (Wallace/ConradSound,…

Ricordo Henry Rollins sparare in un’intervista che l’influenza del punk su di lui fosse stata nulla rispetto a quella del…

17 Oct 2016 Reviews

Read more

Ventura - Ultima Necat (Africantape/Vitesse, 2013)

Ennesimo mattoncino Africantape sul già alto e forte muro. A questo giro, trattasi di trio svizzero - di Losanna per…

06 May 2013 Reviews

Read more

Redwood Hill/Hexis – Split 7” (Shove/Enjoyment/Boue/Bookhouse e altre, 2013)

La nostrana Shove, in combutta con un manipolo di altre etichette dedite a suoni non proprio da educande, ci propone…

26 Mar 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 10 (11/12/14)

Decima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano approfittano del penultimo appuntamento dell'anno per proporre tre…

15 Dec 2014 Podcasts

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top